Claudio for Expo

ICH Sicav

 

Economia e Industria

Economia e Industria (748)

Profonda revisione della strategia del Gruppo sotto la guida del nuovo amministratore delegato Jean Pierre Mustier. Questa la linea approvata dal consiglio di amministrazione di Unicredit. La revisione strategica riguarderà tutte le principali aree della banca al fine di rafforzare e ottimizzare la dotazione di capitale del gruppo, migliorarne la redditività, garantire una continua evoluzione delle attività di business e mantenere la flessibilità necessaria a cogliere tutte le opportunità di generazione di valore. Ci sarà un'attenzione specifica alle opportunità di ottimizzazione del capitale, ad una aggiuntiva riduzione dei costi, al cross-selling fra le diverse entità del gruppo e, soprattutto, all'ulteriore miglioramento della disciplina nella gestione del rischio. Intanto oggi il titolo a Piazza Affari è andato vicino a un minimo storico: le azioni, anche brevemente sospese in asta di volatilità, sono arrivate a cedere oltre il 3% e hanno toccato quota 1,8, non lontano dal minimo storico a 1,75 euro…
Sarà Angelo Vallerani il presidente del Lombardia Aerospace Cluster per il triennio 2016-2018. Vallerani è responsabile del Business Development di CGS – Compagnia Generale per lo Spazio, azienda di Milano operante nel comparto dei Sistemi Spaziali, in particolare dei satelliti e dei payloads scientifici appartenente al Gruppo OHB di cui Vallerani è membro dell’Executive Committee Board. L’ingegnere, che debutterà ufficialmente al prossimo succede International Airshow di Farnborough (11-17 luglio), succede a Carmelo Cosentino, arrivato a termine mandato. “Sento la responsabilità del ruolo che mi è stato affidato” ha detto il neo-presidente del Lombardia Aerospace Cluster subito dopo la nomina da parte del Consiglio Direttivo. “Una responsabilità che è proporzionale all’importanza di un Cluster, quello lombardo dell’industria aerospaziale, che da solo realizza un terzo di tutto l’export nazionale del settore”, ha proseguito Vallerani. L’ingegnere, laureato in Ingegneria Elettronica al Politecnico di Torino e impegnato in Palo Alto (California) prima di arrivare in CGS,  guiderà uno tra i…
Che cos’era Milano venticinque anni fa? Una città sull’orlo di una crisi di nervi con un sindaco, Paolo Pillitteri, che in diretta televisiva insultava («nazisti, squadristi...») i tramvieri in sciopero. Una classe dirigente che sfilava alla sbarra davanti a un magistrato-contadino che da lì a poco l’avrebbe azzerata. L’industria perdeva i pezzi uno a uno, dall’Alfa di Arese all’Ansaldo-Breda. La Borsa e la finanza ripiegavano su se stesse dopo anni di corse folli. A parlare di futuro e progetti in quel momento storico si rischiava l’internamento. Dopo il periodo parentetico dell’amministrazione Formentini, alla guida della città si sono alternati sindaci e giunte di colore diverso, ma con il minimo comune denominatore del fare. Gabriele Albertini (1 e 2), Letizia Moratti e Giuliano Pisapia, pur con obiettivi e sensibilità diverse, hanno restituito alla città la voglia di pensare al proprio futuro. I progetti di sviluppo urbanistico e immobiliare hanno visto la…
A soli tre giorni dal termine di The Floating Piers, la passerella di 3 chilometri sul Lago d’Iseo, sono saliti a un milione i visitatori. La Franciacorta, vicina di casa dell’installazione di Christo, ha goduto di grande visibilità: nel periodo tra il 18 giugno e il 3 luglio si prevede infatti che i calici di Franciacorta venduti in ristoranti, hotel, presso il Franciacorta Wine Bar di Sulzano e in occasione del Festival d’Estate, saranno oltre 50mila. Importante anche l’attività degli alberghi franciacortini che rispetto allo stesso periodo dello scorso anno hanno registrato un incremento medio delle presenze del 60%, di cui il 78% costituito da ospiti stranieri provenienti principalmente da Germania, Svizzera, Austria, Belgio e Stati Uniti. Non da meno i ristoranti hanno visto un aumento di coperti del 38% rispetto alle normali attività, di cui il 68 % rappresentato da turisti tedeschi, svizzeri ed americani. Quanto al Festival Franciacorta d’Estate, quest’anno…
Un’altra importante notizia dal mondo del private equity e che riguarda il comparto industriale della provincia di Varese arriva a poche ora da quella sulla cessione da parte di Quadrivio del Raviolificio Lo Scoiattolo di Lonate Ceppino e pubblicata anche da noi ieri. OpenGate Capital, un’impresa d’investimento privata californiana operante su scala globale, ha annunciato in data odierna di aver perfezionato l’acquisizione di Alfatherm S.p.A. a distanza di soli nove giorni dalla sottoscrizione di un contratto definitivo con Emerald e PM & Partners, gli azionisti e attuali obbligazionisti per l’acquisizione in oggetto. I termini della transazione in oggetto non sono stati divulgati. Alfatherm trarrà vantaggio dall’esperienza operativa di OpenGate Capital nel mercato del PVC europeo che è stato sviluppato per mezzo degli investimenti di prefinaziamento effettuati dall’azienda. Questa transazione costituisce il quarto investimento portato a termine in sei mesi da OpenGate Capital. (Fonte: www.businesswire.com) Alfatherm S.p.A. è una Società italiana,…
è decisamente positivo il bilancio 2015 dell’industria italiana costruttrice di macchine utensili, robot e automazione che ha registrato incremento per tutti i principali indicatori economici: crescono produzione, consumo, consegne sul mercato interno e export. Positive anche le previsioni per il 2016. In ragione di ciò, l’industria italiana ha rafforzato la quarta posizione nella graduatoria mondiale dei produttori e si è confermata terza nella classifica degli esportatori. In particolare, nel 2015, la produzione, cresciuta del 7,8%, si è attestata a 5.217 milioni di euro. Il risultato è stato determinato sia dal positivo andamento delle consegne dei costruttori salite, del 15,3%, a 1.830 milioni, sia dalla ripresa delle esportazioni, tornate a crescere dopo due anni di arretramento, a 3.387 milioni, il 4,1% in più rispetto al 2014. Il dato certamente più evidente, e confortante, è però relativo al consumo italiano che cresce, per il secondo anno consecutivo, in modo deciso, confermando la…
Quadrivio annuncia la cessione di Raviolificio lo Scoiattolo, la sesta exit di successo del Fondo Q2. La società di Lonate Ceppino (VA) è il terzo produttore in Italia nel settore della pasta fresca liscia e ripiena, a marchio proprio e private label, con un’importante presenza all’estero e con una particolare attenzione alla creazione di prodotti innovativi e di qualità. L’operazione prevede la cessione alle famiglie fondatrici della quota detenuta ad oggi da Quadrivio (circa il 42%) permettendo così al Fondo di realizzare circa due volte il capitale investito in quattro anni Obiettivo dell’investimento di Quadrivio, era di supportare la società nel consolidare la sua posizione sul mercato italiano e nella crescita ed espansione a livello internazionale, sempre mantenendo un’elevata qualità ed un chiaro connotato di prodotto “Made in Italy”. La società in questi anni ha raggiunto importanti traguardi, innanzitutto incrementando il fatturato che è cresciuto oltre il 30% portando Raviolificio…
In Italia, e così anche in provincia di Varese, il 95% delle imprese ha una struttura di tipo familiare e si trova quindi ad affrontare la questione del “passaggio di testimone”: un percorso costellato da scelte non sempre facili ma, tuttavia, necessarie e fondamentali quando si ha come obiettivo la continuità e il benessere dell'azienda. Un tema che, stando ai numeri, non riguarda semplicemente i processi di singole realtà, ma lo sviluppo dell'economia del Paese: la sfida della creazione di una nuova classe dirigente imprenditoriale si gioca infatti sul terreno del passaggio generazionale. Consapevoli del valore di una riflessione sul tema, gli imprenditori del Gruppo Giovani Imprenditori dell'Unione degli Industriali della Provincia di Varese hanno scelto di porlo al centro della propria tradizionale Assemblea Annuale. Protagonisti dell'incontro, testimonial d'impresa che porteranno la propria esperienza, dalle relazioni in famiglia alla professionalizzazione, dalla governance aziendale a quella familiare, su come sia possibile…
Il Comune di Milano è già al lavoro sul post-Brexit, da legare al destino dell’ex area Expo, come ha anticipato il sindaco Giuseppe Sala qualche giorno fa. Fonti vicine a Palazzo Marino lasciano capire che nei prossimi giorni il primo cittadino spiegherà meglio le sue intenzioni. Durante la presentazione della nuova giunta, ha detto che il referendum sull’uscita della Gran Bretagna dall’Unione europea, per quanto sia una cattiva notizia per la Ue, «potrebbe dare opportunità a Milano». L’idea su cui la nuova amministrazione comunale potrebbe lavorare, in collaborazione con il governo, è creare le condizioni favorevoli affinché la Borsa londinese (London Stock Exchange) sfrutti la fusione societaria con la Borsa italiana per rimanere in Europa, utilizzando appunto la sede milanese. Piazza Affari potrebbe dunque diventare il luogo in cui gli operatori della City si trasferiscono per continuare a lavorare nel mercato europeo senza troppi contraccolpi. Londra potrebbe addirittura diventare una…

Claudio for Expo

ICH Sicav

 

 

 

 

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Per saperne di piu'

Approvo

Scrivi alla Redazione

Puoi scriverci al seguente indirizzo:

bollentini@labissa.com

 

 

 

Seguici anche su:

Realizzato da: Cmc Informatica e Comunicandoti