Claudio for Expo

ICH Sicav

 

Manet e la Parigi moderna. A Palazzo Reale di Milano

Scritto da Helga Marsala

Si inaugura a Milano l’8 marzo (fino al 2 luglio) la mostra dedicata a Édouard Manet e a quel contesto parigino, che lo vide sviluppare un linguaggio pittorico innovativo. A Palazzo Reale un appuntamento con un capitolo cruciale della storia dell’arte e della cultura europee.

Con l’avvio folgorante della modernità, nel pieno di una febbrile urbanizzazione, l’arte cambiava volto, registro, direzione. Consapevolezza di sé e del contesto sociale. L’Europa di metà Ottocento affrontava la meraviglia e lo sconcerto di un rinnovamento profondo, tra il piano della tecnologia, dell’estetica, di costumi: l’avvento della fotografia, la comunicazione di massa, il miracolo del cinema e lo spettacolo alieno delle città convulse, elettriche, mutanti, internazionali. Parigi in cima. Édouard Manet (Parigi, 1832-1883), a cui Palazzo Reale di Milano dedica un’ampia mostra di taglio storico, fu uno di quegli artisti simbolo della grande stagione moderna, francese ed europea. E lo fu anticipando i temi dell’Impressionismo, comprendendo le conseguenze di una nuova idea di visione, rifiutando l’impostazione classica e accademica. Da qui ripensò lo spazio della pittura, la natura dei soggetti, l’idea di prospettiva e la funzione del colore, nell’autenticità e nell’irriverenza di tele potenti, colte, radicali.

LA MOSTRA

Manet e la Parigi moderna, curata da Guy Cogeval, Caroline Mathieu e Isolde Pludermacher, riunisce un centinaio di opere, tra cui 55 dipinti: 17 capolavori di Manet e 40 altre tele di maestri coevi, da Boldini a Cézanne, da Degas a Gauguin, da Monet a Renoir, Signac, Tissot. Una compagine varia e variamente amalgamata, tra sodalizi forti e differenze significative, che nel fermento parigino visse di incontri negli atelier, discussioni nei caffè, promenade lungo i passages, partecipazioni ai Salon e giornate spese fra i teatri, i locali, le strade, le stazioni, i musei. Contesto vitalissimo, di cui la mostra milanese prova a restituire il sentimento e le implicazioni, attraverso lo sguardo di uno straordinario anticipatore.

Fonte: Artribune, www.artribune.com 

La mostra è prodotta dal Comune di Milano con MondoMostre Skira.

 

Letto 767 volte

Claudio for Expo

ICH Sicav

 

 

 

 

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Per saperne di piu'

Approvo

Scrivi alla Redazione

Puoi scriverci al seguente indirizzo:

bollentini@labissa.com

 

 

 

Seguici anche su:

Realizzato da: Cmc Informatica e Comunicandoti