Claudio for Expo

ICH Sicav

 

Ciciarade Insubri

Ciciarade Insubri (241)

La Lombardia come l’Irlanda? La similitudine è in effetti fortissima, nutrita dai boschi e prati a distesa con intense sfumature di verde che sia in quell’isola che nella patria di Carlo Porta trovano il primo “cromatico” punto di contatto. Ma poi, alimentata dal mare (chi l’avrebbe mai detto?): un mare che in Irlanda è fisico, reale e che invece in Lombardia esiste idealizzato nella nebbia-scighera la quale - se è osservata da sopra le prime alture prealpine - permette di ammirare il territorio lombardo immerso in uno sconfinato oceano. E quale è l’ulteriore comune denominatore, tra questi due mondi? La lingua ovviamente, o meglio: le lingue. Perché sia in Lombardia che in Irlanda coesistono due idiomi in continua competizione: inglese e gaelico lassù, italiano e lombard qui da noi. E con tali arcane corrispondenze tra questi due lontani ma vicinissimi luoghi del mondo, non poteva di certo mancare un gruppo…
Davvero c’è affinità culinaria tra i nervìtt e il sushi? Quale rapporto lega le città di Monza e Tokyo, Merate e Nagano, Cantù e Osaka? Quale legame sussiste tra la lingua giapponese e quella del sciòr Carlo Porta? Se mai queste domande hanno una risposta, forse la si troverà nei 999 proverbi-haiku in lèngua màder (la “prima lingua” degli abitanti della Brianza, una terra per secoli parte del Ducato di Milano) pubblicati dall’Opificio Monzese delle Pietre Dure nella raccolta intitolata Nervitt brianzoeu e Sushi giappones - 999 haiku: questa sarà presentata in edizione grafica originale a fine gennaio 2017 presso lo storico Bar-libreria Bencini a Inverigo (uno degli esercizi più antichi del territorio brianzolo, nato nel cuore della Brianza nel lontano 1904). Ci spiegano meglio Sonia Micheletto e Renato Ornaghi, i due curatori di questa raffinata raccolta del notevole patrimonio di saggezza proverbiale brianzola: “La scoperta, sorprendente e spiazzante e…
Lingua Lombarda sì, lingua lombarda no? Con la recentissima proposta di legge regionale per la tutela dell’idioma “lombardo” si è acceso il dibattito se sia o meno importante la difesa di una lingua minoritaria, se il fatto di tentare di rivitalizzare la lingua locale sia una operazione “di retroguardia”, che cioè guarda al passato e non al futuro. Una delle migliori risposte a questo timore di provincialismo è Milàn, Milàn!, la celebrazione positiva della milanesità e della internazionalità della lingua lombarda, in sontuoso stile Broadway. Ciò, grazie a una inedita “Liza Minnelli” che pur cantando in meneghino regge degnamente il confronto con l'originale in inglese e a una cover in lengua della celeberrima "New York, New York" che celebra Milano, il suo idioma, la sua velocità e la sua frenetica voglia di fare. Una versione in lengua che mantiene intatti l'allure e la grandeur della grande metropoli.  Ma soprattutto, Milàn,…
Riceviamo e volentieri pubblichiamo, sia in italiano sia in lingua lombarda occidentale, il comunicato del Movimento Domà Nunch. Abbiamo letto con tenerezza l’ironica iniziativa del gruppo saronnese ‘L’altra Europa con Tsipras’, che qualche giorno fa ha organizzato un “Curs de dialett per terun e baluba” (sic), allo scopo di prendere in giro l'Amministrazione Comunale in cui siamo presenti e attivi con il nostro Assessorato all'Ecologia e Sport. Siamo sempre contenti quando - anche con un pretesto come quello - c'è chi riconosce la nostra lingua locale; ma tanto per partire, ci piacerebbe che costoro fossero degli alfabetizzati in tale idioma. Dopotutto, sappiamo perfettamente che i soggetti in questione sono già tutti professoroni a cui non serve studiare. Dunque, per quel che ci riguarda, possono ben continuare a rendersi ridicoli, ma sappiano anche che una lingua - la nostra lingua materna - è una cosa seria e come tale va trattata. Infatti,…
Cara el mè Milan, la mè cità, mì te ricordi grisa de nèbia, infredulida e semper de cursa, pièna de gent, de voeuja de laurà, de voueja de fa… Bej dì d'inverno vers sera, cunt el scur magari adrée Nadal… brilava la cità, brilaven i vetrin, e intant la gent, sui marciapé, vardaven, faseven i so cunt intant che la sera la vegniva giò… Se sentiva sferajà, cumpariva un tram in de la nebia, in sui binari lusent cume l'argent, la gent la se sarava su el paltò, e sentiva amò el dialet. “Ué.. sta ben, se vedum duman…” E l'era una gran cà, e gh'era post per tucc, anca per quei, cume mi, ch’eren nasù da n’altra part, ma aveven mis giò el couer sòta al Domm, sòta la Madunina. La cità l'era una mama, che dis mai de no ai so bagaj. La signora Donata Vescovi, piacentina, vive a Milano dalla fine degli…
El Luìs, mobiliere lombard de la Brianza, l'ha sèmper lauràa par tuta la vita, a l'è mai 'ndàa in ferie e l'è mai 'ndàa foeura del sò Paes. 'Na sira, a l'osteria, el diis a i sò amiis che l'è adree partì par un viacc. "Comè Luis, te se mai andà in giir e adess te vet a fa 'n viacc". Ma induè te vet"? "Vò a Cuba", rispond el Luis. E inscì lù el va a Cuba, e, quand l'è turnàa indrèe, el va in osteria a cunta a i sò amiis comè l'è 'ndaja. "Ma Luis, comè t'hè faj cunt la lengua, tì che te pàrlet domà el Lombard?", domanden i amiis. "Basta ingegnass - rispond el Luis -: me bastava on fujett e on lapis, ghe fasevi 'n disegn e inscì la capìven".  
di Elena Paredi* A Sant Martin tutt el mòst l’è vin. L’estaa de San Martin la dura trii dì e on ciccin. …. E l’inverna a l’è chì arent. In di fond el se somena el forment e el ris. A San Martin se cunta i pegor per menall al cald. In quel dì chì seren sòlet stipulà i scrittur a noeuv di loeugh e cà, se paghen i ficc e se “fà sanmichè”, var a dì se cambia cà. A Sant Martin gh’è el vinell noeuv, ch’el besògna bev de subet, se de nò el inacidiss. Quel vin chì el fa el torborin ch’el se lassa bev, con tona s’ciumetta bianca a la superficia. El 11 el dovaria vess on bel sô, ch’el scòlda i busecch, e inscì anch i alter trii dì a vegnì. La se ciama “L’estaa de San Martin”.
di Tito Zini* L'immagin sincéra de l'umiltà? On difensôr de la libertà o vun ch'el se sent insoddisfaa? Per l'insoddisfaziôn de vedè l'umanità che la viv in del disôrdin de tôrbid ambiziôn o che la moeur, dimenticada, in squallida desolaziôn. E allôra te se senten soffegà dal ghignôn de vèss nassuu in d'on mônd crudel, egoista, senza virtù. 
di Marco Brambilla* Questa la fumi in onor del mè cardiologh, por nan.... me diseva semper che el fumm fa mal. On bèll bicerìn de Brutt per quel brao fiœu del mè gener, che l'era astemi. 
Pagina 1 di 15

Claudio for Expo

ICH Sicav

 

 

 

 

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Per saperne di piu'

Approvo

Scrivi alla Redazione

Puoi scriverci al seguente indirizzo:

bollentini@labissa.com

 

 

 

Seguici anche su:

Realizzato da: Cmc Informatica e Comunicandoti