Claudio for Expo

ICH Sicav

 

Interviste/Blog

Interviste/Blog (391)

Como è considerata la “villa” della Lombardia. La presenza del lago ha sempre reso la città meta di visite turistiche, ma il settore ha avuto un impulso soprattutto negli ultimi anni (complice anche l’Expo di Milano), con una crescente riconoscibilità internazionale sia per alcune produzioni cinematografiche sia perché è stata scelta come luogo di vacanza in Italia da alcuni personaggi dello spettacolo (da Madonna a George Clooney a Richard Branson). Como è diventata una sorta di versione moderna del soggiorno aristocratico e artistico, che già caratterizzava le sponde del lago nei secoli passati. Oltre alle grandi strutture di lusso, sono aumentati anche i bed&breakfast, passati da 3 a 156 dal 2012 ad oggi. Turismo di alta gamma Questa vocazione turistica è vista come un settore da potenziare, privilegiando il turismo di alta gamma piuttosto che quello “mordi e fuggi” di altre città. A Como esiste anche la nicchia del turismo…
Ridurre i trasferimenti dalla Lombardia allo Stato centrale, trattenere più soldi, spenderli meglio (come sempre) riducendo le tasse e aumentando gli investimenti. È il piano perfetto del Pirellone e la data per metterlo in atto è il 22 ottobre, la domenica del referendum consultivo che chiamerà i lombardi a esprimersi sull'autonomia. Il governatore, Roberto Maroni, ha appena firmato il decreto che convoca le urne, dalle 7 alle 23, nello stesso giorno in cui anche il Veneto farà lo stesso passo, sottolineato con grande enfasi dall'altro governatore leghista, Luca Zaia: «Per il Veneto - ha spiegato - questa data ha un'importanza del tutto particolare, è una data simbolo». Si andrà alle urne esattamente 151 anni dopo quel 21 e 22 ottobre 1866 in cui venne ufficialmente convocato il plebiscito per sancire l'annessione al Regno d'Italia di Venezia e delle province venete. «Noi - ha detto Zaia - speriamo che il nostro…
Ore 23, arrivo da Dublino a Milano, e arrivo alla Stazione Centrale. Quella dove hanno accoltellato un poliziotto. Non ci sono treni per Rimini, il primo è alle 5, e mi metto a decidere il da farsi appena fuori dalla stazione. Sono nel piazzale di fronte, sull’esterno. Mi siedo sul basamento di uno degli archi, metto le valigie dietro a me. Mi guardo intorno, mi rilasso un attimo, accendo un sigaro. A fianco un ragazzo che sembra un tunisino armeggia col cellulare. A destra, a un centinaio di metri da me, una postazione dell’esercito. Davanti, a sinistra, seduti sui giardini e sui gradini, appoggiati ai pali, tunisini, africani, qualche forse sudamericano. Vestiti male ondeggiano, ridono, bevono, si lavano i piedi. Mi giro un istante: non c’è più una delle mie valigie, quella col computer dentro. Penso rapidamente: dove potrà essere scappato? Entro sotto gli archi, prima dell’ingresso: non c’è nessuno…
Milano. Una mattina di pioggia. Il tram 19 alle dieci è semivuoto. Lo sguardo mi cade su una donna seduta, con una borsa di documenti nelle mani. Si vede che è stata bella: il viso fine e pallido, i grandi occhi scuri dietro gli occhiali. Porta i capelli ancora lunghi, raccolti, e ancora brillano di nero, dove non sono, in tanti, ormai grigi. Indossa un trench classico, le scarpe col tacco basso. La osservo a lungo, prima di capire perché: potrebbe somigliare a lei, oggi, mia sorella, se non fosse morta a quattordici anni. Ha l’aria timida, quasi severa, ma lo sguardo è dolce. Una professoressa forse, o un medico. Assorta, continuo a fissarla. Lei se ne accorge e ha un sussulto, mi fissa a sua volta: come cercando di capire se ci conosciamo. Il tram 19 prosegue col suo sferragliare di vecchio metallo. Piove forte ora, fuori la gente…
Il proporzionale e la necessità di fare coalizioni le più ampie possibili per poter vincere impone di fare alcune scelte organizzative e tattiche da sempre vincenti in questi casi. E’ meglio infatti presentarsi di fronte agli elettori con la maggiore e con la più variegata offerta politica possibile, ovvero con più liste piuttosto che una sola che comprende tutto, ma che non distingue nessuno, della serie uno più uno fa tre. In questa prospettiva molto pragmatica nasce un nuovo partito, di stampo animalista, guidato dalla parlamentare di Forza Italia Michela Vittoria Brambilla. Si chiama “Dalla parte degli animali”, come la trasmissione di Retequattro in onda da poche settimane, e sarà collegato al partito di Silvio Berlusconi (nella foto con la Brambilla). Lo scrive la Stampa in edicola oggi. Nelle famiglie ci sono 7 milioni di cani e quasi 8 milioni di gatti e, compresi uccellini, pesci e conigli, sul territorio…
Milano vista da un romano è una città di un'altra nazione, in cui si parla incidentalmente la stessa lingua. È un luogo con le valigie pronte per l'Europa e se l'Europa chiude pazienza, c'è sempre il mondo. E in quelle valigie ha stipato tutto il meglio dell'Italia (il cibo, il design, la moda, i libri, perfino il clima sempre più mediterraneo) come fosse un Expo permanente, un'Italialand che basta pagare il biglietto e te la spassi. Certo, anche a voi milanesi ogni tanto rode perché c'è traffico. Ma davvero credete che sia traffico quella cosa là? Davvero davvero? Anche voi borbottate quando una linea della metro si guasta. Ma perché una metro si guasti primo requisito è che esista e funzioni. Queste, credeteci, sono cose fisiologiche. Normali. Ecco, questa è la parola chiave: normalità. Milano è una città normale, il che non vuol dire che sia una normale città. È…
La signora A. uscì di casa quella mattina dopo qualche giorno in cui se ne era rimasta a letto malata. Come varcò il portone si sentì sulle guance un’aria nuova. Un vento tiepido del tutto diverso, una trasparenza in cui i colori della strada risaltavano netti, e quasi lavati di fresco. Un cielo profondamente blu, come non se ne vedono spesso a Milano. Rieccola, pensò la signora A., con un misto di allegria e di spavento, rieccola, è tornata. E ancora una volta all’improvviso, in un golpe: come interpretare altrimenti il giallo oro delle forsizie esplose contemporaneamente, radiose, nei viali? Un golpe: e la gente con ancora i cappotti pesanti addosso, e le sciarpe, che si guarda attorno frastornata, slaccia i bottoni delle giacche e cammina come un po’ stupefatta. L’autista dell’autobus 43 invece, notò A., era di pessimo umore. Decisamente uno di quelli che la primavera prende male. «Tutti…
Memore del successo ottenuto lo scorso anno a Gallarate sul palco del glorioso Teatro Condominio, Nino Caianiello ci riprova. Allora fu un a tu per tu con il giornalista Silvestro Pascarella che lo intervistò sui momenti salienti di una lunghissima carriera politica ancora foriera di ambizioni e obiettivi, oggi lo spettro si allarga e si parlerà d’altro ed in buona compagnia. Il prossimo 20 marzo sul palco del Teatro Condominio saliranno in due. Protagonista insieme a Caianiello sarà don Antonio Mazzi, della fondazione Exodus di Milano e noto volto mediatico. Ad intervistarli ci sarà sempre Silvestro Pascarella. La serata è promossa ed organizzata dalla Associazione Agorà, vicina a Forza Italia ed animata da tanti seguaci e amici di Caianiello. “Il diavolo e l’acquasanta” è il titolo provocatorio prescelto e che è già un programma. Sarà l’eterna diatriba alla Peppone e don Camillo o più concretamente sarà il confronto tra due inevitabili distinte visioni…
I sindaci della Lega Nord presenteranno istanza per il rimborso delle entrate erariali decurtate illegittimamente dal Governo Monti nel 2013. Più in dettaglio, “tutti i Comuni lombardi amministrati dalla Lega Nord presenteranno un'istanza al Presidente del Consiglio dei Ministri, al Ministero dell'Economia e delle Finanze ed al Ministero dell'Interno per ottenere il rimborso delle entrate erariali decurtate nel 2013 dal Governo Monti, con il Decreto Legge sulla spending Review, che ha previsto per il 2013 la riduzione del fondo sperimentale di riequilibrio del fondo perequativo e dei trasferimenti erariali ai Comuni pari ad un ammontare complessivo di 2,25 miliardi di euro, provocando nel 2013 una decurtazione consistente delle entrate erariali, decurtazione che la Corte Costituzionale con la recente sentenza n. 129/2016, ha dichiarato illegittima. Per questa ragione i sindaci della Lega Nord, in Lombardia, presenteranno alle competenti autorità statali una specifica istanza di rimborso per ottenere le risorse illegittimamente decurtate".…
Pagina 1 di 23

Claudio for Expo

ICH Sicav

 

 

 

 

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Per saperne di piu'

Approvo

Scrivi alla Redazione

Puoi scriverci al seguente indirizzo:

bollentini@labissa.com

 

 

 

Seguici anche su:

Realizzato da: Cmc Informatica e Comunicandoti