Claudio for Expo

ICH Sicav

 

Al via la Flat Tax per attirare i Paperoni stranieri in Italia

Scritto da Giuseppe Colombo

Emiri, imprenditori facoltosi, calciatori, cantanti. Per il fisco sono high net worth individual, cioè persone con un patrimonio netto alto, mentre nel linguaggio comune, più semplicemente, sono chiamati Paperoni. Abituati fino ad oggi a vederli soprattutto all'estero, potrebbero presto scegliere l'Italia, portando con sé la loro ricchezza diretta e non. Chi ci spera per primo è il governo italiano che con l'entrata in vigore della flat tax punta a raccogliere almeno una parte di quel deflusso finanziario provocato dalla Brexit che modificherà gli equilibri della grande ricchezza in Europa. Condizioni di grande vantaggio per i vip stranieri che decideranno di trasferire la residenza fiscale in Italia: 100mila euro e si è a posto con il Fisco, benefici per ben 15 anni ed estesi anche ai familiari. Il capo segreteria del Mef, Fabrizio Pagani, l'ha detto chiaramente: la flat tax è "la chiave per rendere il Paese attrattivo" e intercettare "parte del flusso che necessariamente lascerà Londra". E l'ex premier Matteo Renzi non a caso ha citato "lo sceicco che vuole abitare a Capri" come esempio di un'operazione nata per "portare capitali stranieri" in Italia.

Il governo italiano punta, quindi, a fare concorrenza a Londra. Operazione City. E una Capitale pronta a diventare la sede dei Paperoni stranieri già c'è ed è Milano. Si guarda "non tanto a Roma, ma a Milano che abbiamo lanciato come possibile hub finanziario europeo, ha spiegato Pagani. La Brexit si avvicina e per i Paperoni stranieri è sempre più urgente trovare una nuova casa dove godere di normative fiscali agevolate. Persone facoltose che si sono sempre tenute lontane dall'Italia, preferendole Paesi, come la Gran Bretagna, dove la ricchezza è tassata in misura minore, e che ora finiscono nel mirino dell'esecutivo italiano, pronto ad accoglierli con condizioni di grande vantaggio.

Una norma destinata sicuramente a far discutere e che ha già suscitato qualche malumore. L'ex ministro delle Finanze, Vincenzo Visco, non la vede di buon occhio. "Il problema che ci si dovrebbe porre è fare pagare le tasse in base alle legge e non dare incentivi", ha dichiarato all'Adnkronos. Visco ha bollato la flat tax come "un'altra delle stravaganze di Renzi" che "pensa di fare concorrenza agli inglesi sul loro terreno dopo la Brexit". "Ma la concorrenza fiscale a tutti i costi - ha sottolineato l'ex ministro - crea solo un mondo di diseguaglianze".

Come funziona la tassa fissa per attrarre i Paperoni stranieri in Italia

La flat tax è operativa da oggi dopo la pubblicazione delle istruzioni da parte dell'Agenzia delle Entrate. Possono aderire alla flat tax i contribuenti stranieri ad alto reddito che attualmente pagano a almeno nove anni le tasse in Paesi stranieri. Basterà versare una tassa fissa da 100mila euro l'anno, in un'unica soluzione, per essere a posto con il Fisco italiano, secondo quanto prevede la norma introdotta dal governo con l'ultima legge di bilancio. I benefici sono validi per 15 anni e non sono solo personali. Chi ha famiglie numerose e guadagni con tanti zeri, infatti, potrà estendere questi benefici anche ai familiari, pagando un gettone al fisco di soli 25mila euro. La norma non si applica a chi in questi anni si è trasferito dall'Italia all'estero.

I requisiti dei vip stranieri per aderire al forfait

Il versamento dell'imposta sostitutiva va effettuato in un'unica soluzione, per ciascun periodo di imposta di efficacia del regime, entro la data del versamento del saldo delle imposte sui redditi, cioè entro novembre di ogni anno. L'opzione deve essere esercitata entro i termini di presentazione delle dichiarazioni dei redditi, quindi entro il 30 settembre. La domanda può essere presentata anche se non sono ancora decorsi i termini per radicare la residenza fiscale in Italia e anche nel caso in cui l'Agenzia delle Entrate non abbia risposto ancora all'istanza di interpello. Per i Paperoni basterà barrare l'apposita casella nella dichiarazione dei redditi. Oltre ai dati anagrafici vanno indicati lo status di non residente in Italia per un tempo almeno pari a nove periodi di imposta nel corso dei dieci precedenti, l'inizio di validità dell'opzione, l'ultima residenza fiscale e gli Stati o i territori esteri per i quali intende esercitare la facoltà di non avvalersi dell'applicazione dell'imposta sostitutiva.

Fonte: Huffington Post, www.huffingtonpost.com

Letto 758 volte

Claudio for Expo

ICH Sicav

 

 

 

 

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Per saperne di piu'

Approvo

Scrivi alla Redazione

Puoi scriverci al seguente indirizzo:

bollentini@labissa.com

 

 

 

Seguici anche su:

Realizzato da: Cmc Informatica e Comunicandoti