• Varese, Leonardi (Forza Italia): Galimberti si dimetta
    Varese, Leonardi (Forza Italia): Galimberti si dimetta E dire che Davide Galimberti, oggi sindaco varesino, aveva addirittura promesso ai tempi della campagna elettorale la balneazione del lago di Varese. Una incauta e superficiale dichiarazione dal sen sfuggita in un momento sicuramente teso ed infuocato, ma tant’è. Quella proposta la poteva però formulare solo chi non è al corrente della complessa e infinita storia dell’inquinamento del lago più amato dai varesini, una storia, come noto a tutti, dalla difficile risoluzione almeno in tempi brevi. Ma fece discutere quella sparata, non sorridere, era infatti un prologo di tristi presagi. I più attenti e prudenti avevano già immaginato la futura deriva della Varese “sinistra” che di lì a poco avrebbe preso le redini di Palazzo Estense. E a quasi un anno dall’insediamento, il bilancio annovera promesse mancate o realizzate in…

Claudio for Expo

ICH Sicav

 

Home Page

Home Page (7977)

La notizia, o la mazzata, della settimana per Regione Lombardia è di quelle che irritano e lasciano il segno soprattutto nei settori in cui si difende o si lotta da sempre per l’autonomia, quella vera, non quella strumentale e di maniera predicata nei sinedri di partito, nelle sagre di paese o durante le campagne elettorali. Come noto, il governo ha bocciato il taglio del cosiddetto superticket. "Ieri il Consiglio dei ministri ha impugnato la nostra legge di bilancio che riduce i ticket, che dimezza i super ticket. È una decisione incredibile perché noi garantiamo il pareggio di bilancio". Lo ha detto ieri il presidente della Regione Lombardia, Roberto Maroni, a margine del convegno Dillo alla Lombardia. "Adesso vedremo quali misure prendere lunedì in giunta, però la decisione è incredibile e la dice lunga sull'autonomia che hanno le Regioni. Prendo atto con amarezza del fatto che il governo ha deciso che…
Quanto è lontana piazza del Duomo con le sue palme e con i suoi banani, con il chiasso delle polemiche e dello scontro politico e mediatico. A Porta Nuova si lavora in silenzio e tra gli avveniristici edifici del nuovo quartiere direzionale quasi ultimato sta prendendo vita la Biblioteca degli Alberi. Un parco tematico di novantamila metri quadrati firmato dalla paesaggista olandese Petra Blaisse, con «orti didattici», «stanze vegetali» e «foreste circolari», all’ombra appunto dei grattacieli di Porta Nuova tra il Bosco Verticale, la Fondazione Catella, l’Unicredit Pavilion e la Torre progettata da Cesar Pelli. Prende forma, finalmente, a oltre dieci anni dal concorso indetto dal Comune di Milano per «compensare» il grande intervento urbanistico che ha ridisegnato il quartiere, la «Biblioteca degli alberi» Tra il verde si alterneranno zone a prato rasato e prato fiorito, giardini dedicati alle erbe aromatiche e ornamentali (Piet Oudolf, ideatore dei giardini di graminacee,…
Architetto e disegnatore eccezionalmente fecondo, valido rappresentante dell'architettura neoclassica, meditata sull'opera di Andrea Palladio, protagonista del rinnovamento dell’architettura russa durante il regno di Caterina II, il bergamasco Giacomo Quarenghi fu spesso affiancato, nei cantieri delle sue numerose opere, da architetti e capomastri provenienti dall’attuale Cantone Ticino, che avevano eletto la terra degli zar a meta delle loro migrazioni di mestiere. Quarenghi fu oggetto di una diffusa ammirazione da parte loro, alimentata dalla sua fama di architetto e dal suo talento di disegnatore. L’esposizione, realizzata presso la Pinacoteca Zust di Rancate in collaborazione con l’Archivio del Moderno di Mendrisio, è parte del programma internazionale delle celebrazioni per i duecento anni dalla morte dell’architetto e raduna per la prima volta i disegni di mano, ambito o soggetto quarenghiano conservati nelle raccolte ticinesi, parte dei quali inediti. Giacomo Quarenghi, nato in una frazione di Rota Imagna in provincia di Bergamo il 21 settembre…
Entra nel vivo «il grande progetto per dire addio alle esondazioni del Seveso che flagellano Milano da oltre settanta anni». Partono infatti «i lavori per la vasca di laminazione a Senago e quelli per l’adeguamento del canale scolmatore. Tutto questo grazie alla tenacia del governatore Roberto Maroni e di Regione Lombardia, che hanno considerato queste opere tra le priorità della legislatura, prima combattendo per sbloccare i finanziamenti statali e poi mettendo in campo tutte le competenze tecniche per iniziare le opere». A dare l’annuncio dell’avvio del cantiere è stata Viviana Beccalossi, assessore regionale al Territorio, Urbanistica, Difesa del suolo e Città metropolitana. «Il progetto - ha detto Beccalossi - è finanziato con 142 milioni di euro, che comprendono anche le altre opere, tutte in fase avanzata di progettazione, come le altre aree di laminazione localizzate nei comuni di Paderno Dugnano-Varedo, Lentate sul Seveso, Vertemate-Carimate-Cantù e Milano. La vasca di Senago…
Sembra tutto pronto per il passaggio di proprietà del Milan: da Berlusconi alla cordata cinese capitanata dall’uomo d’affari Yonghong Li. Negli scorsi giorni, secondo le indiscrezioni, Fininvest avrebbe ricevuto la lista finale dei nomi, ancora informale, che dovrebbe tuttavia essere confermata nel fine settimana. E i nomi, ancora una volta, mutano rispetto a quelli indicati negli ultimi mesi, a dimostrazione della caratteristica a “porte girevoli” del fondo Ses, Sino Europe Sports. Ebbene, la lista finale, con ogni probabilità, dovrebbe vedere l’ingresso della China Construction Bank (Ccb) e della China Merchants Bank più di un altro soggetto di Hong Kong, probabilmente un asset manager. I soldi arriveranno in Italia come equity, ma resta da capire se nei veicoli off-shore abbiano la forma di finanziamenti. Questi tre nuovi investitori dovrebbero dunque unirsi agli altri soggetti, già dati come sicuri partecipanti alla cordata: cioè il capo-consorzio Yonghong Li, Haixia Capital e Huarong. Non…
Al via in questi giorni le migrazioni di migliaia di anfibi verso fiumi, laghi, stagni e luoghi umidi. Le associazioni cercano volontari per creare “corridoi” ed evitare la consueta strage sulle strade. La Lombardia da 40 anni è per la protezione degli anfibi, indicatori di salute ambientale. Verso la primavera e il risveglio della natura, i primi a muoversi saranno gli anfibi che proprio in questi giorni iniziano la loro migrazione verso le aree umide (stagni, laghi e fiumi) dove andranno per riprodursi. Un rito ancestrale, vecchio di milioni di anni che porta questi animali a tornare sempre e solo nelle zone dove sono nati, guidati da un istinto fortissimo e inspiegabile, seguendo sempre la stessa rotta, la stessa strada. Arrivando anche a intasare i loro percorsi naturali, dove si ritrovano a centinaia, il percorso che compiono può essere di poche centinaia di metri, ma può arrivare sino ai 3-4…
UniCredit sfiora l’en plein al primo colpo. Si è conclusa la prima fase dell’aumento, e per arrivare ai 13 miliardi richiesti al mercato, mancano all’appello solo 30 milioni. Nel dettaglio, ha comunicato in serata la banca, nel periodo di offerta sono stati esercitati 616.559.900 diritti di opzione e, quindi, sottoscritte 1.603.055.740 nuove azioni, pari al 99,8% del totale delle nuove azioni offerte. Strada tutta in discesa, ormai: i diritti non esercitati, pari a 1.469.645 unità, saranno offerti in Borsa dal 27 febbraio al 3 marzo prossimi, salvo chiusura anticipata dell’offerta. Come si diceva, lo 0,2% di nuove azioni non sottoscritto ha un controvalore di poco superiore a 30,9 milioni di euro. Una volta riaperti i termini per i diritti non esercitati, i diritti acquistati potranno essere utilizzati per la sottoscrizione, al prezzo di 8,09 euro per ciascuna nuova azione, di 13 nuove azioni ordinarie ogni cinque diritti acquistati. Come si…
"La grande partecipazione di oggi a questo incontro, conferma che il messaggio iniziale e' passato e che sono state colte le opportunita' rappresentate dall'Interreg". Cosi' l'assessore regionale con delega ai Rapporti con la Confederazione Elvetica Francesca Brianza, ha aperto il suo intervento oggi a Lariofiere, all'incontro 'Interreg Italia-Svizzera: i prossimi passi. Le opportunita' di cooperazione per il territorio lariano". All'appuntamento, a cui hanno partecipato anche i sottosegretari Daniele Nava (Riforme istituzionali, Enti locali, Sedi territoriali e Programmazione) e Alessandro Fermi (Attuazione del programma e Rapporti istituzionali nazionali), sono stati invitati tutti coloro che hanno presentato la manifestazione d'interesse al Programma di Cooperazione 'Interreg V-A Italia-Svizzera 2014-2020'. L'Interreg e' un programma di cooperazione transfrontaliera che contribuisce a conseguire gli obiettivi della Strategia Europa 2020 in linea con i regolamenti comunitari e la nuova politica regionale svizzera (Npr), individuando i bisogni comuni ai due versanti della frontiera. La parte tecnica dell'incontro e'…
La crisi in cui si dibatte il Pd, il declino renziano che si ripercuote sul governo Gentiloni che appare sempre più debole e la conseguente confusione che regna nel centrosinistra hanno sparigliato le carte ovunque e hanno dato qualche certezza in più al fu centrodestra. Coalizione come noto data per dispersa da anni, incapace di reagire, di rigenerarsi, di progettare una vittoria, di affrontare serenamente la successione a Berlusconi. La vecchia e gloriosa alleanza berlusconiana-leghista dei tempi andati è ormai archiviata, appare derelitta, fuori dal tempo, senza leadership certa. L’unico elemento o stratagemma per seppellirla definitivamente evitando scontri fratricidi all’ultimo sangue si chiama proporzionale, inteso nel senso di legge elettorale. Le parti in gioco del centrodestra hanno sempre evitato la rottura barcamenandosi in un estenuante tira e molla solo perché la coalizione esiste ancora, eccome, ma solo nelle realtà locali, fino al livello regionale. Dove, se si corre uniti, si…
Franco Tosi a Legnano fa rima con timore, quello che la storica azienda di turbine, da tempo salvata dalla brianzola Bruno Presezzi Spa, possa trasferirsi e lasciare quindi gli storici stabilimenti a due passi dal monumento in memoria di Alberto da Giussano. Ci pensa ora la Regione a mettere qualche carta sul tavolo. “Regione Lombardia intende impegnarsi attivamente e concretamente per il mantenimento della ‘Franco Tosi’ nella sede storica di Legnano, scongiurando il trasferimento della produzione. A tal fine si rendono disponibili fino a 2,2 milioni di euro a fondo perduto, nel rispetto delle regole in tema di aiuti di Stato, per cofinanziare un Contratto di Sviluppo con il Ministero per lo Sviluppo Economico e la Bruno Presezzi Spa. Lo rendono noto gli assessori regionali Luca del Gobbo (Universita’, Ricerca e Open Innovation), Massimo Garavaglia (Economia, Crescita e Semplificazione) e Mauro Parolini (Sviluppo economico). “Il contributo regionale – spiegano gli assessori – sara’ finalizzato…
Sono passati 260 anni dalla nascita di Alessandro Rolla, il compositore pavese che per trent’anni fu direttore dell’orchestra della Scala e conobbe, nei salotti più colti della nobiltà milanese, artisti e intellettuali tra i quali Vincenzo Monti e Andrea Appiani. Nato a Pavia nel 1757, Rolla arrivò a Milano da ragazzo per studiare violino e viola e nel 1772 venne assunto come prima viola nell’Orchestra Ducale di Parma, diventandone in breve primo violino e poi direttore. Dopo la morte del duca di Parma Ferdinando, tornò a Milano, dove divenne una delle figure più importanti della vita musicale e culturale cittadina. Nominato primo violino e direttore dell’orchestra della Scala, seppe aumentarne in modo esponenziale il livello contribuendo a trasformare il teatro in una grande istituzione musicale amata e stimata in tutto il mondo. Dal 1808 al 1835 Rolla ricoprì la cattedra per l’insegnamento di violino e viola al Conservatorio di Milano,…
What are we going to do with all this future? È la domanda, liberamente ispirata a due opere di William Blake e Jane Austen, che compare sull’invito alla sfilata Gucci che si terrà oggi (ieri, n.d.r.) alle 15 nella nuova sede della maison fiorentina (vedi foto, n.d.r.). Quale potrà mai essere il legame tra un poeta e una scrittrice vissuti tra il Settecento e l’Ottocento in Inghilterra con la moda globale del nuovo millennio? La risposta – si perdoni il calembour – è nella domanda. Come useremo tutto questo futuro? Il riferimento può essere all’intero fashion system, che non perde la sua forza economica e la capacità di influenzare la società, anche grazie a internet, ma soprattutto a Milano come capitale mondiale della moda. Solo altre tre città – New York, Londra e Parigi – possono ambire allo stesso ruolo. Le prime due però hanno già perso il confronto: New…
Quello che è accaduto ieri a Roma è la fotografia di una politica inconsistente, incapace di decidere, capace solo di rinviare. Una politica che subisce il ricatto dei violenti, senza dignità, senza rispetto per se stessa e per le istituzioni. Una politica debole davanti a ricatti violenti, arrogante di fronte ai deboli e ai bisogni delle persone. In Italia da tempo immemorabile si va avanti con il "mille proroghe": una legge che è lo specchio della incapacità di decidere della politica italiana. Si prorogano di anno in anno diritti acquisiti spesso incompatibili con il nostro ordinamento. Proroghe, deroghe, piccoli privilegi, posizioni di rendita che la politica non riesce a chiarire. Succede con le norme della Bolkenstein: da dieci anni esiste una normativa comunitaria alla quale l'Italia si dovrebbe adeguare. Tanti Paesi lo hanno fatto dando stabilità al quadro normativo e proteggendo gli interessi in campo. In Italia di proroga in…
Torna all’ordine del giorno in Lombardia la Zona Economica Speciale (ZES) a favore dei territori di confine. Se ne torna a parlare a proposito di una mozione inviata ai comuni della provincia di Varese ai fini di un approvazione volta a spronare la Camera dei Deputati a dare seguito alla proposta di legge al Parlamento licenziata dal Consiglio regionale lombardo l'8 luglio 2014. Queste le parole del consigliere regionale di Forza Italia Luca Marsico: «L'invito è che tutti i comuni della Provincia di Varese possano, al più presto, dare approvazione alla mozione per l'individuazione di una zona economica speciale (ZES) nei territori di confine con la Svizzera per dare un segnale deciso alla Camera dei Deputati dove la proposta di legge al Parlamento giace dal luglio 2014 quando il Consiglio regionale lombardo l'ha licenziata impegnando sul tema Roma. La Zona Economica Speciale porterebbe, se applicata, vantaggi nelle aree territoriali della…
"Taca la baraunda curianduli cuntra i pensèe intaant che’l Brütt dunda el Bell fa vede’l butasc Denaanz gh’è’l Mascheron subit dopo la Segürtà de dree i düü Sapoer dumà la Ciocia la parlerà ai gabul de la tua vita te ghe penseret duman podet mea scapàa del Carnevaal de Schignan” Davide Van De Sfroos - ‘El carneval de Schignan” - Pica 2011 Storico, particolare e radicato è il Carnevale che si svolge nella Val d'Intelvi, in quel di Schignano, paese formato da diverse frazioni, abitato abitualmente da 900 persone, posizionato a 650 metri d'altezza, in una conca a ridosso delle vette della zona che arrivano a quota 1400, per un territorio che fa da spartiacque tra il Lago di Como e quello di Lugano. Un Carnevale che vede le sue radici perdersi veramente nella notte dei tempi. Da secoli è un periodo di festa molto sentito e celebrato con entusiasmo…
La Bocconi è ai vertici di produttività scientifica nelle aree di ricerca in cui è attiva (scienze economiche e statistiche e scienze guridiche), secondo la Valutazione qualità della ricerca per il quadriennio 2011-2014 (Vqr 2011-2014) dell’Agenzia nazionale di valutazione del sistema universitario e della ricerca (Anvur), presentata oggi. Le pubblicazioni dei suoi ricercatori valgono alla Bocconi il primo posto tra i grandi atenei dell’area economico-statistica e il secondo tra i piccoli atenei di quella giuridica (le dimensioni sono valutate in relazione al numero di docenti attivi nel settore di ricerca). La Bocconi è, inoltre, al primo posto nell’area economico-giuridica per quanto riguarda il contributo scientifico dei docenti neoassunti o appena promossi, che risulta più alto rispetto al contributo scientifico dei neoassunti e dei neopromossi delle altre università italiane. Attraverso questa valutazione, spiega l’Anvur, “si può capire chi ha assunto i migliori e, quindi, determinare la capacità di selezione del personale…
Considerazioni a margine delle recenti vicende del Pd. Visto quel che succede a sinistra chiunque oggi immaginerebbe davanti alla destra italiana una strada spianata verso la vittoria elettorale alle prossime politiche. Il problema è che la destra non esiste più, almeno nella forma, nelle persone e nei programmi che abbiamo visto e conosciuto finora. Tra una sinistra che sta miseramente affondando in una crisi ferale e una destra sparita irrimediabilmente dai radar dell’opinione pubblica, chi si aggira nelle lande desolate della politica nostrana pronto a dare la zampata vincente? Il discrimine non è più tra destra e sinistra, ma tra liberali e populisti, tra globalisti e protezionisti, tra chi vuole restare nell’euro e chi vuole uscirne, tra chi vuole accogliere e chi vuole respingere, tra chi guarda a est e chi guarda a ovest, tra chi è per il sistema inteso come status quo e chi è antisistema, e via…

Claudio for Expo

ICH Sicav

 

 

 

 

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Per saperne di piu'

Approvo

Scrivi alla Redazione

Puoi scriverci al seguente indirizzo:

bollentini@labissa.com

 

 

 

Seguici anche su:

Realizzato da: Cmc Informatica e Comunicandoti