• Liala e il suo tich tach
    Liala e il suo tich tach Inabissato. Dopo questa terminologia vissuta intensamente più che scritta, Liala volle crearsi una vita parallela tramite i suoi romanzi. Un modo per sopravvivere. Però lo sguardo dal Montello si inabissava nel lago di Varese in ogni attimo della sua giornata. Dal tramonto all’alba. Ebbe molto Liala essendo di Nobile famiglia. Nobile il suo aspetto e quasi aristocratico quel suo posizionarsi alla macchina da scrivere, sempre più frequentemente, fino a confondere realtà con romanzo. Ma quale era la realtà? Il suo matrimonio combinato e naufragato? No, basta parlare di acqua. Naufragi, inabissarsi di pensieri…. Per fortuna, nella cucciola, Primavera era sempre con lei. Una grande somiglianza, anche fisica. Quella classe quasi aristocratica e quel sorriso dedicato unicamente all’arte di esprimersi con scrittura e canto, che solo dai Cambiasi poteva discendere. Più…

Claudio for Expo

ICH Sicav

 

Home Page

Home Page (7985)

E’ uno degli artisti simbolo della street-culture newyorkese degli anni ’80 che, grazie ai suoi disegni tracciati con un'unica linea continua, è entrato nei musei e nelle gallerie fino a conquistare l'immaginario collettivo. I suoi personaggi, come il “neonato raggiante” o il ”cane che danza”, sono noti a tutti anche senza pronunciare il suo nome e le sue linee curve sono nei principali musei di arte contemporanea del mondo. Keith Haring, forse ancora più di Warhol, rappresenta il lato “Pop” dell'arte, la creazione artistica alla portata di tutti - quantomeno nelle sue riproduzioni, perché in realtà sul mercato le sue tele passano oggi per centinaia di migliaia di dollari e arrivano a superare i 5,5 milioni di dollari, record segnato a Londra lo scorso giugno per «The Last Rainforest», una tela di 1,80 x 2,4 metri del 1989. I suoi riferimenti artistici e culturali, infatti, vanno ben oltre quanto la…
Solo sette abitanti, in un piccolo borgo quasi incantato, tra le nuvole, dove si può arrivare solo “volando”. Sopra Luino, s’insinua la Val Dumentina e da lì si giunge con una strada tortuosa in un ambiente selvaggio e per certi versi ancora incontaminato a Curiglia con la sua frazione montana di Monteviasco, proprio al confine con la Svizzera. Un borgo affascinante, fuori dal mondo, a quasi mille metri di altezza, per tanti versi più unico che raro. Per arrivarci si segue appunto l'unica strada che sale da Luino per Dumenza, poi dalla frazione Due Cossani, si percorre a mezza costa il versante boscoso del monte Gradisea, quindi, dopo aver oltrepassato il monumento in ricordo della visita di San Carlo Borromeo, si arriva a Curiglia, dove termina la strada. Oltre non si può andare, le macchine qui si fermano e si entra in un altro mondo, fatto di natura e paesaggi…
Musica e Lombardia, un binomio inscindibile. La nostra è la regione con il maggior numero di imprese attive nel settore musicale, il 20,2 per cento delle 9.921 presenti in Italia: ben una su cinque. Non basta, perché lombardo è anche il primato relativo al numero di addetti: sono seimila, il 24 per cento del dato totale, che supera di poco le 25mila unità. A MILANO IL 9,3 PER CENTO DELLE IMPRESE ATTIVE IN TUTTA ITALIA Se si considera il numero a livello di singola provincia, è Roma a dominare la classifica con 976 imprese attive nel 2016. La Capitale è tallonata però a breve distanza, solo 50 imprese di differenza, da Milano che rappresenta il 9,3 per cento delle imprese di tutta Italia e che quest’anno ha incrementato il suo numero del 2 per cento, a differenza della stessa Roma che nel 2016 ha peggiorato dello 0,7 per cento la…
Sulla caccia ai lupi, il ministro dell’Ambiente Gian Luca Galletti non fa marcia indietro. L’abbattimento “è previsto in gran parte dei Paesi europei, siamo noi che siamo indietro”, dice in aula alla Camera, difendendo il suo Piano Lupo che prevede le uccisioni controllate. I Cinquestelle lo ribattezzano “ministro cacciatore”. Ma al di là delle polemiche, le parole di Galletti mostrano che la partita sui lupi è ancora aperta. Il Piano Lupo (preparato dal Ministero con l’Ispra e 70 esperti) deve essere votato dalla Conferenza Stato-Regioni il prossimo 23 febbraio. C’è consenso generale su quasi tutte le misure: promozione di sistemi di prevenzione naturali (cani pastori, rifugi, recinti elettrificati), rimborsi più rapidi agli allevatori, gestione dei pascoli, lotta agli incroci con i cani, nucleo anti-bracconaggio dei Carabinieri. Il problema sono gli abbattimenti controllati. Sono previsti in casi estremi, previo un piano regionale approvato dal Ministero e solo fino al 5% della…
Pensierino scritto in treno in un viaggio di ritorno verso casa. Come raccontare, coinvolgere ed emozionare l’opinione pubblica con uno storytelling che ha per oggetto una nuova brand da far conoscere e promuovere? Una domanda che spaventa qualsiasi comunicatore, anche il più esperto. Una nota catena di caffetterie americana è pronta allo sbarco in Italia, ma non la conosce quasi nessuno. Un green field insidioso, pieno di trappole e per giunta nella patria del caffè espresso. Come evitare di finire stritolati tra la tradizione inattaccabile della tazzina e il rischio dell’anonimato? Innanzitutto lo startup è stato rimandato al 2018 e particolare attenzione sarà riservata alla scelta delle location, sulla falsariga della prima, l’unica già decisa, quella in piazza Duomo a Milano. La piazza simbolo della città in ogni senso, anche per i bar, per decenni infatti è stato il terreno esclusivo delle ormai passate alla storia Motta e Alemagna, mentre…
Un po' i milanesi (specialmente i politici) ce l'hanno nel dna. Nel 2010 si aprì una polemica che durò per settimane sull'albero di Natale di Tiffany (con maxi pacco ai piedi) che rimase in piazza Duomo giusto un mese. Stesso show sugli alberi di Renzo Piano, che alla fine del dibattito non si piantarono mai, proprio lì dove da due giorni sono spuntate le palme sponsorizzate da Starbucks. Saranno seguite a breve da filari di banani. Un progetto già stroncato dal centrodestra ma pure da un pezzo della maggioranza, il sindaco ha sospeso il giudizio finchè il nuovo look delle aiuole davanti al Duomo non sarà completato. E qualche volta, va detto, i milanesi si sono ricreduti nel tempo. Chi si ricorda più il traffico in via Dante? Sembra un'altra epoca. É diventata completamente pedonale nel 1994, un'operazione preceduta dalle barricate, e oggi nessuno si sognerebbe di tornare indietro. É…
La Lombardia come l’Irlanda? La similitudine è in effetti fortissima, nutrita dai boschi e prati a distesa con intense sfumature di verde che sia in quell’isola che nella patria di Carlo Porta trovano il primo “cromatico” punto di contatto. Ma poi, alimentata dal mare (chi l’avrebbe mai detto?): un mare che in Irlanda è fisico, reale e che invece in Lombardia esiste idealizzato nella nebbia-scighera la quale - se è osservata da sopra le prime alture prealpine - permette di ammirare il territorio lombardo immerso in uno sconfinato oceano. E quale è l’ulteriore comune denominatore, tra questi due mondi? La lingua ovviamente, o meglio: le lingue. Perché sia in Lombardia che in Irlanda coesistono due idiomi in continua competizione: inglese e gaelico lassù, italiano e lombard qui da noi. E con tali arcane corrispondenze tra questi due lontani ma vicinissimi luoghi del mondo, non poteva di certo mancare un gruppo…
Salice Terme, per il pavese e l’Oltrepò sinonimo di passeggiate nel parco, panchine all’ombra, picnic sull’erba, cure alle Terme. Un’oasi verde non molto lontana da casa, da cui sbirciare le colline circostanti, il Castello di Nazzano, Sant’Alberto di Butrio, e magari fare un salto a Varzi per un assaggio del famoso salame. E poi le Terme, sorgente curativa, o semplicemente soggiorno di riposo e benessere. Le acque termali di Salice Terme e gli effetti terapeutici delle sue acque sulfuree e salsobromoiodiche erano noti già in età preromana, ma i loro benefici erano attribuiti alle forze della natura, cui era consacrato il luogo. I Romani, infatti, compresero rapidamente le possibilità offerte da Salice Terme, con le acque sulfuree disinfettavano le ferite da taglio, bloccando le infezioni ed evitando cancrene e amputazioni, mentre con i bagni in acqua salsobromoiodica cicatrizzavano le ferite e curavano i reumatismi. Durante il periodo medioevale l’Oltrepò pavese…
Mentre era ancora alle medie la madre fu costretta quasi a litigare con i professori che non potevano capacitarsi della sua scelta di perseguire la carriera di cuoco (sembra di sentirli, “con le sue capacità può aspirare a molto meglio!”). Ma Paolo Griffa aveva le idee già molto chiare – e fortunatamente il sostegno della famiglia – e la strada è stata segnata. Vincitore della selezione italiana del S.Pellegrino Young Chef nel 2015, un lungo tirocinio come sous chef presso il Piccolo Lago, bistellato lacustre a Verbania, dopo vagabondaggi a sfondo gastronomico dalla Spagna alla Thailandia, oggi è insediato tra i  monti dell’Alvernia in Francia nella brigata di Serge Vieira. Prossimo obiettivo: vincere il Bocuse d’Or. C’è da scommettere che ce la farà… Intanto, mentre studia come strappare il trofeo, trova il tempo per qualche incursione culinaria con vecchi amici, come è accaduto qualche giorno fa a Besnate (VA), dove…
La partita per le elezioni regionali prossime venture si giocherà come sempre tra destra e sinistra? Non ne sarei così sicuro. Si parte innanzitutto da Roberto Maroni e dalla sua dottrina neodorotea, tanto criticata quanto efficace e quindi riproponibile per naturale convenienza. E’ l’unico elemento certo nella partita. Maroni ci riprova, si ricandida, con molti risultati in saccoccia e con un modello che ripete la falsariga del recente passato ovvero quello del centrodestra del solito collaudato conio berlusconiano-leghista. Tutti insieme appassionatamente da destra al centro passando per la Lega e con il collante del potere sapientemente dosato e distribuito. Nessuna remora ideale, nessun paletto, tanti ultimatum, non per rompere, ma tenere i partner ben incollati alle sedie del tavolo che conta e con qualsiasi mediazione che viene tassativamente definita solo a Palazzo Lombardia. Un vertice politico simile ad un Cda che alla fine calcola fatturati e convenienze e un presidente…
Sfogliando il libro sembra di vederli quei ragazzi, come in un film: scapestrati, rapidi, elettrici, con “folli” idee. Nella poesia, nell'arte, nell'architettura, nella musica. Nella vita. Benvenuti nel «pazzo» mondo del Futurismo italiano e dei suoi protagonisti: Filippo Tommaso Marinetti in testa, poi gli artisti Umberto Boccioni, Carlo Erba, Mario Sironi, Carlo Carrà e il musicista Luigi Russolo, inventore dell'intonarumori. Tra loro il protagonista Antonio Sant'Elia, un giovane geniale architetto dai progetti strabilianti che morirà in guerra a soli 28 anni, sul Carso. Volevano cambiare il mondo, questi ventenni o poco più; il più vecchio era il trentenne Marinetti. Una rivoluzione, la loro, partita anche dall'accademia di Brera - e dintorni - poi gli incontri nei bar, le mostre nelle aree dismesse, i piccoli alloggi un po' casa e un po' studio. Tutto avvenne in pochissimi anni, in una città che stava cambiando vorticosamente. Che si reclamizzava al mondo intero.…
Microsoft ha lasciato la sua sede italiana di Segrate e ha inaugurato la sua nuova 'house' nella centrale zona di Porta Volta di Milano: occupa il primo edificio italiano progettato da Herzog & De Meuron, affiancandosi a quello della Fondazione Feltrinelli. "L'investimento è stato di 10 milioni per il 'contesto' iniziale, più altri 10 all'anno di spese e indotto", spiega Carlo Purassanta, amministratore delegato di Microsoft Italia, presentando la sede, ospitata in un palazzo nuovo e contraddistinto da vetrate molto luminose usate anche per la copertura, 'aperto' sia per la fruizione degli spazi di lavoro modulabili sia verso l'esterno. Microsoft House punta ad accogliere già quest'anno oltre 200.000 visitatori, 10.000 professionisti, 4.000 studenti e 1.000 dirigenti scolastici "con l'obiettivo di mettere a disposizione tecnologie, competenze, momenti di formazione e occasioni di confronto", spiega l'azienda. "Vogliamo aiutare l'Italia nel suo essenziale sviluppo digitale", aggiunge Purassanta. "Entrare nel cuore di Milano, in…
Il progetto potrebbe essere pronto, secondo i più ottimisti, già a marzo. La fusione tra i tre soggetti del trasporto pubblico della Lombardia - la milanese Atm, la lombarda Ferrovie Nord Milano e la società nazionale dei treni Ferrovie dello Stato - è a buon punto. Ora si tratta sulla governance: che tipo di holding, quanti consiglieri di amministrazione e con quali poteri. Perché una cosa è certa: nessuno vuole cedere le sue competenze e quindi la sua fetta di controllo. L’ipotesi più realistica è che alla fine Fnm diventi una super holding partecipata da Atm (a sua volta controllata al 100% dal Comune di Milano), dalla Regione Lombardia (che attualmente controlla già la holding con quota di maggioranza) e da Fs. Il peso di ciascun azionista andrà però valutato con delle perizie tecniche, lasciando aperta la possibilità di un aumento di capitale da parte di chi “conta meno” in…
Anche Villa Parravicini Revel a Como è tra i nuovi giardini inseriti in Grandi Giardini Italiani, il network dei più bei giardini visitabili in tutta Italia, che quest’anno festeggia 20 anni: una lunga storia fatta di passione e imprenditorialità che ha visto crescere il numero dei giardini aderenti da 12 nell’anno di fondazione a ben 124 con i nuovi ingressi di quest’anno. Villa Parravicini Revel si trova in via Museo Giovio, 6/8 a Como e la sua storia si intreccia con quella di alcune importanti famiglie lombarde e non solo. Intorno alla metà del ‘700 è documentata la presenza della famiglia Della Torre proveniente da Rezzonico. Il Cav. Aurelio Rezzonico muore nel 1816 lasciando al figlio Alessandro, minorenne, un’eredità oberata da debiti e ipoteche. La duchessa Maria Visconti di Modrone è la successiva proprietaria. Ai primi del Novecento la facciata viene arricchita con l’aggiunta di cornici decorative alle finestre dal…
Si parte con una buona notizia: ieri, alla presentazione della mostra mercato di fotografia d’arte Mia Photo Fair, l’assessore alla Cultura del Comune Filippo del Corno ha preannunciato che a giugno, su modello della già sperimentata «Art Week», Milano avrà la sua prima edizione di una specifica «Photo Week». Perché, complice il digitale, il mondo fotografico è oggi un interesse (e un investimento) trasversale che trova particolare attenzione sotto la Madonnina. Parte del merito va di certo anche a Mia, strumento forte per diffondere nel pubblico conoscenze, informazioni e passioni in questo campo. La prossima edizione, la settima, è in programma dal 10 al 13 marzo a The Mall, quartiere Porta Nuova, main partner BNL Gruppo BNP Paribas e Lavazza: 24mila i visitatori dell’anno scorso nella stessa sede. Il format, raccontato dal direttore Fabio Castelli e dalla figlia Lorenza, è consolidato ma aperto al nuovo. La fiera prevede 130 espositori…
Partnership tra Abb e PoliHub per rilanciare l’innovazione. La multinazionale, in cerca di idee che possano potenzialmente rivoluzionare la distribuzione dell'energia, si allea con l’incubatore del Politecnico, gestito dalla Fondazione Politecnico di Milano, per selezionare i migliori progetti in una logica di “open innovation”, aprendosi alla contaminazione di soggetti esterni. L’iniziativa, “Unlock Your Ability”, (dai sfogo alle tue capacità) è rivolta sia a singoli professionisti che team che desiderano aggiudicarsi il supporto per nuovi progetti di prodotti e servizi per la gestione digitale dell'energia. “Unlock Your Ability” intende scoprire soluzioni all'avanguardia per la gestione dell'energia e delle reti, che sfruttano i dati stessi dell'energia per migliorare l'efficienza e il risparmio energetico, nonché metodi intelligenti per semplificare il monitoraggio e la gestione degli asset industriali. Una giuria selezionerà i progetti, presentati da ricercatori, ingegneri, imprenditori, professionisti e studenti: termine ultimo per la candidatura è il 30 aprile 2017. «La digitalizzazione -…
Il salone della moda contemporary, patrocinato dal Comune di Milano, apre dal 25 al 27 febbraio, con 511 marchi, di cui 145 esteri e 189 new entry, su una superficie espositiva di 20mila mq. (+11% rispetto a febbraio 2016). Previsti circa 22mila visitatori. Focus speciale sullo scouting internazionale dalla Cina al Kazakhstan, passando per il Belgio e il Portogallo. Lo Special Guest dalla Georgia sfila per la prima volta nel calendario della Camera Nazionale della Moda Italiana. Dal 25 al 27 febbraio WHITE MILANO mette in mostra il carattere internazionale della manifestazione dedicata al womenswear che, a questa edizione, prevede un afflusso di circa 22mila tra visitatori e operatori del settore. La vocazione alla ricerca e alla cultura della moda contemporary porta in scena, nel Tortona Fashion District, un brand mix di 511 marchi, di cui 145 provenienti dall’estero e 189 new entry. La superficie espositiva arriva a 20mila mq.…
La metamorfosi di una città come Milano, che cambia velocemente pelle per ingranare una ripresa sempre più percepita, è anche quella di un sistema che archivia progetti pensati a tavolino per assegnarsi nuove missioni. E’ il caso del quartiere di Porta Nuova. Sono tramontati definitivamente i progetti che immaginavano di destinare al quartiere il ruolo aggregatore dell’industria del lusso milanese. Ricordate? Era la fine degli anni novanta e la missione per il quartiere allora in radicale trasformazione e rilancio era quella di creare in futuro la cosiddetta ‘Città nella moda’. Oggi non ne parla più nessuno, questione vecchia e superata dagli eventi e dalla storia recente. Dal lusso in chiave fashion il quartiere si sta trasformando in hub tecnologico dominato dalle sedi, nuove, luccicanti e faraoniche, delle grandi multinazionali del web e dell’e-commerce. E sono numeri, e che numeri, come ci ricorda una precisa analisi dello stato dell’arte pubblicata da Pambianco. L’ultima in ordine…

Claudio for Expo

ICH Sicav

 

 

 

 

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Per saperne di piu'

Approvo

Scrivi alla Redazione

Puoi scriverci al seguente indirizzo:

bollentini@labissa.com

 

 

 

Seguici anche su:

Realizzato da: Cmc Informatica e Comunicandoti