Claudio for Expo

ICH Sicav

 

Frontiera

Frontiera (326)

di Clemente Mazzetta* Dalle fiere erotiche, ai locali a luci rosse, dai siti dell'hard on line agli annunci porno. Il Ticino è sempre più un territorio del sesso "facile". Zona franca della prostituzione. Fama rafforzata dalla prossima edizione di Extasia a Lugano, una fiera dell'erotismo che il sito web ufficiale della città propaganda come "evento che richiama un vasto pubblico svizzero e straniero". Manifestazione che ha suscitato la protesta di una Chiesa evangelica e un'alzata di spalle del municipale "al turismo" il leghista Lorenzo Quadri: "Extasia è perversa come una puntata dei Barbapapà". Date queste premesse, la petizione lanciata dei pastori evangelici per vietare la fiera del sesso ("La salute sessuale, psicologica, fisica e morale della nostra popolazione non può essere barattata con un introito economico") pare destinata a finire in un nulla di fatto.
Nella Svizzera francese due grandi banche corteggiano i frontalieri, studiando un'ottimizzazione fiscale su misura. In Ticino, al contrario, si escogita quanto possibile per mettere loro il bastone tra le ruote, e poco importa se i frontalieri italiani fruttano almeno mezzo miliardo di franchi all'anno all'economia della regione. Oltre, naturalmente, al valore creato con il loro lavoro. "È presto per valutare quali strumenti vogliano proporre, ma è ovvio che nella Svizzera francese le banche non hanno nessun interesse a perdere una parte consistente della loro clientela come quella rappresentata dai lavoratori, risparmiatori e investitori frontalieri - commenta Samuele Vorpe, responsabile del Centro competenze tributarie della Supsi -. Si fa un gran parlare, da noi, dell'aumento del moltiplicatore d'imposta che dovrebbe portare una ventina di milioni in più, ma è solo una piccola parte del gettito fiscale alimentato dai lavoratori stranieri".
di Mauro Spignesi* Alle ultime elezioni comunali a Lugano, nelle liste del Plrt, si era presentato così: "Mi chiamo Davide Enderlin e sono attivo nel settore della consulenza alle aziende come imprenditore. Di alcune di queste sono attivo proprio come azionista". E poi, quando erano cominciati i suoi guai con la giustizia, per il fallimento della Ed. Im Suisse, di cui era presidente, si era difeso: "Io sono in 142 società, ne sono fallite due...". Ed è proprio attorno a queste società che ruota il filone ticinese dell'inchiesta che ha portato nei giorni scorsi ad una perquisizione negli uffici luganesi di Enderlin (da mesi a Como dopo il carcere in Liguria con l'accusa di riciclaggio) e all'arresto di un suo ex socio e di Gintare Kubiliute. Un'affascinante ragazza lituana, più conosciuta in Ticino (dove risiede da anni) come Ginta Biku.
di Libero D’Agostino* Un fisco tagliato su misura per le multinazionali. Per uno scandalo che sta facendo tremare il Lussemburgo, uno dei Paesi fondatori di quell'Unione Europea che sulla fiscalità compiacente e il segreto bancario ha messo in croce la Svizzera. "Certo l'Ue non ci fa una bella figura, vista la pressione esercitata sino adesso sulla Confederazione e considerato anche che il sistema lussemburghese va avanti da molto tempo", osserva Paolo Bernasconi, docente di diritto penale dell'economia e attento osservatore dell'evoluzione della fiscalità internazionale. Ma Bernasconi avverte: "Il terremoto scatenato con le rivelazioni del caso LuxLeaks non resterà confinato nel Granducato e nell'Ue, gli effetti si faranno sentire in Svizzera che fa anche largo uso della stessa tassazione speciale per i grandi gruppi stranieri.
di Libero D’Agostino* "Il Ticino non può fare a meno di collaborare con l'Italia". Per il consigliere diplomatico Francesco Quattrini non ci sono altre scelte. Nonostante gli attriti con Roma su fisco e frontalieri, il delegato del Cantone ai rapporti transfrontalieri e internazionali è chiaro: "La necessità di questa collaborazione non è una semplice opzione, ma una strada obbligata. Il nostro sviluppo economico, culturale e sociale è legato a quello dell'Italia". Eppure tensioni e timori si avvertono su entrambi i lati della frontiera. I Comuni di confine temono che il nuovo accordo sull'imposizione dei frontalieri, con la tassazione dei salari divisa tra Svizzera e Italia, li penalizzi. Che Roma trattenga una quota maggiore delle imposte, per cui mancherebbero loro i fondi per servizi e infrastrutture di cui si avvantaggia, alla fine, pure il Ticino.
di Mauro Spignesi* Casse vuote e più disoccupati. L'incubo dei sindaci dei Comuni lungo la linea di frontiera arriva dalle trattative fiscali tra Italia e Svizzera. E soprattutto dall'orientamento che sta emergendo dal dibattito sulla nuova imposizione per i frontalieri. Non più il vecchio e contestato sistema dei ristorni che la Confederazione riversa a Roma, come ha spiegato al Corriere del Ticino Vieri Ceriani, capo negoziatore per l'Italia, ma un cambio di paradigma, che prevede una tassazione del salario praticamente divisa fra i due Stati. Un sistema che potrebbe penalizzare i Comuni di confine, poiché Roma potrebbe trattenere una quota maggiore delle imposte, riversando loro meno soldi.
di Clemente Mazzetta* Questo Cantone non fa... impresa. "Non solo manca una concreta attenzione alle esigenze degli imprenditori, ma si sta instaurando un clima ostile all'economia", dice al Caffè Stefano Modenini, direttore dell'Aiti, l'Associazione industrie ticinesi. "Oggi per il solo fatto di assumere frontalieri, gli imprenditori vengono demonizzati", rincara Luca Albertoni, direttore della Cc-Ti, la Camera di commercio ticinese. Bei tempi quando Ugo Sadis, allora ministro dell'Economia, prometteva di "tutelare lo sviluppo industriale, quello esistente e quello futuro". Era il 1977. Ma da allora, in quasi quarant'anni, si possono contare sulle dite della mano i consiglieri di Stato che, per formazione e vocazione, si sono identificati con le ragioni dell'economia.
Unia chiama a raccolta i frontalieri, ma non solo. Attraverso un'azione di volantinaggio intrapresa nelle diverse dogane lombardo-ticinesi, il sindacato sta organizzando riunioni per dare una scossa ai lavoratori del Cantone. Il messaggio è chiaro: i lavoratori italiani e svizzeri in Ticino si devono unire per migliorare la realtà lavorativa su tutto il territorio cantonale. “Rafforzare i diritti contrattuali e introdurre salari minimi è l’unica soluzione per migliorare il mercato del lavoro e arginare le politiche dei datori di lavoro che sfruttano le condizioni attuali calpestando spesso la dignità delle persone”, viene spiegato.
Il Consiglio regionale lombardo ha confermato l’approvazione unanime della risoluzione sulla Macroregione alpina Eusalp che aveva già incassato il via libera di tutte le forze politiche in sede di votazione in Commissione speciale Rapporti tra Lombardia, Confederazione Elvetica e Province autonome. Con 48 voti a favore, l’Aula ha approvato i contenuti della risoluzione inerente la partecipazione dello stesso Consiglio alla consultazione pubblica “Una strategia UE per la regione alpina EUSALP”.  Relatore del provvedimento era il presidente della Commissione speciale, la varesina Francesca Brianza (Lega Nord), nella foto, che ha spiegato come “con la risoluzione approvata oggi il Consiglio Regionale partecipa a pieno titolo alla consultazione per la definizione della strategia macroregionale alpina, evidenziando come priorità la difesa idrogeologica e ambientale, il sostegno delle Piccole e Medie Imprese, l’accessibilità infrastrutturale e la cultura omogenea.

Claudio for Expo

ICH Sicav

 

 

 

 

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Per saperne di piu'

Approvo

Scrivi alla Redazione

Puoi scriverci al seguente indirizzo:

bollentini@labissa.com

 

 

 

Seguici anche su:

Realizzato da: Cmc Informatica e Comunicandoti