Claudio for Expo

ICH Sicav

 

Itinerari Insubri

Itinerari Insubri (233)

Sembra incredibile, ma in Lombardia non sono pochi i borghi raggiungibili solo a piedi o con altri mezzi che non siano l’automobile, come la funivia. Sono ovviamente tutti collocati in montagna, sono in parte ancora abitati, sono molto suggestivi e testimoni di una economia, di un modo di vivere, di abitudini immutabili per molti secoli. Ne scegliamo tre: Monteviasco in provincia di Varese (nella immagine pubblicata), Codera e Savogno in provincia di Sondrio nei pressi di Chiavenna. Tra panorami mozzafiato, montagne dalla bellezza arcana, natura incontaminata questi piccoli borghi offrono una versione sorprendente della regione Lombardia che molti sicuramente non hanno presente o hanno dimenticato. Entro le due ore di macchina dal centro di Milano a meno di mille metri di altitudine e quindi praticamente accessibili tutto l’anno. Questi borghi ce li facciamo raccontare da Giuseppe Ortolano di cui pubblichiamo un estratto del reportage scritto originariamente per Repubblica tempo fa (n.d.r.). Il…
Aria fresca, passeggiate nella natura, relax, sport e buon cibo. Tutto quello che si può desiderare da una pausa dal frastuono quotidiano. La Valtellina offre molte attività da vivere in estate sia per i grandi che per i piccini. Se avete a disposizione 2 giorni di vacanza, perchè non passare un week end in montagna? Ecco alcuni spunti su cosa fare per godere un po’ di tutto quello che le montagne della Valtellina offrono in estate. Cliccate sui link in azzurro per ottenere maggiori informazioni. Un’idea adatta a tutti è percorrere una parte della Valtellina a bordo di una bicicletta, sul  Sentiero Valtellina. Immaginate di andare alla scoperta di un territorio seguendo il ritmo delle vostre pedalate, entrando in contatto con le suggestioni di paesaggi nascosti, incantevoli borghi e antiche tradizioni. Una delle caratteristiche che più colpisce chi percorre il Sentiero Valtellina è la bellezza paesaggistica del fondovalle e la vicinanza a…
Tra le tante perle che costellano la riviera del Lago Maggiore tra Intra e Cannobio una delle più interessanti è Carmine Superiore, oggi frazione di Cannobio. E’ un minuscolo villaggio di origine medioevale, ottimamente conservato e raggiungibile soltanto a piedi con una piacevole passeggiata dalla sottostante frazione di Carmine Inferiore. Costituito da un piccolo numero di case in pietra costruite intorno alla chiesetta di San Gottardo (XIV secolo), Carmine Superiore sorge su uno sperone roccioso che si affaccia sulla sponda occidentale del Lago Maggiore offrendo una splendida vista panoramica sul lago e sui monti lombardi.  La Chiesa di San Gottardo, dedicata a Dio e alla Vergine, è intitolata al vescovo sassone che la tradizione vuole si trovasse a ristorarsi in questi luoghi nel suo viaggio verso Roma. A lui sono state infatti dedicate tante chiese tra Varesotto, Ticino e Verbano. Gli affreschi interni ed esterni, attribuiti al “Maestro di Carzoneso”, raffigurano…
Il parco più bello della Penisola si trova in Lombardia. In realtà sono due, uno pubblico e uno privato. Si tratta dei giardini di Villa Visconti Borromeo Litta a Lainate (Milano) e di quelli di Villa Melzi d'Eril a Bellagio (Como). A decretarlo è stato il network dei Parchi Più Belli d'Italia che da oltre tredici anni promuove il turismo verde e i gioielli del patrimonio paesaggistico e botanico italiano. E, ogni anno, assegna un premio al migliore che oggi ha visto trionfare queste due aree verdi lombarde, selezionate tra oltre 1000 partecipanti. Il parco di Villa Visconti Borromeo Litta si trova alle porte di Milano, a Lainate, e circonda la suggestiva residenza di fine ‘500 ispirata alle ville della Toscana medicea. Il giardino, di circa tre ettari, è stato realizzato all'italiana nella stessa epoca e rinnovato nel Settecento con l'aggiunta della carpinata, che con i suoi ottocento metri di…
Il Monte Paglione (m.1553 s.l.m.) è una cima delle Prealpi varesine, ubicato alla estremità nord della provincia di Varese, al confine con il canton Ticino tra Val Veddasca e Lago Maggiore. La breve gita che vi proponiamo percorre il panoramico crinale che collega il valico di Forcora con il suddetto Monte Paglione. Interessante lungo il percorso la visita al piccolo alpeggio di Monterecchio, ben ristrutturato e le grandiose vedute panoramiche sul lago, sulle Alpi Lepontine e con il Monte Rosa in grande risalto a chiudere la vista a sud est. Prima di descrivere questa piacevole passeggiata, vale la pena di spendere qualche parola sulla val Veddasca. Di notevole interesse è infatti anche la risalita della lunga valle, stretto e selvaggio solco percorso dal torrente Giona, che offre scorci panoramici inconsueti. La vallata ha origine in territorio elvetico dal piccolo anfiteatro montano che va dal Monte Gradiccioli a Sud-est al Monte…
Un luogo dalla bellezza arcana, altamente evocativo, tappa d'obbligo per chi cerca una pausa di meditazione tra silenzi e raffinati spunti culturali e artistici oltre che botanici. Definito “Il Giardino delle Meraviglie” il parco venne realizzato a Morcote (Canton Ticino) sul Lago di Lugano da Arturo Scherrer (1881–1956), ricco ed affermato commerciante di tessuti, appassionato viaggiatore e amante dell’arte e della cultura. Il parco-monumento ospita una ricca collezione di oggetti d’arte di svariati paesi ed epoche diverse, contornata da una vegetazione lussureggiante e in gran parte esotica. Questo Eden, che maestoso sovrasta le acque del lago Ceresio e che attrae ed incanta ogni visitatore, è inserito in un impressionante mondo di flora subtropicale comprendente palme, camelie, glicini, oleandri, cedri, cipressi, alberi della canfora, eucalipti, magnolie, azalee, aranci, limoni, bambù e moltissime specie di piante fiorifere odorose.Il parco fu lasciato al comune di Morcote dalla vedova Scherrer nel 1965, con l‘esplicito desiderio che fosse aperto…
Estate, periodo di vacanze, per un meritato riposo d’accordo, ma anche una preziosa occasione per staccare dalla frenesia della quotidianità in città e sul lavoro e magari ritrovare tempi, abitudini, attività con altri ritmi e a diretto contatto con la natura. Vacanze alternative o semplicemente vacanze come devono essere e pure vicino a casa nella nostra splendida Insubria, in montagna. Giuseppe Giovannoni, sondriese classe 1964, coltiva una forte passione per la montagna da quando, poco più che ragazzino, inizia ad accompagnare in alpeggio lo zio Natale e le sue sessanta capre.Le sensazioni positive regalate dai ritmi naturali della montagna, così diversi da quelli incalzanti della città, diventano con il tempo una vera e propria esigenza di vita per questo giovane uomo. Per questo motivo, dopo anni dedicati ai più disparati mestieri, decide di dedicarsi totalmente alla cura delle capre ed alla caseificazione, in particolare in alpeggio. Oggi Giuseppe gestisce l'alpeggio…
Isola San Giulio, luglio. L’isola di San Giulio è un palmo di terra in mezzo al lago d’Orta, su cui il monastero benedettino Mater Ecclesiae si erge come un castello. Non appena il motore del battello che mi ha portato qui da Orta si allontana, sento allargarsi attorno a me il silenzio, anche più ampio e più profondo del lago, attorno. Che pure, calmo e liscio, in questa mattina calda d’estate sembra grande. Non un lago, ma un mondo di mezzo, o un insondabile confine. Di là noi, le case, le auto, le città, il rumore, di qui la clausura, settanta monache avvolte nel loro velo. Di qui il silenzio, e quanto denso. Preme, e mi incute una percepibile inquietudine. Non ci si potrà perdere in questa pace estrema, smarrirsi, dimenticandosi di sé? Mi accorgo che stringo nella mano il cellulare, come ad aggrapparmi a una sicurezza. Io, sono di…
I Musei del Monte Verità ad Ascona (Canton Ticino) sono nati come testimonianza dell'incredibile esperienza artistica e filosofica, ma anche mistica e religiosa, cui diedero vita vari intellettuali e artisti durante i primi decenni del XX secolo. Essi fondarono infatti una comunità vivace ed eterogenea composta da utopisti, vegetariani, naturisti, anarchici e teosofi, un vero e proprio movimento alternativo. Nel 1900 Enri Oedenkoven, figlio di un ricco industriale di Anversa, comprò la collina sulla quale fondò, insieme alla compagna Ida Hofmann e ad alcuni amici, il primo embrione della Comunità del Monte Verità. Lo stesso nome dato al colle alle spalle di Ascona deriva dall'idea di utilizzare lo spazio del monte esclusivamente per la ricerca della Verità. Dopo 4 anni la coppia decise però di adibire la comunità anche a casa di cura. Questo portò all'abbandono di molti loro compagni, contrari allo scopo di lucro. Questo periodo è ricordato anche…
Pagina 2 di 14

Claudio for Expo

ICH Sicav

 

 

 

 

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Per saperne di piu'

Approvo

Scrivi alla Redazione

Puoi scriverci al seguente indirizzo:

bollentini@labissa.com

 

 

 

Seguici anche su:

Realizzato da: Cmc Informatica e Comunicandoti