Claudio for Expo

ICH Sicav

 

Juri Franzosi

Juri Franzosi (3)

Desidero lanciare qualche provocazione, in queste settimane di grande affollamento sulla scena delle prossime elezioni cittadine. La politica è la grande sconfitta di questi anni difficili e affascinanti. E’ venuta meno la fiducia fuori dall'ambito del rapporto personalissimo tra persone. Ripartiamo da questa prima, drammatica, considerazione. E da una sua prima conseguenza: una grave schizofrenia collettiva. Da una parte nessuno si fida più di nessuno, se non dei propri quattro amici; dall'altra siamo disponibili a credere a chiunque ci prometta 'che andrà meglio', a patto che non metta in discussione status, stile di vita, livello di benessere raggiunto. Per tanti è anche una sconfitta di tipo personale. E in questo si capisce molto bene la difficoltà di un riconoscimento doveroso e, credo, salutare. Perché il riconoscimento della sconfitta abbatte l’orgoglio, la chiusura, e può generare il desiderio di guardare nuovamente all'altro come a una possibilità, nella nuova consapevolezza che, da…
Ho appena visto i circa 10 minuti di conferenza stampa di Gianmarco Pozzecco, allenatore dimissionario della Pallacanestro Varese e, oltre alla sincera commozione dell’uomo, mi porto a casa il giudizio, straordinario, che origina il suo personalissimo e autentico dolore: ‘perdonatemi se tutto quello che avevamo sognato, rivedendomi a Varese, non sono riuscito a far sì che si trasformasse in realtà: sono estremamente dispiaciuto per questo’. Per i cattolici ambrosiani è iniziata domenica scorsa una nuova Quaresima. Ed è singolare come un uomo autentico, di fronte a quello che considera un proprio fallimento, ripercorrendo la sequenza di errori e mancanze, arrivi infine a formulare una richiesta, accorata, di perdono. Non credo sia una forma di debolezza. Anzi è proprio il momento della verità, che costringe ognuno di noi a emergere secondo la propria statura umana. Per chiedere perdono bisogna sapere di chi sei. E il Poz, dicendo che ‘alcune parole a…
di Juri Franzosi Varese, così come l’Italia, sta attraversando anni difficili. Quasi in nulla somiglianti ai tanti anni difficili che in passato, nel suo lungo e glorioso passato, il nostro Paese ha dovuto e saputo affrontare e attraversare. Anche il lungo periodo della cosiddetta ‘Notte della Repubblica’, iniziato con gli studenti della Cattolica in piazza nel 1968 e culminato con l’inutile strage di Moro e della sua scorta, non ha molto da insegnare a noi che siamo chiamati ad alzare la testa oggi.

Claudio for Expo

ICH Sicav

 

 

 

 

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Per saperne di piu'

Approvo

Scrivi alla Redazione

Puoi scriverci al seguente indirizzo:

bollentini@labissa.com

 

 

 

Seguici anche su:

Realizzato da: Cmc Informatica e Comunicandoti