Claudio for Expo

ICH Sicav

 

Economia e Industria

Economia e Industria (761)

Internazionalizzazione e acquisizioni. Sono queste le due vie che fanno la differenza nel percorso di sviluppo delle aziende italiane. Quando poi si tratta di imprese familiari la differenza, in meglio, diventa ancora più marcata. Tra le realtà familiari che negli ultimi anni sono riuscire a crescere più velocemente ci sono proprio quelle che sono state più attive sul fronte degli investimenti esteri, con filiali e impianti produttivi, e dell’M&A «Riescono portare a termine un buon numero di acquisizioni e nel caso delle aziende più grandi la loro governance le agevola» spiega Guido Corbetta, titolare della cattedra «Aidaf-Ey di Strategia delle aziende familiari in memoria di Alberto Falck» dell’Università Bocconi che oggi (ieri, n.d.r.) a Milano presenta l’ottava edizione dell’Osservatorio Aub (Aidaf, Unicredit e Bocconi) sulle aziende familiari italiane realizzato analizzando l’andamento, lo sviluppo e i modelli di crescita delle imprese con un giro d’affari superiore ai 20 milioni. Un universo…
L’ultimo piano industriale di Mediobanca, che si è concluso a giugno, prevedeva la liquidazione di buona parte delle partecipazioni societarie. Il nuovo, illustrato ieri dall’ad Alberto Nagel, traghetta definitivamente l’istituto di Piazzetta Cuccia fuori dall’eredità storica di un business suddiviso a metà tra la banca d’affari e la holding di partecipazioni. Infatti, il nuovo piano prevede tre linee di business - corporate e investment banking, consumer banking e wealth management - di pari dignità e complementari, con le partecipazioni dimezzate nel peso a fine periodo (nel 2019) e con un ruolo rivistato in chiave di riserva patrimoniale a sostegno dello sviluppo delle altre aree. Lo scopo - ha spiegato ieri Nagel - è di ottenere a fine piano «una banca più forte, solida e meno rischiosa», con l’obiettivo di recuperare lo sconto sul book value che, seppure in misura inferiore rispetto agli altri istituti di credito, grava anche sulla valutazione…
Promuovere lo sviluppo del manifatturiero avanzato sul territorio e fare della Lombardia il polo di competenza della manifattura europea e riferimento per quella internazionale. È il posizionamento di Assolombarda sul tema dell’Industria 4.0 e della digitalizzazione dei processi produttivi presentato in settimana a Monza, presso il Salone d’Onore della Villa Reale, alla presenza di diversi rappresentanti delle istituzioni. “Nel settore manifatturiero l’Italia è il secondo Paese europeo per valore aggiunto e il quinto al mondo per surplus commerciale. Ma il trend non è positivo (-54 miliardi) e va invertito. Basti pensare che oggi la manifattura nel nostro Paese vale solo il 16% del valore aggiunto sul PIl mentre nel 2000 era il 20% – ha dichiarato Gianfelice Rocca, Presidente di Assolombarda Confindustria Milano Monza e Brianza –. Il Piano Industria 4.0 costituisce l’ultima chiamata per fermare la deindustrializzazione italiana e, se attiviamo le leve giuste, può tradursi in un’opportunità in…
Andare alla ricerca di Paesi nel nostro Pianeta che abbiano bisogno di riscaldarsi, in presenza di temperature rigide, e quindi che abbiano anche la necessità di regolare il calore e di realizzare risparmi energetici significativi. A Ovest come a Est del mondo. Come in Uruguay, e da qui in Argentina e pure in Cile, oppure nell’Asia ex sovietica, come in Uzbekistan e Turkmenistan, grazie alla storica presenza in Russia e, ultimamente, in Kazakistan e Azerbaijan. La ricetta della novarese Ivr, con stabilimento a Boca dove lavorano circa cento persone, specializzata in valvolame, è tutta qui. Il mondo è grande e basta cercare di vendere i propri prodotti, di alta qualità, a chi ne ha bisogno, con un’offerta mirata e focalizzata sulle singole esigenze locali. Senza dimenticare che Ivr non produce solo valvolame per i sistemi di riscaldamento, ma anche per l’impiantistica in generale, nelle case e nelle attività produttive, con…
Boom del traffico cargo a Malpensa, che rafforza il ruolo di hub al servizio delle imprese esportatrici del Nord-Ovest. Il grande aeroporto lombardo anticipa la peak season del trasporto merci, cioè il periodo migliore dell'anno che di solito coincide con il mese di novembre, registrando un settembre ottimo e un ottobre da record. I dati di settembre, spiega la Sea (la società che gestisce gli aeroporti milanesi), sono buoni per tutto il settore cargo che ha registrato una crescita media del 5% nel mondo; però Malpensa ha più che raddoppiato il dato mondiale con un +11,3% rispetto allo stesso mese dell’anno precedente (in valore assoluto, a settembre, le merci transitate da Malpensa sono risultate pari a 43.722). Ottobre è andato ancora meglio: è stato il mese del record assoluto con un 15% di incremento pari a 53mila tonnellate di merci trasportate, il miglior risultato mensile di sempre per quanto attiene…
Una passione che traina un intero comparto. Le due ruote si confermano un patrimonio di eccellenza per il manifatturiero italiano, come ha confermato ieri la giornata di inaugurazione di Eicma, la rassegna italiana dedicata biciclette e motociclette, giunta alla 74esima edizione, ospitata in Fiera, a Rho, fino a domenica. L’evento quest’anno ha ritoccato il record degli espositori (quasi 1.100), di superficie occupata (+12% sul 2015) e soprattutto di prevendite, in crescita del 50% rispetto all’edizione scorsa. «Le moto sono un’opera d’arte, una sintesi di design, tecnologia e personalizzazione - ha spiegato il presidente di Confindustria, Vincenzo Boccia -. Industria 4.0 significa anche riuscire a soddisfare un mercato che richiede sempre più spesso prodotti industriali personalizzati: siamo di fronte alla stagione delle idee, il comparto delle due ruote può e deve cavalcare la quarta rivoluzione industriale». Boccia ha anche ricordato di essere stato motociclista in gioventù. «La cosa più bella era…
Il 2015 visto dall’analisi dei bilanci depositati dalle imprese italiane ha molte facce. Quella del settore industriale sorride grazie ai segnali di buona vitalità dopo l’aggancio, avvenuto nel 2014 e continuato nei successivi dodici mesi, della ripresa. Il mondo dei servizi riesce finalmente a superare l’impasse ed è un po’ più sereno e, dopo una lunga stasi, anche quello delle costruzioni finalmente riesce ad abbozzare un sorriso. È quanto emerge dal Rapporto Cerved Pmi 2016 che il 15 novembre verrà presentato a Milano in occasione di Osservitalia, l’appuntamento annuale di Cerved dedicato all’analisi delle pmi italiane, di cui Il Sole 24 Ore è in grado di offrire una anticipazione. Sono stati analizzati oltre 110mila bilanci 2015 di pmi italiane, con un numero di addetti compreso tra 10 e 250, depositati alla fine di settembre presso le Camere di commercio. I dati sono stati riclassificati e aggregati da Cerved e confrontati…
Diminuiscono i ricavi a 2.621 milioni(-13,4%), il margine operativo Ebita a 274 milioni (-7,1%) e l’utile operativo (Ebit) a 232 milioni (-6,5%). Aumentano gli ordini a 2.637 milioni (+17,1%) e l’utile netto di competenza a 142 milioni rispetto a 36 milioni. I risultati nel terzo trimestre del gruppo Leonardo-Finmeccanica sono stati approvati ieri all’unanimità dal cda, presieduto da Gianni De Gennaro. Nei primi nove mesi i ricavi consolidati sono diminuiti di 967 milioni (-10,7%) a 8.034 milioni, l’Ebita è aumentato di un milione a 746 milioni, l’utile operativo è aumentato di 32 milioni a 631 milioni (+5,3%). L’utile netto di competenza è quasi triplicato, da 122 a 352 milioni. Malgrado i ricavi in calo, dalle cifre disponibili nel comunicato il balzo del risultato netto sembra attribuibile in larga parte alla riduzione per 167 milioni degli «oneri finanziari netti», pari a 180 milioni, non ci sono ulteriori spiegazioni. Il conto economico…
A giudicare dalle novità - anticipate e ipotizzate - la prossima edizione di Eicma, l'Esposizione internazionale ciclo e motociclo (8-13 novembre 2016), sarà davvero ricca. A Milano si attendono tutti i nuovi modelli presentati all'Intermot di Colonia a ottobre, più numerose altre anteprime mondiali, alcune dichiarate, altre “sfuggite” o paparazzate durante i test su strada dei prototipi. Vediamo cosa ci attende, marca per marca, ricordando che Eicma aprirà i battenti al pubblico giovedì 10 novembre, alle ore 10, e chiuderà domenica 13 alle 18.30, con un prezzo per il biglietto intero di 21 euro. BMW. Lo stand tedesco promette di essere uno dei più densi di novità. Tre sono all'insegna delle tuttoterreno, le teutoniche Gelande Strasse (Gs): a Milano dovremmo vedere la piccola della famiglia, dotata del monocilindrico di 313 cc della naked G310 R; ci sarà il model year 2017 della R1200 Gs (previsto un affinamento per le sospensioni);…
Pagina 5 di 45

Claudio for Expo

ICH Sicav

 

 

 

 

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Per saperne di piu'

Approvo

Scrivi alla Redazione

Puoi scriverci al seguente indirizzo:

bollentini@labissa.com

 

 

 

Seguici anche su:

Realizzato da: Cmc Informatica e Comunicandoti