Claudio for Expo

ICH Sicav

 

Moda e Design

Moda e Design (214)

La Milano del design espande i suoi confini e per l’edizione 2017 del Fuorisalone – in programma dal 4 al 9 aprile in concomitanza con il Salone del Mobile – porta a battesimo due nuovi Distretti (Cadorna e Isola) , che si aggiungono ai nove già esistenti. Oltre mille eventi animeranno la città per la Design Week, secondo una formula ormai consolidata da decenni, che vede un ricco palinsesto di iniziative spesso spontanee alternarsi al momento “business” della fiera, coinvolgendo operatori del settore, appassionati di design e semplici curiosi. Una formula che negli ultimi anni è stata ulteriormente valorizzata grazie a una regia unica che vede collaborare insieme il Comune di Milano, il Fuorisalone e il Salone. «La regia unica e il piano di accoglienza della Milano Design Week – ha detto infatti l’assessore alle Politiche del Lavoro Cristina Tajani –rappresenta un bell’esempio di collaborazione tra istituzioni pubbliche e soggetti…
In occasione della settimana del Fuorisalone 2017, in scena a Milano dal 4 al 9 aprile, Brera Design District giunge alla sua ottava edizione. Il distretto milanese, cuore creativo e commerciale della città, si estende dalla nuova area di Porta Nuova-Gae Aulenti a via Broletto, da via Legnano fino a via Montenapoleone, seguendo i confini definiti dal DUC Brera (Distretti Urbani del Commercio). Il distretto nella precedente edizione del Fuorisalone ha visto più di 168 eventi e 295 aziende coinvolte con un passaggio di oltre 250mila persone, oltre a 100mila visite sul sito www.breradesigndistrict.it e 22mila immagini Instagram con #BreraDesignDistrict e 16mila follower del profilo ufficiale. Forte di questi risultati, le vie di Brera ospiteranno un fitto calendario di eventi e propone un format che comprende: un tema, il premio Lezioni di Design, una serie di incontri, progetti speciali e iniziative culturali. Quest’anno sono ambasciatori di Brera Design District: Tony Chambers…
«Milano è tornata a fare tendenza». Carlo Capasa, presidente della Camera della Moda, traccia il titolo della fashion week che si è chiusa ieri. Una settimana che rilancia l’italianità intesa come saper fare e creatività. Settanta sfilate e oltre novanta presentazioni con il contorno di feste e party — Gucci, D&G, Dsquared2, Chiara Ferragni-The Blond Salad, Valentino e Blumarine per i 40 anni — hanno fatto vivere un fervore che non si percepiva da tempo. «Si è respirato un feeling positivo, con l’arrivo di tanti stranieri — sottolinea Capasa —: un’invasione di cinesi, anche tanti giapponesi e coreani che per il loro shopping preferivano fino a ieri altre rotte, magari Parigi. E cominciano a ritornare anche i russi, assieme a una bella presenza dei Paesi arabi». Milano vive la sua rinascita dal punto di vista architettonico e culturale e si offre come scenario ideale per la voglia di cambiamento che…
What are we going to do with all this future? È la domanda, liberamente ispirata a due opere di William Blake e Jane Austen, che compare sull’invito alla sfilata Gucci che si terrà oggi (ieri, n.d.r.) alle 15 nella nuova sede della maison fiorentina (vedi foto, n.d.r.). Quale potrà mai essere il legame tra un poeta e una scrittrice vissuti tra il Settecento e l’Ottocento in Inghilterra con la moda globale del nuovo millennio? La risposta – si perdoni il calembour – è nella domanda. Come useremo tutto questo futuro? Il riferimento può essere all’intero fashion system, che non perde la sua forza economica e la capacità di influenzare la società, anche grazie a internet, ma soprattutto a Milano come capitale mondiale della moda. Solo altre tre città – New York, Londra e Parigi – possono ambire allo stesso ruolo. Le prime due però hanno già perso il confronto: New…
Il salone della moda contemporary, patrocinato dal Comune di Milano, apre dal 25 al 27 febbraio, con 511 marchi, di cui 145 esteri e 189 new entry, su una superficie espositiva di 20mila mq. (+11% rispetto a febbraio 2016). Previsti circa 22mila visitatori. Focus speciale sullo scouting internazionale dalla Cina al Kazakhstan, passando per il Belgio e il Portogallo. Lo Special Guest dalla Georgia sfila per la prima volta nel calendario della Camera Nazionale della Moda Italiana. Dal 25 al 27 febbraio WHITE MILANO mette in mostra il carattere internazionale della manifestazione dedicata al womenswear che, a questa edizione, prevede un afflusso di circa 22mila tra visitatori e operatori del settore. La vocazione alla ricerca e alla cultura della moda contemporary porta in scena, nel Tortona Fashion District, un brand mix di 511 marchi, di cui 145 provenienti dall’estero e 189 new entry. La superficie espositiva arriva a 20mila mq.…
Un mondo che muta rapidamente, anche gli stili di vita si evolvono sotto i nostri occhi e modificano comportamenti e utensili che scandiscono le nostre giornate. Homi, dal 27 al 30 gennaio, riunisce nei quartieri espositivi di Fiera Milano a Rho Pero le ultime novità in fatto di stili di vita e oggettistica per la casa e la persona (oltre che di accessori moda e bijoux). L’edizione (che ha aperto ieri, n.d.r.) accoglierà oltre mille espositori, tra aziende e piccoli produttori, artigiani e designer che si confronteranno con un pubblico specializzato, grazie anche a mostre e iniziative speciali. Tra queste, molto attesa è Homi Smart, un format sperimentale realizzato in collaborazione con IdLab, che mette al centro l’innovazione tecnologica: scopo dell’iniziativa è di fornire, da un lato, gli strumenti alle aziende per comprendere le principali tendenze tecnologiche e il modo in cui influiscono sugli stili di vita; dall’altro, mette in…
La parola più usata per descriverla era zarina. Zarina della moda italiana. A ben guardare una definizione sibillina, che spiega, certo, quanto influente e potente fosse Franca Sozzani, scomparsa oggi (ieri, n.d.r.) a soli 66 anni dopo una malattia che in un anno ha consumato la sua famosa e inesauribile energia. Ma quella parola, zarina, spiega anche quanto fosse invidiata, specie nel nostro Paese, secondo un copione molto italico. Era invidiata per la sua posizione di direttore di Vogue Italia dal 1988 – un record alla guida di una rivista che nemmeno Anna Wintour, direttore di Vogue America, può vantare. Ma era invidiata – e per fortuna anche molto ammirata - per quello che aveva fatto per la moda italiana e per la sua immagine e promozione all'estero. Dal 2006 era inoltre direttore di Vogue Uomo e dal 2015 era direttrice responsabile di tutti i periodici col marchio Vogue, fiore…
L’edizione di settembre 2016 di WHITE è in assoluto la più rilevante di sempre sia per i numeri sia per i progetti. WHITE inaugura nuove sezioni: WHITEAST introducing CHINA, nuovo padiglione dedicato al contemporary cinese con JINNNN come special guest&event, RED AREA - ONLY NEW BRANDS @ WHITE, una sezione di marchi, che si rinnova completamente ad ogni edizione, per offrire sempre nuovi spunti ai buyer; BREAK TIME, un progetto per conoscere la cultura e il Dna stilistico dei Paesi emergenti e una nuova sezione BEAUTY ripensata all’ingresso del salone in Tortona 27 Superstudio. Continua inoltre il focus sull’artigianalità di nuova generazione con WHITE STUDIO – It’s Time to Contemporary Artisan, che rappresenta il primo progetto di MIAC - Moda Italiana Aziende Contemporary una branch nata dall’accordo tra Confartigianato Moda e White. Ampio spazio all’internazionalità grazie ad alcune aree speciali con designer dalla Georgia e dal Belgio, dal Portogallo e…
Le boutique in via Vincenzo Capelli, nuova strada del lusso milanese in zona Porta Nuova che collega Piazza Gae Aulenti a Corso Como, sembrano abitate più dal malcontento che dai clienti. Nonostante la presenza di importanti griffe, quali Dsquared2, Moschino, Les Hommes, Vivienne Westwood, Costume National, Christian Louboutin, il quartiere è ben lontano dall’affermarsi come punto di riferimento del lusso. Perciò, i brand sono passati all’azione, chiedendo un intervento strutturale al Comune per risolvere uno dei punti critici: il difficile accesso ai negozi, a causa dei gradini laterali che spezzano la linearità del percorso principale sulla rampa centrale. Stefano Rosso, figlio del fondatore della Diesel e consigliere delegato della Red Circle, la società di famiglia che controlla alcuni degli immobili dell’area, ha confermato a PambiancoNews l’incontro con l’amministrazione comunale per facilitare l’ingresso ai punti vendita. “La rampa è poco ospitale”, ha commentato. Ma non solo. Le problematiche sono più ampie, e non condivise con chi abita nel…
Pagina 1 di 13

Claudio for Expo

ICH Sicav

 

 

 

 

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Per saperne di piu'

Approvo

Scrivi alla Redazione

Puoi scriverci al seguente indirizzo:

bollentini@labissa.com

 

 

 

Seguici anche su:

Realizzato da: Cmc Informatica e Comunicandoti