Claudio for Expo

ICH Sicav

 

Infrastrutture

Infrastrutture (175)

La Commissione europea ha dato il via libera alle misure previste dal nuovo decreto del Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti, Graziano Delrio, relativo alla maggiore liberalizzazione del traffico sull’aeroporto di Linate. Il nuovo decreto e le scelte del Mit hanno permesso di superare la decisione negativa che la Commissione aveva assunto il 17 dicembre scorso rispetto al “decreto Lupi” sulla materia, in quanto non era stata svolta una consultazione con gli operatori. A seguito del via libera, il decreto firmato dal Ministro Delrio, sottoposto come prevede il regolamento Ue ad una consultazione delle parti interessate, consente di eliminare le incertezze che si erano venute a determinare sulle regole del traffico di Linate, consolidando un sistema di liberalizzazione di destinazioni e frequenze in ambito europeo, fermo restando i limiti di capacità operativa dello scalo.  L’obiettivo del decreto è di ottimizzare la fruizione dell’aeroporto, facilitando la libera circolazione dei cittadini dell’Ue e…
Una folla di amministratori locali, tecnici e gente comune ha partecipato a Campione d’Italia il 29 ottobre scorso all’evento promosso da Comitato Funicolare e Autorità di Bacino del Ceresio e moderato dal Direttore di Varese Press Lucio Bergamaschi. Dopo venticinque anni di impegno e di iniziative, una luce si è accesa oggi sul futuro della funicolare Lanzo-Valsolda ferma dal 1977. Lo studio di prefattibilità commissionato dalla Provincia di Como e dall’Autorità di Bacino del Ceresio ha concluso che l’opera è finanziariamente sostenibile a patto che dei 9,5 milioni necessari per il ripristino almeno la metà venga erogata a fondo perduto. Sulla base di questa conclusione scientifica certificata da uno dei docenti più autorevoli in fatto di trasporti come il professor Lanfranco Senn della Bocconi, l’Assessore alle Infrastrutture di Regione Lombardia Alessandro Sorte ha dichiarato: “Prendo atto con piacere di questo esito. Regione Lombardia ritiene strategica questa opera per il rilancio…
Aumentano i passeggeri in transito nei cieli d’Europa. Nel 2015 sopra il Vecchio continente hanno volato 918 milioni di persone, con un aumento del 4,7% rispetto al 2014. E di ben il 22% rispetto al 2009, segno che il mercato si sta riprendendo dalla crisi. In questo scenario, tutti i 30 principali aeroporti europei hanno incrementato il traffico passeggeri. Tutti tranne uno: Malpensa, che nonostante la vicinanza ai padiglioni di Expo 2015 ha dovuto cedere il passo a Linate e Orio al Serio. Questo lo scenario tracciato da Eurostat nel suo recente rapporto “Air passenger transport in the EU”(clicca per dettaglio dati, n.d.r.). Secondo i dati raccolti dall’istituto europeo di statistica, il Paese che ha visto il maggior incremento nel numero di passeggeri in transito è stata l’Islanda, come si vede nella prima pagina dell’infografica. I viaggiatori arrivati e partiti dall’isola al confine col circolo polare artico sono cresciuti del…
“E’ meglio spendere 410 milioni di euro per riaprire i Navigli milanesi, oppure, poco meno di ottanta per rendere definitivamente navigabile la Locarno Milano Venezia?”.  E’ il quesito sollevato dal Presidente del Consorzio ETVilloresi Alessandro Folli intervenuto stamattina a Palazzo Isimbardi per la presentazione del programma della 533 esima edizione della Fiera Agricola Regionale di Abbiategrasso.  Quest’anno tema centrale della rassegna abbiatense è appunto quello dell’acqua di cui si discuterà nella tavola rotonda in programma, sabato mattina, in concomitanza del taglio del nastro, dal titolo “Il Ticino autostrada dell’Acqua, Locarno Milano Venezia”. Un progetto al quale Folli e tutta la struttura di ETVilloresi hanno lavorato intensamente  in questi anni e con risultati più che tangibili.  “Con 32 milioni di euro – ha ricordato il Presidente del Consorzio di bonifica più grande d’Italia –  non solo abbiamo riqualificato le Dighe del Panperduto ma abbiamo dato concretezza al concetto di ‘multifunzionalità’. Oggi, infatti,…
Il Consiglio regionale della Lombardia ha dato ieri via libera con 39 voti favorevoli e 26 contrari al Piano regionale della mobilità e dei trasporti. Il relatore Fabio Altitonante (FI) , nella foto, commenta soddisfatto su facebook “adesso la Lombardia ha una strategia infrastrutturale per i prossimi 20 anni. Pensate che l'ultimo piano risale al 1982 e in programma c'era, ad esempio, la linea 3 della metropolitana di Milano. È un Programma ambizioso, del valore di 37 miliardi di euro, concreto e dinamico, perché ogni 5 anni aggiorneremo le priorità. 3 azioni fondamentali per uno sviluppo sostenibile del territorio: nuovi prolungamenti delle linee metropolitane nella Grande Milano; sviluppo del trasporto su ferro (suburbano e treni regionali) e nuovi treni; più connessioni e interscambi tra i diversi mezzi di trasporto (metro, suburbane, autostrade)”. Il piano ha un valore complessivo di 37 miliardi di euro così ripartiti: 22 per le ferrovie, 15 per…
Adesso non c'è solo l'annuncio del sindaco Beppe Sala, che ha rilanciato il referendum "entro il 2017". Ma anche un percorso tracciato. E un primo passo concreto: nelle prossime settimane, sbarcherà in giunta la deliberà che creerà il Comitato scientifico per i Navigli. Un gruppo formato da docenti e esperti che, insieme al coordinamento tecnico del Comune e a Metropolitana milanese, dovrà tradurre in un progetto esecutivo con tanto di dettagli e costi la promessa elettorale di riaprire i Navigli. E sarà su quel disegno e su quel piano che si voterà. "Il sogno sarebbe di farlo a un anno dalle Comunali, la prossima estate, al più tardi in autunno", dice l'assessore con delega alla Partecipazione, Lorenzo Lipparini. Ma gli assessori che hanno aperto ufficialmente il dossier operativo (Pierfrancesco Maran all'Urbanistica, Marco Granelli alla Mobilità e Gabriele Rabaiotti per i Lavori pubblici) hanno deciso di iniziare ancora prima un altro…
Approvata, nel corso della seduta di martedi 6 settembre del Consiglio regionale una mozione che invita la Giunta Regionale ad attivarsi presso Reti Ferroviarie Italiane (RFI) per la pronta ristrutturazione della ferrovia che collega Varese a Porto Ceresio. Primo firmatario il consigliere regionale varesino di Forza Italia Luca Marsico. Come noto la suddetta linea è stata soppressa il 1 gennaio del 2010 per consentire i lavori di costruzione della futura ferrovia Varese-Arcisate-Stabio. Nel tratto Varese Arcisate il percorso della nuova infrastruttura ricalca la vecchia linea, da Arcisate a Stabio via Gaggiolo si sta provvedendo invece alla costruzione della nuova strada ferrata. Nel dimenticatoio è finito il vecchio tratto da Arcisate a Porto Ceresio. «E' necessario agire con tempestività e mettere in campo le necessarie risorse economiche per riattivare la linea ferroviaria che collega Varese con Porto Ceresio - sottolinea Marsico- il paese infatti basa la sua economia principalmente sul turismo,…
È ormai routine: il nuovo temporale in arrivo nella notte fa scattare l’allarme. Si scruta il cielo per intuire che ne sarà di cantine e sottopassi di un ampio spicchio di città. Le ultime due esondazioni (poca cosa, per fortuna) sono del 31 luglio e 5 agosto. Niente a che vedere con l’annus horribilis 2014: i tre straripamenti dell’8 luglio, del 12 novembre e del 15 e 16 novembre sono costati l’iscrizione nel registro degli indagati al governatore Roberto Maroni, al suo predecessore Roberto Formigoni e all’ex sindaco Giuliano Pisapia. L’accusa: disastro colposo. Milano e le acque: rapporto tanto antico e glorioso, quanto complicato negli ultimi decenni. «La» soluzione è stata individuata da tempo: un grande sistema di quattro vasche (Senago, Lentate sul Seveso, Paderno Dugnano/Varedo, Milano Parco Nord) che dovrebbe proteggere il capoluogo. Ma tarda ancora ad arrivare. Ora, però, dovremmo esserci. Fra una ventina di giorni, nella prima…
Tra le «ossessioni» di Beppe Sala, il prolungamento delle linee metropolitane ha sempre avuto un posto di riguardo. Il nuovo sindaco ha rivolto lo sguardo verso Monza, da dove ogni giorno flussi imponenti di auto si riversano in città. Ma nel recente passato il Nord non è stata l’unica direttrice d’espansione. E qualcosa, ancora oggi, è allo studio. Obiettivo Monza Finora è l’unica tratta su cui si sta realmente lavorando. Raggiungere Monza è la priorità. Addirittura con due linee. Le nuove fermate della M1 (Sesto Restellone e Monza Bettola), dopo mesi di stop ai lavori, puntano ad aprire entro fine 2018. Il ritardo accumulato è notevole: partiti nel 2011 i cantieri avrebbero dovuto chiudere per Expo, ma il fallimento dell’azienda ha fatto slittare tutto. Ora il Cipe deve sbloccare a settembre 18 dei 23 milioni per gli extracosti legati soprattutto al contenimento della falda in modo da poter subito ripartire.…
Pagina 3 di 11

Claudio for Expo

ICH Sicav

 

 

 

 

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Per saperne di piu'

Approvo

Scrivi alla Redazione

Puoi scriverci al seguente indirizzo:

bollentini@labissa.com

 

 

 

Seguici anche su:

Realizzato da: Cmc Informatica e Comunicandoti