Claudio for Expo

ICH Sicav

 

Centrodestra, voglia o necessità di listone sovranista

Scritto da

E ora che succede? Dopo il recente terremoto politico in casa Pd, che tipo di risposta arriva dal centrodestra? I sondaggi non sorridono alla sinistra, ma il partito bene o male regge, così come il M5S, nonostante i guai romani, il movimento veleggia su percentuali solo sognate dal centrodestra. Succede quindi che dipende dalla data del voto e dalla legge elettorale, nel frattempo si lanciano ballon d’essai, si fanno arditi giri di valzer, si tiene sotto controllo tutto quello che capita a tiro per capire da che parte spira il vento. Con il minimo comune denominatore dell’innamoramento trumpiano e putiniano mentre Le Pen scalda meno i cuori. In realtà è oggi superato parlare di centrodestra, occorre infatti riposizionare il mirino e parlare di destra di ispirazione populista, il centro, nel senso di area liberalpopolare, sembra evaporato, a rappresentarlo è rimasto solo Stefano Parisi sempre più autonomo, ma anche isolato e con seguito e militanza ancora tutta da dimostrare. La legge elettorale si diceva, proporzionale, quella che impone i listoni, per arrivare primi e intascare il premio di maggioranza. Con Pd e M5S chiaramente davanti, se la destra si frantuma, non essendoci più il ballottaggio, sicuramente perde e finisce solo per accontentarsi delle briciole e dei calcoli di bassa cucina, da linea di sopravvivenza, la parte più moderata potrebbe fare l’ago della bilancia nel migliore dei casi, ma è poca cosa. Il voto non sembra poi così lontano, non in primavera, ma in autunno, non c’è quindi più tempo per andare per il sottile, per inventarsi nuove formule. Ci sono solo i dati di fatto, una Italia sempre più povera, vittima di precariato, disoccupazione, incertezze sociali a qualsiasi livello. E' pertanto naturale che qualsiasi proposta intrisa di populismo e sovranismo al grido di “prima gli italiani” contro la barbarie faccia presa. Il nemico è l’Europa dalla quale uscire, lo spettro della povertà è rappresentato dall’Euro del quale liberarsene al più presto, la fine della società italica con le sue certezze, i suoi valori e la sua identità è plasticamente riconosciuta nell’immigrazione senza freni che occorre bloccare al più presto. Il tutto ben intriso del solito repertorio più o meno realistico che ascoltiamo da anni dalle parti di Salvini e Meloni e da un po’ anche in ambito Forza Italia e in alcuni cespugli del fu centrodestra. Il calcolo è cinico, addirittura di una semplicità banale, ovvero fare surf su esperienze politiche ed elettorali di successo di matrice populista. Identificare alcuni obiettivi molto grezzi e facilmente comprensibili, come appunto i sopra ricordati No Euro, Italexit e blocco immigrazione e poi far ruotare intorno a questi una gragnola di proposte ad effetto, anche le più balzane, basta che conquistino le prime pagine dei giornali e le preferenze del maggior numero degli elettori in ottica trasversale. La ricetta prevede di inondare il paese di parole e slogan ad effetto, i programmi e i progetti meglio tenerli sul vago perché devono poter essere cambiati alla bisogna di volta in volta. Trump insegna. Tutti insieme appassionatamente a lavorare al grande listone sovranista in salsa trumpiana, Berlusconi permettendo, perché l’ex Cavaliere tergiversa. O fa finta di tergiversare, manda avanti Toti a sondare il terreno, a stringere un asse preferenziale con Salvini, poi lui si riserva di aggiustare il tiro. Un Berlusconi redivivo ed in buona salute politica, che sicuramente sta approntando un programma molto in concorrenza con Salvini. Intanto cerca di dividere e avvicinare il fronte destro, la Meloni è già nelle mire. Con un Renzi in difficoltà e con il venir meno dell’utilità e della fattibilità di patti del Nazareno e cose simili da utilizzare almeno a fini di dissuasione, è logico immaginare che Berlusconi stia meditando seriamente sul listone italtrumpiano. Ma alle sue condizioni, che sicuramente confliggono con quelle di Salvini. Il confronto saranno le primarie? Chi lo sa. La battaglia a destra è appena iniziata.

 

Letto 960 volte

Claudio for Expo

ICH Sicav

 

 

 

 

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Per saperne di piu'

Approvo

Scrivi alla Redazione

Puoi scriverci al seguente indirizzo:

bollentini@labissa.com

 

 

 

Seguici anche su:

Realizzato da: Cmc Informatica e Comunicandoti