Claudio for Expo

ICH Sicav

 

ZES: ora si sveglia anche la sinistra. Ma dov’era tre anni fa?

Scritto da

Meglio tardi che mai, verrebbe da commentare, ma si stenta a credere alla buona fede. Si tratta chiaramente, occorre tenerlo ben a mente, di politica politicante e per giunta in clima da campagna elettorale, regionali e politiche ormai imminenti. E qualcuno è a corto di argomenti. Stiamo parlando di Zes, la Zona Economica Speciale, votata in Regione quel dì e ora dispersa nel porto delle nebbie romano dove come noto c'è un governo di diverso colore politico rispetto alla regione Lombardia. Lemme lemme però matura anche il PD locale ed in ritardo di tre anni il consigliere regionale varesino Alessandro Alfieri propone ora di fare lobbying territoriale per ottenere appunto la Zona Economica Speciale nei territori di confine. In soldoni, si tratta di defiscalizzare una certa area per rilanciare l’impresa e le attività economiche oggi a forte rischio declino. Raccogliamo però con soddisfazione la proposta di Alfieri. Come già commentato, proprio pochi giorni fa su questo giornale, il clima sta cambiando, nei confronti dei frontalieri e nei confronti, ora, dei territori di confine a rischio desertificazione di attività economiche per la concorrenza d'oltrefrontiera e per le delocalizzazioni. Su questa conversione sulla strada delle elezioni lasciamo parlare Luca Marsico, consigliere regionale varesino di Forza Italia e strenuo promotore e sostenitore fin dalla prima ora del provvedimento. «Appare estremamente singolare la presentazione da parte del consigliere regionale Alfieri di una mozione a Palazzo Estense volta a istituire una Zona Economica Speciale (ZES) da equiparare all'area che gode dello sconto benzina che include i comuni che distano meno di 20 chilometri dalla frontiera con la Svizzera.

E' una posizione sorprendente considerando il fatto che nel 2014 tutto il gruppo consiliare del Partito Democratico in Consiglio regionale ha votato contro la proposta, che oggi vorrebbero revisionare, di legge parlamentare volta ad istituire la Zona Economica Speciale con la sola eccezione del consigliere comasco Luca Gaffuri che si è astenuto e degli consiglieri assenti tra cui proprio Alfieri.

Il Partito Democratico arriva in ritardo di quasi tre anni e, fra l'altro, in questa “mozione di revisione” verrebbe esclusa l'area dei comuni del sedime aeroportuale di Malpensa che, al contrario, godrebbero del beneficio previsto dalla ZES grazie ad un mio ordine del giorno votato l'8 luglio a compendio del provvedimento se il governo di Roma desse seguito alla proposta di Regione Lombardia.»

Un consiglio non rischiesto alla politica varesina: prendere al balzo questa opportunità più unica che rara di fare lobbying a favore del territorio. sinergie trasversali virtuose per portare a casa finalmente qualcosa.

 

Letto 1346 volte

Claudio for Expo

ICH Sicav

 

 

 

 

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Per saperne di piu'

Approvo

Scrivi alla Redazione

Puoi scriverci al seguente indirizzo:

bollentini@labissa.com

 

 

 

Seguici anche su:

Realizzato da: Cmc Informatica e Comunicandoti