Claudio for Expo

ICH Sicav

 

Animali

Animali (32)

Record di nidi di cicogna nel Parco Lombardo della Valle del Ticino: quest’anno sono attesi oltre 50 piccoli. Sono 20 i nidi di cicogna bianca meticolosamente costruiti e custoditi su pioppi e tetti della Cascina Venara di Zerbolò (Pavia), bellissimo territorio di pianura, bagnato da fiume e risaie. Qui, da un decennio, si lavora per conservare questa specie rara e vulnerabile. Lo scorso anno le nascite si fermarono a 38, ma la colonia è fortunatamente destinata ad aumentare. Non è raro per chi viene a passeggiare da queste parti, imbattersi in un gruppo di cicogne che volano a bassa quota, o impegnate a cacciare rane e piccoli insetti nei corsi d’acqua e nei prati circostanti. Da alcuni anni a questa parte il numero di cicogne nidificanti si è stabilizzato: una dozzina di coppie, riproducendosi ogni anno, fa sì che la «nursery» sia sempre popolata da nuovi pulcini. «Abbiamo avviato un…
Non sappiamo nemmeno quanti siano esattamente, i cinghiali. Si parla di un milione di esemplari, ma sono dati del tutto ipotetici, un censimento non si è fatto. E comunque, sempre se avessimo un’idea precisa di quanti sono i sus scrofa circolanti nel Belpaese, in Italia non c’è un sistema organizzato di controllo della presenza di questo animale. Sulla carta, la gestione di questo ungulato è di competenza delle Regioni (e delle «defunte» Province) nell’ambito del sistema di gestione faunistico venatorio. In altre parole, in teoria le Regioni (ognuna per conto suo) dovrebbe stabilire se e come intervenire per ridurre con catture o abbattimenti o caccia il numero dei suoi cinghiali, sulla base di alcune (molto generiche) «Linee guida» redatte dall’Ispra, l’Istituto centrale di protezione dell’ambiente. Che il sistema non abbia funzionato è sotto gli occhi: colpa anche del passaggio alle Regioni delle guardie provinciali, e di quello dei Forestali nell’Arma…
Le ultime arrivate tra gli abitanti di «Villa Ci» sono due esemplari di Corritrice Indiana. Da tempo il cortile del bel palazzo — disegnato nel 1939 da due archistar, Gio Ponti e Vico Magistretti, ed edificato in via De Marchi, a due passi dalla questura —, è interamente destinato alle anatre domestiche e arricchito da banani, una collezione di agrumi, dal pompelmo ai cedri, e piante rare. Le Corritrici, ribattezzate Hillary e Donald, con le quali le anatre di Villa Ci sono arrivate a quota nove, sono in cova. Marissa, custode del palazzo e dei selvatici, è in fibrillazione. La Corritrice Indiana è una delle più antiche anatre domestiche al mondo: le prime testimonianze risalgono a più di mille anni fa e si trovano in alcune sculture nella pietra di un antichissimo tempio a Giava in Indonesia. Charles Darwin, ne «La variazione degli animali e delle piante allo stato domestico»,…
Nel 2014, durante i lavori di manutenzione al piano dei servizio tecnici del grattacielo Pirelli a Milano (il cosiddetto «Pirellone») un operaio trova due «strani pulcini bianchi»: si tratta dei pulli (termine con cui si definiscono i pulcini dei rapaci) di una coppia di falchi pellegrini che hanno nidificato a 125 metri di altezza. Secondo gli esperti si tratta della nidificazione urbana più alta di cui si ha evidenza. Nasce così un progetto di monitoraggio del nido su cui viene posizionata una webcam che permette a tutti di osservare (senza interferire) questi animali e conoscerli meglio. Ecco undici cose che forse non tutti sanno: 1) Perché questa specie di falco si chiama «pellegrino»? Perché è un «girovago» dato che è uno degli uccelli selvatici più diffusi al mondo: lo troviamo in tutti i continenti, con l’eccezione dell’Antartico e anche in diverse isole oceaniche. Ce ne sono 19 sottospecie. Secondo alcune…
Inverno, tempo di migrare. Ma per quegli uccelli che scelgono di restare e trascorrere l’inverno qui, nelle aree verdi in periferia o in città, ognuno di noi può fare qualcosa. Si possono allestire mangiatoie e abbeveratoi su davanzali, balconi e terrazzi, magari facendosi aiutare dai bambini, come suggerisce Enpa Milano, “che oltre a divertirsi potranno iniziare ad avvicinarsi agli animali e imparare a rispettarli”. Come attrezzare questi “punti di ristoro” per i piccoli uccelli? Le mangiatoie possono essere acquistate facilmente nei negozi di animali o on line, ma sono anche facili da realizzarsi attraverso i tutorial presenti su internet. Per riempirle, si possono utilizzare alimenti calorici come noci, nocciole, margarina impastata con semi e un recipiente con dell’acqua, controllando di tanto in tanto che non ghiacci (un pezzo di legno all’interno del recipiente può rallentare la formazione del ghiaccio). “L’importante – spiega Fulco Pratesi, presidente onorario del Wwf Italia –…
La prossima primavera, Coop sarà la prima azienda svizzera a proporre alcuni prodotti a base di insetti, tra cui hamburger, polpette e spiedini di locuste (nelle foto). Finora proibita, la commercializzazione di insetti come cibarie ha ricevuto oggi il via libera dall’Ufficio federale della sicurezza alimentare e di veterinaria. Coop ha comunicato oggi che si impegnerà a ottenere l’autorizzazione insieme alla startup Essento, con la quale ha collaborato negli scorsi tre anni per creare pietanze con insetti. Non appena la nuova legge sulle derrate alimentari entrerà in vigore, queste saranno disponibili nei supermercati del gigante della distribuzione. “Il segreto del nostro successo sta anche nella capacità di individuare i nuovi trend e introdurre grandi innovazioni”, ha dichiarato Roland Frefel, responsabile Prodotti freschi Coop, citato nella nota odierna. Coop ricorda che in tutto il mondo due miliardi di persone si nutrono regolarmente di insetti, sottolineando i vari motivi a favore del…
Attenzione e cura dei pet: dal cane ai rettili, le infezioni causate dagli animali. E’ questo uno dei temi del 15esimo Congresso internazionale Simit (Società italiana di malattie infettive e tropicali), che riunisce sino al 19 ottobre a Baveno più di 800 specialisti dall’Italia e dall’estero. Particolare attenzione viene dedicata alle patologie di frontiera tra animali da compagnia o da reddito, e l’uomo. CANI E LEISHMANIOSI “Si farà in particolare il punto sulla Leishmaniosi – spiega Massimo Galli, vicepresidente Simit e professore di Malattie infettive all’Università di Milano – il cui serbatoio tra i cani si va allargando, anche in considerazione di quanto è accaduto negli scorsi anni in Spagna, in particolare nell’area di Madrid, con una importante epidemia nell’uomo causata dalla diffusione a partire da un serbatoio alternativo, le lepri selvatiche di un parco pubblico, e dalla grande disponibilità di vettori, in questo caso pappataci, dovuta probabilmente a fattori…
Il fenomeno del randagismo in Italia è in flessione, tuttavia l’abbandono dei cani, specie durante l’estate, nonostante costituisca un reato, punibile con l’arresto fino a un anno o con una multa fino a 10mila euro, non cessa di verificarsi. Ultimo triste esempio, quello di Boffalora sul Ticino, in provincia di Milano, pochi giorni fa. I responsabili non sono ancora stati individuati e non si conoscono – nè sembra possibile comprendere – le motivazioni di un gesto tanto crudele. Ma, in taluni casi, è la crisi economica a dettare la scelta. “Se si guarda al fenomeno attraverso la banca dati fornita dal ministero della Salute, si osserva che nel 2015 il totale degli ingressi nei canili è stato di 100.194. Una cifra comunque grossa”, commenta Donatella Poretti, consulente Aduc – Associazione per i diritti degli utenti e consumatori, sottolineando che quel numero è comunque lontano da una realtà più drammatica. “Se…
Sarà per la recente scomparsa di Bud Spencer, ma sono le scene di un suo vecchio film, Banana Joe, a venire in mente quando si legge la storia, l’ennesima peraltro, di scaricabarile all’italiana. Una vicenda appunto successa nella efficiente Lombardia, a Mesenzana, non in qualche sperduta contrada del Sud America come nel caso del citato film in cui il protagonista si cimentava in una delirante corsa tra uffici pubblici, timbri, scartoffie e quant’altro per ottenere un banale permesso. Una notizia che riportiamo dal quotidiano locale varesino La Prealpina e che si riferisce al ritrovamento da parte di un lettore di un cerbiatto ferito in un terreno di sua proprietà. Non poteva essere lasciato lì al suo destino, chi l’ha trovato ha pensato bene di prestargli soccorso e di allertare qualcuno affinchè se ne prendesse cura e lo portasse in luogo sicuro. E lì comincia l’odissea senza lieto fine. A parte…
Pagina 1 di 2

Claudio for Expo

ICH Sicav

 

 

 

 

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Per saperne di piu'

Approvo

Scrivi alla Redazione

Puoi scriverci al seguente indirizzo:

bollentini@labissa.com

 

 

 

Seguici anche su:

Realizzato da: Cmc Informatica e Comunicandoti