• Varese, Leonardi (Forza Italia): Galimberti si dimetta
    Varese, Leonardi (Forza Italia): Galimberti si dimetta E dire che Davide Galimberti, oggi sindaco varesino, aveva addirittura promesso ai tempi della campagna elettorale la balneazione del lago di Varese. Una incauta e superficiale dichiarazione dal sen sfuggita in un momento sicuramente teso ed infuocato, ma tant’è. Quella proposta la poteva però formulare solo chi non è al corrente della complessa e infinita storia dell’inquinamento del lago più amato dai varesini, una storia, come noto a tutti, dalla difficile risoluzione almeno in tempi brevi. Ma fece discutere quella sparata, non sorridere, era infatti un prologo di tristi presagi. I più attenti e prudenti avevano già immaginato la futura deriva della Varese “sinistra” che di lì a poco avrebbe preso le redini di Palazzo Estense. E a quasi un anno dall’insediamento, il bilancio annovera promesse mancate o realizzate in…

Claudio for Expo

ICH Sicav

 

Home Page

Home Page (7977)

Una 'No tax area' per chi investe in ricerca e innovazione. E' lo strumento che sta studiando l'assessore regionale lombardo alla Ricerca, Universita' ed Open Innovation, Luca Del Gobbo (nella foto), per favorire "l'insediamento di imprese innovative nell'area Expo attraverso la defiscalizzazione delle imposte regionali, comunali e statali". L'annuncio e' stato dato ieri mattina durante il convegno 'Open innovation in Lombardia: la sfida del partenariato pubblico-privato. Strategie e casi di successo a confronto' che si e' svolto al Belvedere di palazzo Pirelli e che ha messo a confronto i massimi esperti del settore. "Questo - ha spiegato Del Gobbo - e' uno degli altri tasselli che stiamo mettendo a punto per far crescere ancora di piu' le nostre imprese aumentando, allo stesso tempo, il benessere dei nostri cittadini". Il percorso e' iniziato con l'approvazione della Legge 'Lombardia e' ricerca', "la prima a livello nazionale" e prosegue con la volonta' di…
La Commissione Finanze del Senato ha deciso di togliere la black list dalle norme introdotte dal decreto-salva risparmio. In pratica: anche quando interverrà lo Stato con capitali pubblici, una banca salvata – è il caso ad esempio di Mps – non sarà obbligata a dare i nomi dei primi 100 debitori insolventi. Sarà sufficiente pubblicarne “i profili”, secondo quanto previsto dalla mediazione proposta dal presidente della Commissione, Mauro Marino. La vicenda è più politica di quanto non sembri, e anche un po’ demagogica. Parte dall’idea, fondata, che spesso a causare la crisi di una banca siano stati i crediti deteriorati, cioè prestiti non rimborsati. La colpa è di chi quei crediti li ha concessi, ma anche di chi quei soldi -tanti – non li ha restituiti. Di qui appunto la proposta di comunicare nomi e cognomi dei cento più grandi debitori, che – in quanto tali – hanno contribuito in…
L'incontro di oggi (ieri, n.d.r.) rappresenta un momento importante di dibattito su un fenomeno, quello del cyberbullismo, che sta assumendo proporzioni notevoli e un'occasione per confrontarci con i rappresentanti delle forze dell'ordine, dell'ordine degli avvocati e dei media, per capire cosa è possibile ancora fare nel contrasto di questo fenomeno che, una volta sfociato in rete, non ha più confini di tempo e di spazio e diventa ancor più difficile da arginare". Così l'assessore regionale Francesca Brianza in apertura del convegno "Felici di Navigare", organizzato in occasione della Giornata Mondiale per la sicurezza in rete istituita e promossa dalla Commissione europea e giunta alla sua XIV edizione, per promuovere un uso sano e consapevole di internet e delle nuove tecnologie, in modo particolare tra i bambini ed i ragazzi di tutto il mondo, oggi all'Aula Magna del Tribunale di Milano. NUMERI IMPRESSIONANTI - "A fronte di questo fenomeno in continua…
Varese e i laghi, un territorio culturalmente fertile anche per la presenza di alcuni prestigiosi premi letterari che già da tanti anni vanno ad arricchire un ampio ventaglio di proposte culturali della più svariata specie. Nessuno ha mai pensato di fare sistema? Di organizzare iniziative e sinergie virtuose che vadano al di là del puro networking, del fare rete che è già un buon inizio, ma che alla lunga non basta? E’ un vecchio argomento, più volte e a fasi alterne sollevato e dibattuto, ma sempre riservatamente, in ristretti consessi, quasi di soppiatto tra ambiti notoriamente ben presidiati dai rispettivi promotori e sovente impermeabili a suggerimenti di questo tipo. Ora lo stimolo giunge pubblicamente dagli ideatori ed organizzatori di "Scrivi l'amore-Premio Mario Berrino". Ma andiamo con ordine. Si svolgerà a Ispra, accogliente e ridente località del basso Verbano, presso la Tenuta La Quassa in via Cadorna 327, domenica 12 febbraio 2017 alle…
«Io ci sono»: un titolo che, da solo, dice tutto per una serie di iniziative che vogliono fare memoria, ma soprattutto, far rivivere «il messaggio di speranza di Carlo Maria Martini», come dice espressamente la Fondazione a lui intitolata. Il 18 e il 19 febbraio è la Fondazione stessa a promuovere un notevolissimo calendario di appuntamenti per ricordare il 90° della nascita del cardinale Martini (15 febbraio). Presentati presso la sede della Fondazione, gli eventi prenderanno avvio la mattina di sabato 18 febbraio, alle 10, all'Auditorium San Fedele, con l’intervento di apertura del cardinale Scola. L’incontro - intitolato “Giustizia, etica e politica nella città” - avrà il carattere di un reading e, per l’occasione, verrà presentato il terzo dei 10 volumi dell’Opera Omnia, unitamente a due importanti novità: l’Archivio digitale “Carlo Maria Martini” (per ora verranno pubblicati documenti dei primi 4 anni di episcopato, dal 1980 al 1984) e il…
Si parte. Con la struttura di progetto, il bando per individuare il direttore generale, i gruppi di lavoro appena definiti e le tappe per tutto il 2017. Il lavoro del comitato di scienziati ed esperti di Human Technopole diretto dal professor Stefano Paleari (nella foto, n.d.r.)  è entrato lunedì nel vivo con la prima riunione operativa. Proprio Paleari, con una articolata relazione, ha riassunto le modalità d’azione e gli obiettivi del progetto del centro delle Scienze della Vita che sorgerà sull’area di Expo e che metterà Milano al livello di analoghi centri di eccellenza in Europa e negli Stati Uniti. «Il motore dell’innovazione è l’unico acceso, soprattutto in un momento in cui quello demografico è spento», ha spiegato Paleari illustrando una cinquantina di slide e power point che contestualizzano l’operazione Ht in termini di trend, visto che si parla di Italia 2040. Il Paese punta su Human Technopole come ben…
Da domenica 5 febbraio a domenica 7 maggio il m.a.x. museo di Chiasso, in Svizzera, nell’ambito della grafica storica, festeggia il Giubileo 2017 per i trecento anni dalla nascita di Johann Joachim Winckelmann (1717–1768), erudito raffinato e innovativo, fra i più grandi studiosi della cultura classica, teorico e padre della moderna disciplina della storia dell’arte. Johann Joachim Winckelmann, nato il 9 dicembre 1717 a Stendal nell’Altmark, figlio di un maestro calzolaio, è noto per il suo capolavoro Storia dell’arte nell’antichità pubblicato nel 1764 in tedesco come Geschichte der Kunst des Alterthums. Ricoprì cariche importanti, fu inserito nei circuiti più esclusivi e colti dell’epoca e nel 1758 assunse la carica di bibliotecario e stretto collaboratore del Cardinale Alessandro Albani a Roma, nell’omonima Villa. Nel 1761 divenne membro dell’Accademia di San Luca a Roma, dell’Accademia Etrusca di Cortona e della Society of Antiquaries a Londra, due anni dopo fu nominato prefetto delle…
Dai risultati dell’indagine congiunturale dell’Ufficio Studi dell’Unione degli Industriali della Provincia di Varese emerge una chiusura d’anno ancora in tensione, frutto del comporsi di diverse dinamiche tra le imprese del campione: sono state, infatti, rilevate divergenze sia settoriali – a fronte di comparti che segnalano difficoltà congiunturali ve ne sono altri in miglioramento – sia legate alle dimensioni delle imprese. Sono le grandi aziende del campione, infatti, quelle che faticano maggiormente in questa rilevazione, mentre le PMI intervistate risultano più reattive nella ricerca di nuovi posizionamenti e sbocchi di mercato. Le previsioni per l’inizio del 2017 sono, invece, improntate a un progressivo miglioramento che andrà via via coinvolgendo sempre più imprese. PRODUZIONE Sotto il profilo della produzione il quarto trimestre 2016 registra un saldo delle risposte (pari alla differenza tra le segnalazioni di crescita e quelle di riduzione nei livelli produttivi) ancora negativo (-27), anche se è in leggera evoluzione…
Marco Parolo, centrocampista della Lazio, originario di Gallarate (VA), dopo le 4 reti rifilate al Pescara nell’ultima di campionato, è entrato in un club particolare riservato a pochi eletti: i calciatori che hanno siglato un “poker” in serie A. In realtà il suddetto club comincia ad essere affollato, Parolo è infatti il 27esimo in assoluto ad entrarci. Per rimanere nell’era calcistica moderna, come non ricordare il divin codino Roberto Baggio che fu autore di quattro reti in una sola gara nel 1992 in un Juventus – Udinese finito 5-1. Bobo Vieri riuscì a farne 4 in un colpo solo in un Inter-Parma (4-0) del 2002. Qualche anno prima il brianzolo, allora alla Lazio, Pierluigi Casiraghi ne fece quattro in un folle 8 a 2 tra Lazio e Fiorentina a quei tempi, nel 1995, allenata da Ranieri. In questo pregiato elenco troviamo ovviamente anche l’indimenticabile cigno di Utrecht Marco Van Basten…
La gru nel cantiere del Palalido è stata interamente smontata. Era diventata il simbolo del fallimento, di un’opera avviata e più volte interrotta. Kostruttiva (ex consorzio Coveco) è entrata nel cantiere, fermo da mesi, su autorizzazione del Tribunale il 30 dicembre scorso. Il nuovo gruppo di imprese, subentrato alla Ge.co.co., ha impegnato un intero mese nel lavoro di pulizia, le cui spese sono state anticipare da MilanoSport. E ha avviato le opere propedeutiche per l’avvio del nuovo cantiere. La definizione del contratto è in dirittura d’arrivo, così il nuovo cronoprogramma. La fine lavori è prevista per il prossimo settembre. Seguiranno i collaudi, di cui si occuperà direttamente il Comune, che conta di riaprire i battenti della struttura al massimo entro la primavera 2018. Prima di consegnare il cantiere a Kostruttiva è stato necessario definire lo stato dei lavori. Con la copertura, il Palalido è stato ricostruito al 65% dalla Ge.co.co.,…
Cercasi sviluppatore per realizzare a Milano il quartier generale dell’Ema, l’Agenzia europea del farmaco, possibilmente nelle aree Expo. È la nuova ipotesi che sta valutando l’amministrazione comunale guidata da Giuseppe Sala per rafforzare la candidatura del capoluogo lombardo a ospitare la sede di una delle più grosse istituzioni economiche e scientifiche – un mercato di oltre 500 milioni di persone servito e un ruolo di primaria importanza nella ricerca e l’innovazione – che stanno per lasciare Londra in seguito alla Brexit. Per la verità, l’ambizione di Milano non è solo quella di convincere il board dell’Ema a preferire l’Italia alla Francia o alla Germania per stabilire la propria sede, con tutti i benefici in termini di indotto economico che questo rappresenta per il paese ospitante, ma di attirare anche altri grandi gruppi e intermediari finanziari diventando la nuova City d’Europa. La giunta Sala è ben consapevole che non si tratta…
Il Global Talent Competitiveness Index (GTCI di Insead, Adecco e Human Capital Leadership Institute) colloca l’Italia al 40° posto nella classifica generale e al 25° in Europa. Rispetto al 2016 il Belpaese guadagna una posizione, ma resta comunque dietro a molti paesi dell’Europa centro-orientale e a Barbados, Cipro e Costarica. Sostanzialmente, il rapporto ripropone la fotografia dello scorso anno, in cui l’Italia si posiziona intorno alla media dei paesi ad alto reddito solo per quanto riguarda le competenze vocazionali e tecniche “Vocational and technical skills” (31° posto assoluto) e per la capacità di far crescere “Growth” (28° posto); in tutte le altre dimensioni, l’Italia è posizionata peggio dei paesi appartenenti alla stessa categoria di reddito (“Enable” 62° posto, “Attract” 64°, “Retain” 41° e “Global Knowledge Skills” 39°). Tra l’altro è interessante notare come la dimensione “Crescita” ci spingerebbe molto più avanti, se non fossimo il 74° paese per spesa nel…
Una spianata di ghiaia bianca davanti, piante della tradizione padana ai lati. Niente panchine, né chioschi. Ma immensi spazi per il passeggio. Con il grande parterre alberato che ricollega al sistema dei viali lungo i lati del Castello e sfocia in un boulevard di impianto ottocentesco, allungandosi idealmente fino a toccare le guglie del Duomo. Parola chiave: essenzialità. Dopo la crescita dei grattacieli di piazza Gae Aulenti, la nuova Isola, le torri della fiera, Garibaldi-Repubblica, la metro blu che metro a metro avanza, finiti in pezzi gli Expogate dell’Expo, un altro pezzo di Milano cambierà. Stavolta è il turno di piazza Castello. È uno studio milanese a vincere il bando di concorso per la riprogettazione di piazza Castello e Foro Buonaparte. Concorso nato alla vigilia di Expo 2015, quando si decise di pedonalizzare l’area e non senza polemiche. Perché da allora la piazza è una disordinata e un po’ triste…
Il progetto di riportare il Grande fiume a infrastruttura per il trasporto logistico ha il sapore di un sogno. Ma in un Paese che rischia infrazioni comunitarie per lo sforamento di polveri sottili e che fa viaggiare su gomma oltre il 90% dei tonnellaggi (e appena il 6% su rotaia) l’obiettivo di utilizzare il Po come idrovia è tutt'altro che scentrato e potrebbe diventare un’alternativa sostenibile non solo dal punto di vista ambientale ma anche economico. Si inserisce in questa cornice la notizia che i lavori a Piacenza nella nuova conca di Isola Serafini sono ormai quasi completati (al 77%) ed entro fine anno il fiume sarà navigabile dal capoluogo emiliano fino a Chioggia. L’occasione per fare il punto sugli interventi per la navigazione del Po è stata la visita di ieri nelle terre ducali di Julian Espina, project officer della Commissione europea, che ha co-finanziato il 20% (9,3 milioni)…
La prossima sarà una settimana importante sul fronte del traffico d’oro tra Italia e Svizzera. Due gli appuntamenti giudiziari di rilievo.  A Como il 7 febbraio dovrebbe arrivare la sentenza nei confronti di un cittadino italiano scoperto nel 2014 mentre tentava di esportare in Svizzera 5 chili d’oro. L’uomo è accusato di un traffico più ampio: sedici viaggi e 146 chili tra leghe e lingotti contrabbandati. Ad Arezzo, invece, il 9 febbraio ci sarà l’udienza preliminare nell’ambito dell’inchiesta Fort Knox. Una quarantina gli imputati accusati di associazione a delinquere finalizzata al riciclaggio d’oro e ricettazione, con l’aggravante del reato transnazionale. Tra di loro il presunto capo dell’organizzazione, residente nel Sottoceneri, e il figlio, amministratore di un’azienda orafa di Valenza Po e già vice direttore di una società di commercio di metalli preziosi di Chiasso. È proprio da diverse "trading house" ticinesi che spesso transita l’oro in nero italiano. Dalle carte…
Eleonora Duse, un nome conosciuto, famoso, amato, ma forse non tutti sanno che è nata a Vigevano, proprio nelle adiacenze della celebre Piazza Ducale. Eleonora Duse, la più grande attrice italiana del teatro di fine Ottocento, nacque a Vigevano alle due di notte del 3 ottobre 1858, presso la locanda il “Cannon d’Oro” in via XX Settembre. Primogenita di Vincenzo Duse, in arte Alessandro e Angelica Cappelletto, entrambi attori, originari di Chioggia in provincia di Venezia, ma da tempo residenti nella città ducale, con il resto della famiglia. Il nonno era stato un popolare attore del suo tempo. Venne poi battezzata, nella Parrocchia di S. Ambrogio di Vigevano, con il nome completo di Eleonora, Giulia, Amalia Duse. Attrice intensa, esigente e rigorosa, donna dal temperamento d'acciaio, molto religiosa, anche un poco capricciosa con vezzi da diva. Spesso usava gli stessi abiti preziosi nella vita e sulla scena, aveva una passione…
Santa Maria Podone è situata in Piazza Borromeo a Milano, a pochi passi da Cordusio. Si tratta di una delle più antiche chiese di Milano, essendo stata fondata durante il nono secolo, ma anche tra le più sconosciute nonostante la lunga storia e la vicinanza alla famiglia e al palazzo Borromeo. Risulta già consacrata nell'anno 871, secondo quanto trovato in un'antica pergamena di quell'anno. La chiesa ha questo nome in quanto il terreno sulla quale venne edificata fu donato da un nobiluomo milanese, un certo Vuerolfo detto Pedone o Podone, figlio di Ercmario di Milano. Nel corso dei secoli ha subito varie modificazioni, per esempio la cappella fu aggiunta solo nel 1440 ad opera dei Borromeo, e il campanile è cinquecentesco, opera di Pellegrino Tibaldi. Il Capitolo di Santa Maria Podone fu soppresso nel 1810. Dal 13 ottobre 2012 ospita la chiesa Ortodossa d'Italia. Il 15 maggio 2013 ha ricevuto…

Claudio for Expo

ICH Sicav

 

 

 

 

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Per saperne di piu'

Approvo

Scrivi alla Redazione

Puoi scriverci al seguente indirizzo:

bollentini@labissa.com

 

 

 

Seguici anche su:

Realizzato da: Cmc Informatica e Comunicandoti