• Territorio e varesinità nella ricetta di Terra e Laghi
    Territorio e varesinità nella ricetta di Terra e Laghi Se c’è un modello varesino nella realizzazione di progetti culturali legati al territorio, questo trova la sua massima progettualità nella kermesse Terra e Laghi di Teatro Blu. E per varesinità intendiamo una identità spirituale, più che strettamente genetica, se guardiamo la carta di identità degli organizzatori: Silvia Priori, nata a Brescia e suo marito Roberto Gerbolès, colombiano. Varesinità quindi intesa come senso di appartenenza alla terra in cui viviamo, indipendentemente dal luogo di nascita. Ma non solo: varesinità intesa come capacità di partecipare integrandosi nei bellissimi luoghi naturali e meraviglie storiche e artistiche che ci circondano. Restituendo vita alla bellezza di cui ogni giorno ci nutriamo. Varesinità, anche, come capacità di fare rete, a partire dalla sintonia umana, creando una sinergia operativa di professionisti competenti e dinamici. Non è secondario…

Claudio for Expo

ICH Sicav

 

Home Page

Home Page (8219)

Nei giorni scorsi sono stati resi noti i risultati dell'ottavo censimento nazionale “I Luoghi del Cuore”, ideato dal FAI (Fondo Ambiente Italiano) in collaborazione con Intesa Sanpaolo. Un’occasione, che ogni anno permette a tutti i cittadini, di segnalare i piccoli e grandi tesori che vorrebbero salvare e valorizzare. La raccolta dei dati si è svolta dal 17 maggio al 30 novembre dello scorso anno, hanno votato oltre un milione e mezzo di persone (1.573.032 per l’esattezza). 6003 i comuni coinvolti, oltre 33.624 sono stati i luoghi oggetto di segnalazione da parte di singoli cittadini o dei 319 comitati spontanei. Nel 2017 il FAI interverrà sui luoghi vincitori e sui selezionati al Bando per l’assegnazione di contributi. Tanti e i più disparati i luoghi dell'Insubria e lombardi in generale che sono stati segnalati e hanno così trovato o ritrovato visibilità. Magari sarà anche l'occasione per andare a visitarli nella prossima giornata…
La Basilica di San Giovanni Battista di Monza, detta comunemente Duomo, ha molti e antichi privilegi: quello maggiore è avere il Corpo degli "Alabardieri". Il Corpo Alabardieri si compone di circa 20 membri che si alternano nel servizio per le varie messe capitolari e celebrazioni liturgiche con le loro divise ed alabarde. È importante riuscire a salvaguardare la memoria storica e a portare avanti una tradizione ultracentenaria che è unica in Italia e nel mondo, concessa solo al Duomo di Monza. Le divise ancora oggi in uso, sono identiche a quelle della metà del XVIII sec. Lo stesso vale per le armi, alabarda e spada. La scenografia è quindi garantita. La storia in breve: L’istituzione del Corpo degli Alabardieri non ha una data certa testimoniata da scritti o documenti,ma si pensa possa risalire alla fine del VI sec. ossia alle guardie d’onore longobarde della regina Teodolinda (570 - 627). Riferimenti documentali…
La strada l'hanno aperta i residenti di via Fondazza a Bologna nel 2013. Da allora le social street si sono diffuse in tutta Italia, a Milano sono oltre settanta. Ora il Comune lancia un avviso pubblico per censirle le vie social, che in città vanno dal centro alla periferia. Da Lambrate a piazza Gobetti, da via Castaldi a via Missaglia, da Gambara a Romolo, fino a corso Lodi e corso San Gottardo. La social street è la versione contemporanea del buon vicinato di quartiere. Ecco il «manifesto» pubblicato sul sito socialstreet.it (dove si trova anche l'elenco delle vie milanesi aderenti): l'obiettivo è «quello di socializzare con i vicini della propria strada di residenza al fine di instaurare un legame, condividere necessità, scambiarsi professionalità, conoscenze, portare avanti progetti collettivi di interesse comune e trarre quindi tutti i benefici derivanti da una maggiore interazione sociale». Lo strumento, a costo zero, sono i…
«Signore, finalmente mi hai ascoltata!». È quello che ha pensato nel 1991 Matilde Grassi, ex sindaco di Concorezzo e presidentessa dell’Azione Cattolica classe 1927, quando le venne proposto di finanziare una giovane opera per assistere i malati a domicilio. La fibrosi cistica si era da poco portata via sua nipote, Maddalena, appena 19 anni, e Matilde voleva fare qualcosa per ricordarla. Tra i diversi progetti che le vennero proposti, scelse proprio quello di Luciano Riboldi e altri amici, ricordandosi di come un drappello di giovani medici si erano presi cura di Matilde assistendola a casa gratuitamente, fuori dall’orario ospedaliero. Così è nata la Maddalena Grassi, fondazione laica di diritto privato senza scopo di lucro, che oggi si prende cura con grande professionalità di oltre 1.800 malati cronici, tra cui 120 bambini con patologie gravi o gravissime, ed entra ogni giorno in più di 700 case di Milano e provincia per l’assistenza a domicilio. Ma…
Fu votato da poco più del 50% dei varesini. Di quelli andati alle urne ovviamente, pari a circa la metà degli aventi diritto e quindi, a conti fatti, fu eletto materialmente da un quarto dei cittadini. Mi riferisco a Davide Galimberti, sindaco di Varese dal giugno del 2016, appoggiato da una coalizione di centrosinistra. Una affermazione conquistata non tanto grazie ai numeri del proprio schieramento, ma grazie alle divisioni del centrodestra e alla oscillazione favorevole dell’ago della bilancia Lega Civica. Non certo un plebiscito, quasi una vittoria fortuita e per giunta foriera di un successivo scenario di scarsa compattezza anche, bisogna ammetterlo, per motivi politici generali. Troppa grazia Sant’Antonio? Gli speranzosi, o gli ingenui, auspicavano un bagno di umiltà, prima di tutto si sarebbero dovuti infatti riannodare i rapporti con la città, con quei tre quarti di popolazione che ha votato contro o che non è proprio andata alle urne. Macchè! Tra una…
La rivoluzione digitale prosegue in maniera pervasiva, con un ritmo che tende ad accelerare. Le grandi imprese si stanno attrezzando mediante investimenti che spesso includono rilevanti costi di apprendimento, mentre quelle di minori dimensioni hanno la tentazione di stare alla finestra, in attesa di capire quali possano essere le applicazioni su cui scommettere. Si tratta di un atteggiamento comprensibile, in un momento in cui la competizione si manifesta anche attraverso una forte pressione sui costi, ma rischioso per il sistema economico italiano composto prevalentemente da Pmi manifatturiere. Ogni generalizzazione rischia di proporre semplificazioni eccessive perché sono numerosi i casi di applicazioni fortemente innovative sviluppate da imprese nuove o da organizzazioni in grado di di reinventare il proprio modello di business, ma il quadro di un sistema economico a due velocità è più che una sensazione. Le tecnologie abilitanti nell'ambito dell’Industry 4.0 sono ormai numerose e ampiamente disponibili: sensori, Internet of…
Il primo quartiere a luci rosse di Milano lo fece costruire Gian Galeazzo Visconti, nel XIV secolo, dalle parti di piazza Beccaria, ma il più famoso è senza dubbio Brera. Lì, in quella che adesso è una delle zone più chic della città, si trovavano i migliori luoghi di piacere milanesi. Forse anche d’Italia. Nel momento di maggiore successo si era arrivati a contarne una decina, tre addirittura in una sola strada, via San Carpoforo. A riportare alla memoria la storia piccante di Milano è stata l’associazione culturale Gaetano Osculati di Biassono, in provincia di Monza, che domenica mattina ha deciso di aggiungere una novità e un po’ di pepe alla visita prevista nella Pinacoteca di Brera. «La storia di Milano s’intreccia con la storia dei suoi bordelli e delle donne che facevano le prostitute — dice Carla Pirovano, vicepresidente dell’associazione e guida turistica —. Le prime tracce risalgono addirittura…
Nel chiasso mediatico quotidiano, nella confusione delle idee, nelle polemiche più o meno strumentali, proviamo a ricentrare, comunque la si pensi, il significato della Quaresima. Un periodo che una volta veniva definito “forte” dai cristiani e non solo, oggi la Quaresima nella cultura e nella mentalità occidentale appare invece un po’ sbiadita. Fa più notizia il carnevale, che non di rado e per i motivi più vari viene addirittura posticipato e festeggiato nel mezzo del periodo quaresimale, oppure si parla di più di Ramadan musulmano o di altri momenti religiosi sicuramente meno importanti e seguiti nella storia e nella tradizione italiana. Per fare ordine e chiarezza sull’argomento pubblichiamo qui di seguito una catechesi di Joseph Ratzinger – Benedetto XVI, datata 2012 mercoledi delle ceneri, tenuta nell’aula delle udienze in San Pietro. E’ un testo didascalico, forse meno suggestivo di altri, ma ha il pregio delle parole semplici. In esso Benedetto XVI…
Le dighe sono state spesso celebrate come un prodigio d’ingegneria umana. E la loro utilità non è mai stata in discussione. Ci sono però alcuni inconvenienti, che causano grossi problemi a pesci come le anguille, le cheppie e gli storioni, che, finora,  non potevano risalire le acque del fiume Po, per andare a riprodursi nel Lago Maggiore. Il risultato è che nel Verbano, da quando in pianura padana sono stati realizzati gli sbarramenti di Porto della Torre e Panperduto, oltre a quello di Isola Serafini a Monticelli, di anguille e consimili non c’è più l’ombra. Ora però, questi pesci, che oltre ad aumentare la biodiversità sono anche ottimi da gustare, torneranno a popolare le acque del Maggiore, grazie alla realizzazione dell’ "Autostrada ittica", un progetto che si sta sviluppando in Italia da qualche anno. I pesci potranno quindi scorazzare a piacimento dalla foce del Po a Porto Tolle fino al…
Esiste una "cultura del lago"? Sul piano antropologico non c'è dubbio, intendendo per cultura la maniera di lavorare e di vivere nell'ambiente lacustre, pressoché immutata lungo i secoli e segnata da consuetudini che hanno finito per modellare l'identità dei rivieraschi. E nel lago di Varese, interessato da un insediamento palafitticolo fra i maggiori d'Europa, la pesca è stata sempre l'attività dominante, dalle tecniche di cattura al commercio del pescato. Per mantenere il pesce in buone condizioni di commestibilità si è fatto ricorso a vari espedienti, fra i quali il freddo e l'acqua; a Cazzago a entrambi. Ne riferisco insieme a un'altra operazione (la tintura delle reti), che sul piano "culturale" è per certi aspetti analoga. Al pórt c'è ancora la cà dur lägh (casa del lago): un deposito per le reti e per gli attrezzi e un ricovero per i pescatori, adibito un tempo anche a lazzaretto (per esempio, nell'epidemia…
Un nuovo cartello turistico sull’argine del Ticino attira i fanatici dei film anni 80: siamo sul set de «Il ragazzo di campagna». La freccia indica Cascina Casoni, località di Carbonara al Ticino, Pavia, un luogo ameno, avvolto da verde rigoglioso e silenzio. Questo era Borgo Tre Case, frazione di Borgo Dieci Case, il paese immaginario che faceva da sfondo alle vicende di Artemio, il contadino dalle battute diventate un cult, interpretato dal giovane Renato Pozzetto. Da qualche giorno il via vai di curiosi alle prese con gite, selfie e foto ricordo, è aumentato. Chi ha preso casa qui, dopo diversi anni, di certo non immaginava che l’interesse fosse ancora così vivo dopo 33 anni: «Volevo vivere in mezzo al verde, nella tranquillità assoluta a pochi minuti dalla città, e così mi sono innamorato subito di questo posto — racconta Gavino Starone, uno dei proprietari ai Casoni — I miei vicini…
Percorrendo la sponda lombarda del Verbano verso la Svizzera, ci si ritrova a Maccagno, uno degli ultimi centri abitati, prima del confine di stato. Località di villeggiatura, tra lago e montagna, dalla storia che risale ai Celti, dove il vento la fa da padrone, piccolo paradiso per velisti e surfisti, ma anche di chi ama scalare le montagne con una palestra naturale Un clima mite, che permette una vegetazione lussureggiante che si alterna ai giardini ordinati degli abitanti o delle seconde case. Edifici classici, le stradine del borgo, nato come villaggio di pescatori e a un certo punto ci si imbatte incredibilmente una costruzione avveniristica, che rompe gli schemi della placida architettura locale, un edificio-ponte gettato sul Giona, dal 1979 caratterizza il borgo di Maccagno. Nessuno si aspetta un edificio così, così diverso nel tradizionale lungolago del Lago Maggiore. E’ il Civico Museo Parisi-Valle, che ospita la collezione d’arte moderna…
In occasione della settimana del Fuorisalone 2017, in scena a Milano dal 4 al 9 aprile, Brera Design District giunge alla sua ottava edizione. Il distretto milanese, cuore creativo e commerciale della città, si estende dalla nuova area di Porta Nuova-Gae Aulenti a via Broletto, da via Legnano fino a via Montenapoleone, seguendo i confini definiti dal DUC Brera (Distretti Urbani del Commercio). Il distretto nella precedente edizione del Fuorisalone ha visto più di 168 eventi e 295 aziende coinvolte con un passaggio di oltre 250mila persone, oltre a 100mila visite sul sito www.breradesigndistrict.it e 22mila immagini Instagram con #BreraDesignDistrict e 16mila follower del profilo ufficiale. Forte di questi risultati, le vie di Brera ospiteranno un fitto calendario di eventi e propone un format che comprende: un tema, il premio Lezioni di Design, una serie di incontri, progetti speciali e iniziative culturali. Quest’anno sono ambasciatori di Brera Design District: Tony Chambers…
Cucina regionale, inverno, tradizioni in Lombardia fanno subito rima con busecca, büsèca, per essere precisi. L’origine della parola “busècca” è riconducibile al tedesco “butze” (viscere) divenuto poi in lingua lombarda “busa” (pancia). Dal Vocabolario milanese-italiano di Francesco Cherubini, edito dalla Stamperia Reale (1814), leggiamo: Buseccòn. Milanese. Così è chiamato per antonomasia il nostro popolo dall'amore ch'ei porta alla vivanda conosciuta tra noi col nome di “busecca", cioè trippa. Di umili origini, come la gran parte dei piatti della tradizione lombarda e milanese, era spesso presente sulle tavole contadini in occasione dei mercati, delle fiere, delle feste paesane e veniva mangiata anche la Notte di Natale quando i contadini si riunivano nelle cascine e nelle stalle dopo la Messa di Mezzanotte. Essendo un piatto economico molto nutriente che richiede una lunga preparazione e una lunga cottura veniva preparato soprattutto nel periodo invernale quando la “stufa economica” era sempre accesa per riscaldare la cucina e quindi…
I sindaci della Lega Nord presenteranno istanza per il rimborso delle entrate erariali decurtate illegittimamente dal Governo Monti nel 2013. Più in dettaglio, “tutti i Comuni lombardi amministrati dalla Lega Nord presenteranno un'istanza al Presidente del Consiglio dei Ministri, al Ministero dell'Economia e delle Finanze ed al Ministero dell'Interno per ottenere il rimborso delle entrate erariali decurtate nel 2013 dal Governo Monti, con il Decreto Legge sulla spending Review, che ha previsto per il 2013 la riduzione del fondo sperimentale di riequilibrio del fondo perequativo e dei trasferimenti erariali ai Comuni pari ad un ammontare complessivo di 2,25 miliardi di euro, provocando nel 2013 una decurtazione consistente delle entrate erariali, decurtazione che la Corte Costituzionale con la recente sentenza n. 129/2016, ha dichiarato illegittima. Per questa ragione i sindaci della Lega Nord, in Lombardia, presenteranno alle competenti autorità statali una specifica istanza di rimborso per ottenere le risorse illegittimamente decurtate".…
Pagina 10 di 229

Claudio for Expo

ICH Sicav

 

 

 

 

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Per saperne di piu'

Approvo

Scrivi alla Redazione

Puoi scriverci al seguente indirizzo:

bollentini@labissa.com

 

 

 

Seguici anche su:

Realizzato da: Cmc Informatica e Comunicandoti