Claudio for Expo

ICH Sicav

 

Brianza: dai ristorni 9 mln. alle province di confine. Ma incombe il nuovo accordo

Scritto da Redazione

“E’ stata attribuita alle Province di Varese, Como, Lecco e Sondrio la somma di oltre nove milioni di Euro, assegnata alla Regione Lombardia per l’anno 2013 e derivante dal ristorno fiscale delle tasse, pagate in svizzera dai nostri lavoratori frontalieri”.

Lo ricorda l’Assessore di Regione Lombardia delegata ai rapporti con la Svizzera e Presidente della Regio Insubrica Francesca Brianza, a margine della giunta Regionale di oggi che si è tenuta al Science Park di Lodi.

“Il ristorno fiscale – ricorda l’Assessore – rientra negli accordi bilaterali tra Italia e Svizzera e prevede una compensazione finanziaria in base all’imposizione fiscale dei lavoratori frontalieri. Tali ristorni vanno a favore delle quattro Province oltre ai Comuni e alle Comunità montane di confine”.

“Le somme da ristornare alle Province – continua – saranno liquidate da Regione Lombardia entro il termine dell'anno. Le Province hanno fatto pervenire a Regione Lombardia le proposte di piano con i singoli progetti destinatari delle somme assegnate”.

“Con questi contributi - dichiara l’Assessore – le varie realtà territoriali hanno potuto mettere in opera importanti lavori di manutenzione e riqualificazione di scuole, strade, impianti sportivi. Sono stati potenziati i laboratori e arricchite le attrezzature e gli arredi delle istituzioni scolastiche ed è stato possibile intervenire sulla messa in sicurezza di edifici pubblici e sul potenziamento del trasporto pubblico locale”.

“Il nuovo accordo fiscale sui frontalieri portato avanti dal governo Renzi, oramai già ultimato e a cui manca solo firma e approvazione dal Parlamento, non prevede più i ristorni - denuncia Brianza – e, senza tale fonte di finanziamento, i nostri comuni, le comunità montane e le Amministrazioni Provinciali di Varese, Como, Lecco e Sondrio non avranno più le risorse per tutti questi interventi”.

“Speriamo fortemente che l'accordo attuale non passi o, al limite, venga modificato in positivo. Le popolazioni dei territori di frontiera hanno un altro buon motivo per votare NO al referendum e cacciare Renzi che – conclude -  sta preparando una dura batosta nei confronti dei nostri frontalieri e dei nostri territori di confine”.  

Letto 1301 volte

Claudio for Expo

ICH Sicav

 

 

 

 

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Per saperne di piu'

Approvo

Scrivi alla Redazione

Puoi scriverci al seguente indirizzo:

bollentini@labissa.com

 

 

 

Seguici anche su:

Realizzato da: Cmc Informatica e Comunicandoti