Claudio for Expo

ICH Sicav

 

Infrastrutture

Infrastrutture (166)

Nel giro di pochi anni, l'aeroporto di Bergamo-Orio al Serio ha scalato le classifiche nazionali ed è arrivato ai vertici: sia per il traffico passeggeri, sia per il traffico merci (cargo). Nel 2015 dallo scalo orobico sono transitati 10,4 milioni di passeggeri, con un incremento-boom del 18,6% sull'anno precedente. Un dato che colloca Bergamo al terzo posto assoluto in Italia alle spalle di Roma Fiumicino e Milano Malpensa. Tendenza analoga anche per le merci: Bergamo è il terzo scalo cargo in Italia, con 121mila tonnellate di merci movimentate nel 2015, alle spalle del gigante Malpensa (511mila tonnellate) e di Fiumicino (145mila). Venezia, al quarto posto, è lontanissimo: 51mila tonnellate di merci movimentate nel 2015. Il successo di Bergamo è legato, sul lato passeggeri, allo sviluppo impetuoso delle compagnie low cost e soprattutto di Ryanair. E sul lato merci, al contributo del corriere espresso Dhl, che ha fatto di Bergamo il…
Buone notizie per i pendolari lombardi, almeno a leggere il Bilancio di sostenibilità 2015 pubblicato mercoledi da Trenord (e disponibile al link http://www.trenord.it/it/chi-siamo/l-azienda/bilancio-sociale.aspx). Dati da cui risulta che sono aumentati i passeggeri nei giorni feriali e nel fine settimana, con «crescente tendenza all'utilizzo del treno anche nel tempo libero». L'azienda sottolinea il «rinnovamento della flotta, con l'immissione di nuovi treni; crescono le performance economiche oltre 783 milioni di euro i ricavi nel 2015, +4,6% rispetto al 2014 e del servizio, come delineato dai dati di puntualità e dalla Customer Satisfaction». Nella lettera agli stakeholder che apre il documento, l'amministratore delegato di Trenord Cinzia Farisè e il presidente Barbara Morgante hanno sottolineato «come il 2015 è stato l'anno della svolta. Sono migliorati tutti gli indicatori di performance: la puntualità è cresciuta di 7 punti percentuali rispetto al 2014. Anche il numero dei viaggiatori registra una crescita costante, con oltre 714 mila passeggeri…
Privati in campo per finanziare il completamento a Sud, in direzione Italia, dell’AlpTransit, cioè della dorsale ferroviaria alpina che attraversa le Alpi e costituisce l’asse centrale del corridoio Genova-Rotterdam. Stiamo parlando della creazione di una nuova linea ferroviaria ad Alta velocità/Alta capacità Lugano-Milano- Mar Mediterraneo (Lu-Mi-Med), che porterà al superamento della linea storica e al collegamento diretto tra la Svizzera e porti liguri di Genova e Savona-Vado. Al momento i diretti interessati preferiscono restare al coperto e non esporsi pubblicamente. Ma fonti autorevoli interpellate dal Sole 24 Ore indicano nella multinazionale svizzera Nestlé, nella Migros di Zurigo (la maggiore catena di distribuzione del Paese), nel gruppo distributivo svizzero Coop con sede a Basilea, nel gruppo piemontese Gavio (autostrade, trasporti, logistica) e nella compagnia di navigazione danese Maersk i soggetti che vogliono far capo ai porti liguri e valutano con attenzione l’ipotesi del progetto Lu-Mi-Med. La Maersk, per esempio, sta costruendo…
Solo nel 2023 avremo pronto e completo, si spera, l’anello ferroviario di Malpensa, una linea che da Busto Arsizio porta al T1, già operativo da anni, prosegue con il peduncolo fino al T2, che sarà pronto tra pochi mesi ed infine termina con il collegamento con la linea del Sempione, pronto appunto nel 2023. A ben 25 anni dalla inaugurazione del nuovo aeroporto. Pochi chilometri di ferrovia, strategici ed importantissimi per la mobilità, eppure i tempi per costruirlo sono stati biblici. Pensando al nuovo San Gottardo viene da sorridere. Questione di una manciata di chilometri. Sulle mappe sono due minuscoli segmenti colorati e tratteggiati attorno all’aeroporto. Ma il collegamento ferroviario tra i Terminal 1 e 2 di Malpensa e il suo prolungamento fino alla linea del Sempione sono considerati di interesse europeo. Per raggiungere (finalmente) in treno anche il Terminal 2 dello scalo varesino bisognerà attendere la fine dell’anno. Anche per…
Dal primo giugno l'Europa sarà un po' più vicina con l'inaugurazione del tunnel del San Gottardo, che con i suoi 57,1 km è la galleria ferroviaria più lunga del mondo. Per costruirla ci sono voluti oltre 12,2 miliardi di franchi svizzeri (più di 11 miliardi di euro) e 17 anni di lavoro con personale proveniente da 15 Paesi che nelle fasi più intense ha lavorato 24 ore al giorno su tre turni utilizzando per scavare quattro talpe meccaniche con un diametro di 9,5 metri lunghe 450 metri. In tutto sono stati scavati 152 chilometri per i due binari unici e i cunicoli di areazione ed è stato tolto un totale di 28,2 milioni di tonnellate di terra, al 90% riutilizzato per il calcestruzzo usato come rivestimento del tunnel. D'altronde quella del San Gottardo non è solo la galleria ferroviaria più lunga del mondo (supera di 3,2 km la galleria Seikan…
Milano città sempre più business, anche nei voli. Nei primi mesi del 2017 aprirà Malpensa Prime, il secondo scalo del capoluogo lombardo esclusivamente dedicato alla business aviation. È questo il programma di Sea Prime, la società di cui Sea Aeroporti di Milano è azionista e che gestisce lo scalo di Milano Linate Prime, che ha messo in campo un piano di investimenti al 2020 di oltre 20 milioni di euro. Circa 10 milioni del piano saranno destinati alla costruzione di due ulteriori hangar a Milano Linate Prime, che andranno ad accogliere gli aeromobili di business aviation di nuova generazione, mentre nei primi mesi del prossimo anno è prevista appunto l’apertura di Malpensa Prime. Nata nel 2015 dall’acquisizione, avvenuta nel 2013, da parte di Sea Aeroporti di Milano delle società Ali Trasporti Aerei e Ali Servizi, Sea Prime non si accontenta dei risultati archiviati negli scorsi 12 mesi, che hanno già…
Con l’inaugurazione il prossimo 1° giugno della nuova galleria di base del San Gottardo, il tunnel ferroviario più lungo del mondo, possiamo ben dire che Italia e Svizzera sono sullo stesso treno!». Con una battuta il console generale di Svizzera a Milano, Félix Baumann, descrive un evento che non esita a definire «di portata storica», per la Confederazione elvetica e per l’Europa. Con una lunghezza record di 57,1 chilometri, il nuovo tunnel ferroviario che buca le Alpi svizzere è l’elemento centrale della Nuova ferrovia transalpina ed è il cuore del corridoio Rotterdam-Genova, l’asse che unisce il Mare del Nord al Mediterraneo. Con quest’opera di eccezionale portata, che mira a trasferire quote crescenti del traffico merci dalla strada alla ferrovia, la Svizzera fornisce un contributo essenziale all’infrastruttura dei trasporti europea. La messa in servizio commerciale della galleria di base del Gottardo da parte delle Ferrovie federali svizzere è prevista per l’11…
È il «cambio di fase». Fin qui si giocava in difesa, ora si può impostare un’azione di attacco. Prima, c’era lo spinoso contenzioso europeo per il servizio di Handling; c’era il dualismo fra Linate e Malpensa; c’era il dehubbing di Alitalia e la crisi conseguente. Ora c’è un’azienda che, assicurano, ha superato quasi del tutto queste criticità, che ha ritrovato coesione fra i soci, che può vantare buoni risultati di bilancio e che guarda avanti. Il presidente di Sea, Pietro Modiano ha presentato ieri in assemblea il conto economico del 2015 e il gruppo si rafforza rispetto agli anni precedenti. I ricavi sono di 694,8 milioni (+ 1,4 per cento) e l’indebitamento scende di 32,9 milioni fermandosi a 538,3. Ma soprattutto, il margine operativo lordo cresce del 31 per cento rispetto al 2012 (219,8 milioni), l’utile netto è di 83,8 milioni e i soci si godono 62,8 milioni di dividendi.…
Tangenziale Esterna SpA ha calato sul tavolo delle opere a percorrenza gratuita connesse ad A58-TEEM un tris di aperture al traffico che vale 100 milioni di euro. All’investimento complessivo (81 milioni) sostenuto da soggetti privati che ha consentito al Consorzio Lambro Scarl-Itinera di costruire, nel pieno rispetto del cronoprogramma, le tre bretelle anticoda appena inaugurate vanno, infatti, aggiunti gli ulteriori 20 milioni di euro necessari per realizzare alcuni raccordi minori sempre entrati in esercizio oggi. Il clou di questa giornata storica per il Sud Milano è risultata la cerimonia che il sindaco di Melegnano Vito Bellomo ha organizzato con l’obiettivo di sottolineare l’apertura della Cerca-Binasca, il collegamento atteso per mezzo secolo dai pendolari e dagli autotrasportatori finora pesantemente penalizzati dalle file sulla Via Emilia. La Cerca-Binasca (1,4 chilometri, 25 milioni di investimenti), che collega Melegnano a Colturano passando per San Giuliano Milanese, è stata fortemente voluta dal territorio in quanto…
Pagina 3 di 10

Claudio for Expo

ICH Sicav

 

 

 

 

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Per saperne di piu'

Approvo

Scrivi alla Redazione

Puoi scriverci al seguente indirizzo:

bollentini@labissa.com

 

 

 

Seguici anche su:

Realizzato da: Cmc Informatica e Comunicandoti