Claudio for Expo

ICH Sicav

 

Modello Milano: la manifattura lombarda leader in Europa

Scritto da Paolo Bricco

La via milanese e lombarda alla nuova manifattura si conferma al di sopra della media del migliore standard europeo. Con, al suo interno, una polarizzazione crescente fra imprese efficienti e non efficienti. Anche se, per restare a pieno titolo nel cuore della manifattura continentale, deve riuscire a sviluppare più innovazione formalizzata e deve connettersi con più potere alle catene globali del valore.

A livello sistemico, il sistema industriale lombardo conferma la sua appartenenza al network composto dai cinque aggregati industriali europei principali (ci sono anche Baden-Württemberg, Baviera, Rhône-Alpes e Catalogna), la sua leadership italiana e la sua conformazione tecno-industriale, fatta di medium-tech nella specializzazione produttiva e dell’adozione di meccanismi di governance e di strategie aziendali inusuali nel nostro Paese. Ma, nella conformazione di quello che resta il motore dell’economia italiana, la recessione ha approfondito il divario fra le imprese che ce la fanno e le imprese che non ce la fanno.

Con il report “Le performance delle imprese europee: un’analisi benchmark” (la quarta ricerca del 2016), il centro studi di Assolombarda ha delineato la più avanzata e accurata disamina del modello Milano e di quel sistema lombardo che ha in esso il perno di riequilibrio e il punto di raccordo con i circuiti internazionali. Le imprese migliori – definite “top performer” – utilizzano bonus nei loro assetti manageriali, brevettano, digitalizzano i processi aziendali (non solo nella parte manifatturiera) e partecipano direttamente alle Global Value Chains. Secondo l’analisi di Assolombarda, i top performer di tutte e cinque le aree europee hanno una produttività media di 71,5 mila euro. I top performer della sola Lombardia hanno una produttività media di 88,2 mila euro. Dunque, i top performer di questa parte d’Italia staccano non di poco la migliore Europa presa nel suo insieme. Il resto del campione, composto dai non top performer nell’insieme complessivo delle cinque aree europee, ha una produttività di 44,6 mila euro, quasi identica a quella degli equivalenti lombardi (44,8 mila euro). Dunque, la Lombardia, anche nelle sue componenti meno virtuose, sta al passo del meglio dell’Europa. E, quando si prende in considerazione il meglio del meglio, è al di sopra. Questa spinta produce una inevitabile polarizzazione, che viene accentuata nel caso lombardo. Nel caso della media europea, la differenza di produttività fra chi adopera i bonus per l’organizzazione manageriale, deposita un brevetto, digitalizza i processi e partecipa alle Global Value Chains e chi non lo fa “vale” 27mila euro. In Lombardia, questa differenza sale a 44mila euro. Si tratta di un dato impressionante: la produttività di chi fa tutto questo è doppia rispetto a quella degli altri.

L’analisi realizzata da Assolombarda non ha soltanto un valore scientifico. Ha anche un valore interpretativo, nel significato più alto del termine: dovrebbe essere mandata a memoria da chiunque abbia compiti di governo e di costruzione delle policy. Per esempio, cancella la pigrizia semplificatrice - tutta italiana - che collega la crescita al taglio dei costi. Non nei casi aziendali in cui il turnaround deve essere duro e severo per risanare condizioni patrimoniali deficitarie, per cancellare la mala gestio e per ovviare allo sbandamento strategico. Ma nei casi in cui l’impresa è sana e, alla salita dello sviluppo e dell’espansione, si preferisce la discesa del taglio dei costi. Per esempio, i dati del centro studi di Assolombarda smentiscono l’idea che un basso costo del lavoro per unità di prodotto (il Clup) sia la sola condizione necessaria per una elevata competitività internazionale.

Le imprese altamente innovative riescono a essere competitive sui mercati globali anche in presenza di un Clup elevato: per queste la relazione fra probabilità di esportare e Clup è sostanzialmente piatta. Viceversa, per le imprese non innovative un aumento del Clup causa una diminuzione della probabilità di esportare pari al 30 per cento. «Politiche volte esclusivamente al contenimento dei costi – si legge nel report di Assolombarda – possono non essere efficaci nello stimolare l’attività di esportazione se questa viene portata avanti in settori dove l’attività di innovazione è fondamentale. In questi stessi settori, sarà la qualità dell’innovazione, e non il prezzo, a determinare il successo sui mercati internazionali». Dunque, è un problema di posizionamento complessivo del sistema industriale. Più giochi con i migliori, più diventi migliore. Il problema è che, per giocare con i migliori, servono gli strumenti dei migliori. In questo, il centro studi di Assolombarda evidenzia come, per rimanere su un segmento medio-alto, sia indispensabile non soltanto l’innovazione informale, ma anche l’innovazione formalizzata. Le imprese lombarde presentano performance sull’innovazione in linea con le altre regioni europee sia per quanto riguarda le innovazioni di prodotto e di processo (le realizzano rispettivamente il 38,5% e il 31,3% delle imprese contro, per esempio, il 41,2% e il 27,4% registrato nel Baden-Württemberg) e l’attività di R&S (il 39,9% degli imprenditori lombardi dichiarano di averla svolta negli ultimi tre anni, contro il 40% di Baden-Württemberg e Baviera). Tuttavia, non sono tanto la R&S e l’innovazione di prodotto e di processo a fare la differenza, quanto la capacità delle imprese di trasformare gli input ottenuti dalla ricerca in output tecnologici con valore di mercato. «In questo senso – si legge nel report – nella valutazione della competitività di un territorio assumono maggiore rilevanza i brevetti e le altre forme di protezione della proprietà intellettuale: marchi, design industriale e copyright».

Usando il campione complessivo di tutte le cinque principali aree tecnoindustriali europee – appunto Baden-Württemberg, Baviera, Catalogna, Lombardia e Rhône-Alpes – si nota come le imprese che adoperano strumenti di protezione dell’attività intellettuale hanno – a parità di territorio, settore o dimensione – una produttività superiore del 22% e un fatturato maggiore del 2% rispetto alla media del campione. Inoltre, le imprese che hanno depositato un brevetto hanno una quota di fatturato da export superiore del 6,3 per cento rispetto a chi non l’ha fatto. Dunque, la tutela della proprietà intellettuale conta moltissimo.

Nelle cinque roccaforti della manifattura europea più avanzata, il 18,3% delle imprese ha usato un qualche strumento di protezione della proprietà intellettuale (brevetti, marchi, design industriale o copyright); nello specifico, l’11,2% delle aziende ha depositato brevetti. Prendendo la sola Lombardia, queste quote sono assai più basse: rispettivamente il 7,6% e il 5,7 per cento. «Pur ammettendo che parte della capacità innovativa delle imprese lombarde non venga colta dalle statistiche sui brevetti, – si legge nel report – il divario con le altre regioni europee è troppo ampio per non destare preoccupazioni: non riusciamo a trasformare la scienza in tecnologia, a capitalizzare il nostro potenziale innovativo».

L’altro elemento fondamentale è rappresentato dall’internazionalizzazione. Il problema è quale internazionalizzazione. Usando il semplice indicatore dell’export, la Lombardia è messa bene: il 60% sono esportatrici; il 46,8% esportano al di fuori dell’Unione europea, contro il 44% della media di tutte e cinque le macro aree europee. La questione si apre quando si considera l’internazionalizzazione come un fenomeno a più dimensioni. In questo report, il grado di partecipazione alle catene globali viene calcolato come un mix di attività di import-export e di produzione all’estero. Il 4,3% delle imprese lombarde ha una partecipazione alta alle Global Value Chains. Questa quota sale all’8,2% in Catalogna, al 6,4% nella Baviera, al 7,8% nel Baden-Württemberg e al 14,2% nel Rhône-Alpes. Questo, sotto il profilo strategico, è un problema: le aziende meglio collegate alle Global Value Chains sono in un numero proporzionalmente maggiore negli altri quattro motori industriali europei rispetto a quanto non siano in Lombardia. Le cose vanno meglio – ma non troppo – quando si considerano non solo le imprese con una partecipazione alta, ma anche quelle con una partecipazione media alle catene globali del valore. Così, il 21% delle imprese lombarde ha una partecipazione medio-alta alle catene internazionali del valore, a fronte del 23,2% del Baden-Württemberg, del 19,3% della Baviera, del 50,6% della Catalogna e del 48% del Rhône-Alpes. Oltre al collegamento maggiore o minore con le catene globali del valore, vanno considerati i compiti e le specializzazioni funzionali. «Le imprese lombarde – si legge nel report – hanno un potere di mercato piuttosto ridotto, perché producono più delle altre in subfornitura (22%, contro l’8,3% della Baviera e il 5,4% del Baden-Württemberg). E, se lo fanno, realizzano in subfornitura quasi l’80% del proprio fatturato».

Nel caso delle imprese lombarde, esiste un tema – potenziale e reale – di potere e di influenza e, in prospettiva strategica, di aumento della centralità e di riduzione della marginalità nella divisione dei compiti della manifattura avanzata ai tempi della nuova globalizzazione.

*originariamente pubblicato su Il Sole 24ore, www.ilsole24ore.com

 

Letto 1389 volte

Claudio for Expo

ICH Sicav

 

 

 

 

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Per saperne di piu'

Approvo

Scrivi alla Redazione

Puoi scriverci al seguente indirizzo:

bollentini@labissa.com

 

 

 

Seguici anche su:

Realizzato da: Cmc Informatica e Comunicandoti