Claudio for Expo

ICH Sicav

 

La Certosa di Garegnano, un’oasi di silenzio nella tumultuosa Milano

Scritto da Redazione

Per chi arriva a Milano da nord, dalle autostrade, non passa inosservata. Il complesso della Certosa si trova lì a destra poco prima dell'incrocio con il viale che da lei prende il nome, viale Certosa. Ma di questo importante edificio pochi ne conoscono la lunga storia costellata anche da alcune curiosità.

Santa Maria Assunta in Certosa di Garegnano è considerata uno dei grandi monumenti nella storia dell’arte ambrosiana.

Fondata il 19 settembre del 1349 da Giovanni Visconti, Signore e Arcivescovo di Milano, era stata costruita lontano dalla città per consentire ai monaci di poter vivere e pregare in silenzio e solitudine. Ancora oggi conserva, pur inserita nel tessuto cittadino, questa intima vocazione e può quindi rappresentare uno dei motivi per visitare la Certosa.

Dedicato a Santa Maria, l’edificio, consacrato nel 1367, è caratterizzato da una navata unica, voltata a botte e senza transetto. La Certosa, situata non molto distante dalla strada postale che congiungeva Milano, Varese e Gallarate, era inserita nel Bosco della Merlata, una zona battuta da briganti e malintenzionati. Costituì quindi per molti anni in quest’area un rifugio sicuro per viandanti e pellegrini.

Quando fu costruita, la zona si chiamava Garegnano Marcido, frazione di Musocco. Il nome di Marcido deriva dalle “marcite”, il tipico sistema di coltivazione delle pianure lombarde utilizzato dai frati della Certosa.

Il complesso ospita opere di grande interesse artistico; è il caso del ciclo pittorico dell'interno eseguito in due tempi da Simone Peterzano, maestro del celebre Caravaggio, e di Daniele Crespi. La sala capitolare conserva nella volta un bellissimo affresco con San Michele, opera di Bernardino Zenale (principio del XVI secolo).

Non passa inosservata anche la facciata, attribuita a Galeazzo Alessi e a Vincenzo Seregni, realizzata tra la fine del sec. XVI e l’inizio del sec. XVII; si presenta divisa in tre ordini simmetrici scandita nei due inferiori da coppie di paraste in granito con capitelli in pietra gialla d’Angera.

Nell’ordine inferiore si apre un solo portale, due colonne in granito, un altorilievo in marmo di Candoglia raffigurante il riposo della Sacra Famiglia durante la fuga in Egitto. Nella parte mediana, al centro, si trova una finestra con balconata in pietra rossa d’Angera, a destra in una nicchia San Carlo Borromeo e, a sinistra, Sant’Ambrogio, in marmo di Candoglia. Nella parte superiore, in evidenza un bassorilievo che raffigura la Maddalena. La facciata è completata dalla statua della Vergine Maria affiancata da due angeli.

La Certosa accoglieva, al suo interno, la Prioria e il Grande Chiostro, simile a quello della Certosa di Pavia, su cui si affacciavano le celle dei monaci. Nel 1783 il cenobio fu soppresso e i certosini furono estromessi. Il convento venne parzialmente demolito e in parte adibito a uso abitativo.

A creare l’aurea di splendore e santità attorno alla comunità monastica contribuì sicuramente anche il Petrarca, il quale visitò diverse volte questo monastero e, dopo aver visto anche la Grande Chartreuse, affermò: "Son dunque stato in Paradiso: ho visto gli Angeli di Dio in terra; ho visto viventi in corpi Terrestri, coloro che presso il Cielo sarà loro dimora".

La tradizione narra che il Petrarca si recasse in Certosa ogni settimana e che nel monastero avesse libero accesso.

Il complesso fu restaurato nel 1930 da Ambrogio Annoni. L’ultimo restauro è del 1982.

Fonte: http://www.turismo.milano.it/

Letto 793 volte

Claudio for Expo

ICH Sicav

 

 

 

 

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Per saperne di piu'

Approvo

Scrivi alla Redazione

Puoi scriverci al seguente indirizzo:

bollentini@labissa.com

 

 

 

Seguici anche su:

Realizzato da: Cmc Informatica e Comunicandoti