Claudio for Expo

ICH Sicav

 

Itinerari Insubri

Itinerari Insubri (231)

Tra i punti di partenza più noti ed interessanti per le escursioni in terra insubrica e in ambito alpino svetta sicuramente la Valle Formazza, ubicata alla estremità settentrionale della provincia del Verbano Cusio Ossola tra i cantoni svizzeri Vallese e Ticino. La Valle Formazza offre, in località La Frua (1861 m. s.l.m.), quel che viene considerato il più bel salto delle Alpi, la Cascata del Toce, ottimo punto di partenza per intraprendere lunghe passeggiate alla scoperta dei più bei laghi alpini della valle tra panorami mozzafiato e vette mediamente molto elevate. Le acque di questo sensazionale spettacolo naturale si lanciano nel vuoto per 143 metri di altezza, raggiungendo un raggio d'ampiezza alla base di ben 60 metri. Utilizzate per scopi idroelettrici, vengono liberate solo in determinati giorni e fasce orarie del periodo estivo, più precisamente da giugno a settembre. Presso la sommità del salto venne costruito, nel 1863, un albergo per accogliere…
Approfittando degli ultimi tepori dell'autunno e senza tanto tempo a disposizione, ho puntato verso la Lomellina. Per strada mi son tolto la curiosità di una breve visita ad Abbiategrasso, con un centro ricco di chiese, palazzotti ed ex conventi, e che ha il respiro della Lombardia bianca e operosa, un luogo perfetto per l’happy ending dei Promessi sposi, se Renzo non avesse dovuto varcare il Ticino. Qui è chiamato “il fiume” per antonomasia e bisogna superarne le infide correnti per giungere finalmente in Lomellina. Cosa ha di speciale questa terra? Direi niente. Il suo fascino è nell'assenza di dramma. Non ho sostato a Vigevano, città in forma di piazza, preferendo raggiungere Mortara che, secondo l’Ariosto, prende il nome da un eccidio di Longobardi. Sono anni che voglio venirci, anche se non so bene il perché: direi forse per la mancanza di obblighi turistici che in Italia impongono sempre il present’arm.…
La Riserva Naturale Palude Brabbia è la più importante area umida della provincia di Varese e una delle più importanti della Lombardia. Estesa su circa 5 kmq compresi tra il Lago di Comabbio ed il Lago di Varese, dista circa 12 km da Varese. Dal 1994 la LIPU (Lega Italiana Protezione Uccelli) gestisce l’area in Convenzione con la Provincia di Varese che è l’Ente gestore della Riserva. Situata a 240 mslm, la Riserva è parte della zona di colline moreniche localizzate a sud del capoluogo. Il ritiro del ghiacciaio Verbano dopo l’ultimo periodo glaciale lasciò un vasto lago localizzato nell’area occupata attualmente da Lago di Comabbio e Lago di Varese. La porzione meno profonda, corrispondente all’attuale Palude Brabbia, emerse a seguito dell’abbassamento del livello dell’acqua. Vasti canneti, boschi umidi di ontano nero e numerosi stagni coperti da ninfee e castagna d’acqua rendono la Brabbia un mosaico di ambienti differenti. La…
L’Associazione Cammino di S. Agostino organizzerà nella prossima primavera sette pellegrinaggi a piedi, al fine di valorizzare l’evento giubilare nei territori del Cammino agostiniano. Numerose Basiliche, Chiese e Santuari lungo il tragitto sono state indicate infatti come giubilari dai Vescovi delle tre Diocesi che “ospitano” il Cammino di S. Agostino: Milano, Cremona e Pavia. Tale iniziativa recepisce l’invito della Bolla giubilare a vivere un’esperienza di un pellegrinaggio non solo varcando la porta Santa della Basilica romana di San Pietro, ma altre porte Sante situata in Chiese, Santuari e Basiliche diocesane. Saranno pertanto possibili in Lombardia sette cammini a piedi della durata di un giorno e di lunghezza variabile dai 5 ai 23 km (secondo capacità di ognuno), nei quali saranno visitate una o più Chiese giubilari presenti sul Cammino: un’iniziativa che offre a tutti l'opportunità di essere veri pellegrini verso una Porta Santa, mediante il gesto antico ma sempre attuale di un…
Il fascino degli impianti industriali Ex Richard Ginori, le suggestive Antiche Cucine Economiche, passando per gli inconfondibili profili dell’Ex manifattura Tabacchi e del villaggio Franco Falck oltre alle sedi storiche della Rai in Corso Sempione o della Rinascente in Corso Vittorio Emanuele. Questi i protagonisti di “Milano industriale”, la prima “guida digitale” nata dalla collaborazione tra Comune di Milano e Assolombarda Confindustria Milano Monza e Brianza con l’obbiettivo di promuovere nuovi percorsi turistici alla scoperta della città nel segno della valorizzazione del mondo delle imprese e dei valori della cultura d’impresa. “Un progetto pensato per proporre ai turisti, ma anche a molti milanesi, una visione inusuale della città “motore” dell’industria prima e dei servizi oggi attraverso luoghi, architetture e vecchi macchinari in disuso che non sono statici spettatori dello scorrere del tempo ma testimoni autentici dei sogni, dell’impegno e della determinazione dei tanti imprenditori e operai che con il loro…
Marchirolo è un paese di circa 3.500 abitanti al centro della omonima valle ubicata tra la Valganna e Ponte Tresa, nella parte settentrionale della provincia di Varese. Terra di confine da sempre, un comune segnato da secoli dal fenomeno della emigrazione. Dal tempo dei famosi mastri marchirolesi impegnati nella costruzione di importanti opere ed infrastrutture in giro per il mondo fino agli odierni frontalieri. Marchirolo oggi vive grazie alla frontiera, gran parte dei suoi abitanti in età lavorativa varca ogni giorno il vicino confine per recarsi in Ticino a lavorare. Di questa vocazione transfrontaliera e per stigmatizzare il fenomeno emigrazione, nel 1983 l’amministrazione comunale ha deciso di ricordare i cittadini emigrati trasformando il piccolo e suggestivo centro storico del paese in un borgo dipinto con l’installazione di importanti opere. Era il periodo dei borghi dipinti, in provincia di Varese ricordiamo il pioniere Arcumeggia e poi Boarezzo, Olona, Runo e Peveranza.…
La Valle Onsernone è una delle valli più suggestive e misteriose del Ticino, si trova a nord di Locarno. Caratterizzata da fitte foreste, spettacolari orridi e da un fiume selvaggio, questo luogo piuttosto discosto è raggiungibile grazie ad una strada tortuosa. Lungo questa strada, che si inoltra fino al paese di Spruga, si susseguono una serie di graziosissimi villaggi, costruiti su terrazzi solatii e caratterizzati da edifici di notevole interesse architettonico. Molti noti scrittori e artisti di fama internazionale hanno in passato trovato e trovano tuttora nella Valle Onsernone un luogo d’ispirazione ideale, grazie al suo straordinario ambiente naturale ed umano praticamente ancora intatto. La bellezza naturale e coinvolgente di questa valle è il palcoscenico ideale per intraprendere escursioni a piedi nei suoi magnifici boschi o sulle sue vette più alte. Tra le attrattive più inteessanti ricordiamo il Museo Onsernonese Loco con Raccolta etnografica, storica e artistica della valle, con…
Il Parco delle Gole della Breggia è situato nelle Alpi calcaree meridionali svizzere al centro della regione insubrica, verso la punta più meridionale del Ticino a pochi chilometri da Chiasso. L’intaglio erosivo del fiume Breggia, lungo un tratto di un chilometro e mezzo allo sbocco della Valle di Muggio, espone una tra le più rappresentative serie stratigrafiche delle Alpi Meridionali. Questi affioramenti costituiscono un documento eccezionale che copre quasi ininterrottamente gli avvenimenti geologici succedutisi nell’arco di circa 100 milioni di anni, fra il Giurassico e il Terziario. Inoltre, la sezione fra il Giurassico e il Cretaceo, esemplarmente rappresentata nelle Gole della Breggia, è unica per completezza nel suo genere in tutto l’arco alpino e costituisce un documento di notevole interesse scientifico a livello mondiale. In poche località della Svizzera esiste, su un territorio così ristretto, una serie stratigrafica di simile lunghezza. Inserendo le Gole in un contesto più ampio, comprendente…
Viaggio sul Ceresio, nel Parco letterario della Valsolda, tra la casa di Fogazzaro ad Oria, descritta in “Piccolo mondo antico”, e la chiesa di Santa Maria Annunciata (3 ore). Per la giornata intera l’itinerario si arricchisce con la visita del paese di S. Mamete, del Santuario della Caravina e della chiesa di S. Martino nel borgo di Castello. In Valsolda natura e fede, misticismo e contemplazione si fondono con l’arte che trionfa sulle volte e sulle pareti delle chiese della valle. Per secoli, dal Medioevo alla fine del Settecento, da questi paesi sono partiti scalpellini e scultori, pittori e architetti, capimastri e impresari che hanno costruito in Europa chiese e palazzi reali. Dal parcheggio sopra il cimitero di Oria, si scende lungo la via privata Antonio Fogazzaro fino alla casa dove egli passava le vacanze e dove pare di vedere rivivere i personaggi di Piccolo mondo antico: il terrazzino della…

Claudio for Expo

ICH Sicav

 

 

 

 

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Per saperne di piu'

Approvo

Scrivi alla Redazione

Puoi scriverci al seguente indirizzo:

bollentini@labissa.com

 

 

 

Seguici anche su:

Realizzato da: Cmc Informatica e Comunicandoti